Le Dahlia noir

By

Editeur: Rivages

4.0
(2850)

Language: Français | Number of pages: 488 | Format: Mass Market Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , Chi traditional , German , Italian , Portuguese

Isbn-10: 2869303912 | Isbn-13: 9782869303911 | Publish date: 

Translator: Freddy Michalski

Aussi disponible comme: Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Aimez-vous Le Dahlia noir ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    Non l’ho mai conosciuta da viva. Lei, per me, esiste solo attraverso gli altri, nell’evidenza delle loro reazioni alla sua morte. Scavando a ritroso e attenendomi ai fatti posso dire che era una ragaz ...continuer

    Non l’ho mai conosciuta da viva. Lei, per me, esiste solo attraverso gli altri, nell’evidenza delle loro reazioni alla sua morte. Scavando a ritroso e attenendomi ai fatti posso dire che era una ragazza triste e una puttana. Nella migliore delle ipotesi era una fallita, un’etichetta che, del resto, potrei applicare a me stesso.

    Wow che libro! Nel panorama della letteratura di genere questo romanzo merita decisamente un posto in prima fila. E’ una storia torbida, brutale, nulla è lasciato all’immaginazione. Ellroy getta in faccia al lettore il corpo mutilato di Elizabeth Short senza risparmiargli niente. Le ossessioni dei protagonisti, lo squallore di alcuni quartieri, nessuno esce pulito da questa storia.
    Ne sconsiglio la lettura prima di addormentarsi! :)

    dit le 

  • 4

    E come ring la vita

    Anni '40, l'omicidio efferato di Elizabeth Short - realmente avvenuto, irrisolto - e un'indagine ossessiva, dannatamente ossessiva, che scoperchia miserie e squallori e poche gioie, che travolge equil ...continuer

    Anni '40, l'omicidio efferato di Elizabeth Short - realmente avvenuto, irrisolto - e un'indagine ossessiva, dannatamente ossessiva, che scoperchia miserie e squallori e poche gioie, che travolge equilibri privati e sociali.

    Un Noir a tutti gli effetti, le cui ombre si manifestano a più riprese come in un incontro di pugilato, arte in cui spiccano i due poliziotti protagonisti, Lee e Dwight.
    Un bel Noir.

    dit le 

  • 4

    Questo romanzo scritto benissimo e con una buona dose di suspense ruota fondamentalmente attorno ad un'ossessione:chi ha ucciso la Dalia nera ? Ellroy richiama un fatto realmente accaduto, descrive l ...continuer

    Questo romanzo scritto benissimo e con una buona dose di suspense ruota fondamentalmente attorno ad un'ossessione:chi ha ucciso la Dalia nera ? Ellroy richiama un fatto realmente accaduto, descrive la malavita, gli ambienti corrotti di una Los Angeles degli anni '40/'50, parla di pugilato, di rapporti di amore e odio tra i due protagonisti principali, di indagini e della tenacia di chi vuole dare una soluzione a questo caso. Un grande noir nel quale vengono ben delineate le personalità dei personaggi, le loro ansie, le loro menzogne,i loro incubi e con il suo linguaggio schietto l'autore non ha lesinato sulla descrizione di particolari raccapriccianti. Veramente uno dei migliori noir che ho letto, coinvolgente dall'inizio alla fine, penso che continuerò con gli altri volumi della tetralogia della quale questo è il primo.

    dit le 

  • 5

    Il corpo senza vita e orribilmente mutilato di Elisabeth Short fu ritrovato in un campo il 15 gennaio 1947. Questo è il fatto di cronaca da cui si dipana l'intricata trama di questo bellissimo romanzo ...continuer

    Il corpo senza vita e orribilmente mutilato di Elisabeth Short fu ritrovato in un campo il 15 gennaio 1947. Questo è il fatto di cronaca da cui si dipana l'intricata trama di questo bellissimo romanzo e intorno al quale Ellroy crea personaggi e storie che vanno ad incastrarsi come un puzzle. I rivali pugili Bleichert e Blanchard, il signor Ghiaccio e il signor Fuoco, per motivi diversi entrano in polizia e dopo un ultimo incontro di boxe diventano soci e seguono il caso. Le indagini portano a galla il passato non proprio roseo della Dalia Nera (nome che la stampa affibia da subito alla vittima), donna di facili costumi capace di vendersi per denaro, bugiarda cronica, avida di soldi, inconcludente e mezza fallita. Il caso diventa un ossessione e mina non solo la loro amicizia ma la loro vita. Il ritmo è incalzante ed è difficile smettere di leggere. le ultime cento pagine non danno tregua e i colpi di scena tolgono il respiro. Una lettura di quelle che non si dimenticano. Straordinario

    dit le 

  • 4

    La mattina del 15 gennaio 1947 il corpo orribilmente squarciato e mutilato della giovane Elizabeth Short viene ritrovato in un quartiere di Los Angeles. Per la stampa Elizabeth diventa in breve la Dal ...continuer

    La mattina del 15 gennaio 1947 il corpo orribilmente squarciato e mutilato della giovane Elizabeth Short viene ritrovato in un quartiere di Los Angeles. Per la stampa Elizabeth diventa in breve la Dalia Nera, ed il suo è uno dei più noti casi irrisolti di omicidio d'America.
    Ellroy abitava a poca distanza e con questo romanzo, che è uno dei suoi caratteristici e riusciti incontri fra ricostruzione storica e fiction poliziesca, elabora un fatto di cronaca che lo aveva molto colpito.
    Il male che emerge feroce dal delitto, ricostruito con dovizia di dettagli truculenti, coglie indifesi gli agenti Bleichert e Blanchard, colleghi, rivali sul ring ed amici nella vita, e minaccia di invischiare per sempre la loro esistenza. L'oscura rete di relazioni svelata dalle indagini disegna un affresco in cui il “noir” sembra essere l'essenza stessa di un mondo fondamentalmente marcio e corrotto, in cui pare che tutti abbiano dei segreti inconfessabili da nascondere.
    Ellroy è perfettamente padrone di una storia straordinariamente complessa, piena zeppa di personaggi controversi e calata in un contesto ricostruito con puntigliosa attendibilità.

    dit le 

  • 3

    Dalia Nera

    Molto noir, molto torbido ed intricato. Tanto squallore nell'ambiente che circonda i personaggi, così come nelle loro stesse vite (a cominciare dalla Signorina Short). Avevo una grande curiosità di le ...continuer

    Molto noir, molto torbido ed intricato. Tanto squallore nell'ambiente che circonda i personaggi, così come nelle loro stesse vite (a cominciare dalla Signorina Short). Avevo una grande curiosità di leggere questo romanzo perché conoscevo a grandi linee la vera storia della Dalia Nera, ma nel leggerlo spesso mi veniva voglia di chiudere questo libro per poter entrare una storia meno torbida e brutale, per togliermi di dosso quel polveroso squallore. Non è da me, di solito sono più tollerante. In ogni caso lo consiglio vivamente agli amanti del genere.

    dit le 

  • 4

    Davvero molto bello... mi ha tenuto incollata alle sue pagine fino alla fine anche se le descrizioni dell'omicidio mi hanno un po' impressionato.

    dit le 

  • 3

    Una sana paura, sconsigliata ai deboli di cuore

    Erano davvero attimi di panico quando l'autore descriveva i dettagli sanguinolenti che prendeva in esame e li sottoponeva alla mia attenzione...l'ho letto con un'ansia...terrificante. Che poi, anche i ...continuer

    Erano davvero attimi di panico quando l'autore descriveva i dettagli sanguinolenti che prendeva in esame e li sottoponeva alla mia attenzione...l'ho letto con un'ansia...terrificante. Che poi, anche io, cosa cavolo mi aspettavo da un noir...violette e margheritine??? Non so se ho chiuso con il genere, ma se questo è il modo solito di scrivere di Ellroy, ebbene di sicuro ho chiuso con lui. La notte vorrei dormire, non rigirarmi tra le coperte con scene cruente in testa...mannaggia!!!

    dit le 

  • 4

    Parecchie cose, specie quelle che succedono all'inizio, non le ho capite, siccome sono testarda come un mulo ho continuato a leggerlo in originale, alla fine quasi tutti i conti tornano e siccome sono ...continuer

    Parecchie cose, specie quelle che succedono all'inizio, non le ho capite, siccome sono testarda come un mulo ho continuato a leggerlo in originale, alla fine quasi tutti i conti tornano e siccome sono anche pigrissima lascerò le ultime lacune dove sono e non lo rileggerò.
    Mi ha fatto pensare ad un altro bel libro letto abbastanza di recente: Mezzanotte a Pechino di French.
    The black dahlia, diversissimo per stile, trama e ambientazione (forse solo per i 2 diversi continenti), l'ho trovato ugualmente crudele e appassionante, un filo più ingarbugliato però.

    dit le 

  • 5

    L'atmosfera noir di questo imperdibile classico di Ellroy è avvolgente e impossibile da dimenticare. Consigliatissimo a chi ama il genere ma anche agli appassionati di true crime: nonostante la storia ...continuer

    L'atmosfera noir di questo imperdibile classico di Ellroy è avvolgente e impossibile da dimenticare. Consigliatissimo a chi ama il genere ma anche agli appassionati di true crime: nonostante la storia della bellissima Dalia sia romanzata, moltissimi punti si rifanno al vero omicidio di Elizabeth Short.

    dit le 

Sorting by