Le Monde de Barney

By

Editeur: LGF - Livre de Poche

4.3
(9889)

Language: Français | Number of pages: 603 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Italian , German , Spanish , Dutch

Isbn-10: 2253149950 | Isbn-13: 9782253149958 | Publish date: 

Translator: Bernard Cohen

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Aimez-vous Le Monde de Barney ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 3

    Questo libro potrebbe iniziare tranquillamente con C’era una volta, non perché sia una favola ma perché parte da molto molto lontano. Conosciamo Barney da piccolo per poi con lo scorrere delle pagine ...continuer

    Questo libro potrebbe iniziare tranquillamente con C’era una volta, non perché sia una favola ma perché parte da molto molto lontano. Conosciamo Barney da piccolo per poi con lo scorrere delle pagine vederlo grande fino alla fine della sua vita e su questo nulla da dire se non fosse che leggendo la quarta di copertina si parla di un’ accusa di omicidio e io di quella volevo sentir parlare, visto che Barney dovrebbe darci la sua versione dei fatti, invece tutto ciò avviene e solo in parte nell’ultimo capitolo!!! Che sia scritto bene è fuor di dubbio e capisco pure l’esigenza dell’autore di parlarci del Barney di prima per farci inquadrare il personaggio ma due maxi capitoli su tre mi sembra un po’ troppo, è vero che noi in parte siamo frutto del nostro passato ma ridurre questa versione che uno si aspetta in pochissime pagine e solo sul finale non mi ha fatto piacere per nulla. Lo consiglio lo stesso ma con le pinze perché per il resto si tratta della biografia dello stesso protagonista e ci restituisce uno spaccato di vita di un ebreo in Canada e delle sue mille difficoltà sia che gli arrivino dall’esterno sia difficoltà che lui stesso si crea con le sue mani.

    dit le 

  • 4

    Un meraviglioso discorso fra sbronzi

    È la nostalgia che proprio non ci molla mai - quella stronza

    Che oggi non è mai ieri (ma lo sappiamo) e quando era ieri, arrotolati nelle coperte di un albergo a fumare Montecristo, ci sembrava il sol ...continuer

    È la nostalgia che proprio non ci molla mai - quella stronza

    Che oggi non è mai ieri (ma lo sappiamo) e quando era ieri, arrotolati nelle coperte di un albergo a fumare Montecristo, ci sembrava il sole!
    Ma son chiacchere da bar, tutto questo romanzo è una chiaccherata da bar, ma non sono forse le chiacchere migliori quelle?
    Quelle poetiche e strascicate, alle 3 di notte in una piazza deserta, se non si contano i frantumi della serata... Il Macallan che tracanna ogni due pagine, ti vien da pagarglielo tu!

    M'hanno preso in giro, quelli che dietro il libro hanno scritto "una delle storie più divertenti che ci siano mai state raccontante"!
    Mi fa venire in mente la mia insegnante di istituzioni di drammaturgia, che si prodigava a convincermi che "Aspettando Godot" fosse un'opera comica - soprattutto quando a uno dei due vagabondi gli si calano i calzoni.
    Ma è colpa mia, perchè è la cornice di questo romanzo che ti frega (e che ti frega due volte, perchè l'han messa alla fine).
    Tutta questa sgangherata, esuberante, rancorosa ed entusiasta divagazione è l'intimo umano, quello talmente falso e distorto, da essere ingenuamente sincero
    Ed è molto semplice capirne il senso.
    Barney non cerca di convincerci - per quanto sembri provarci - cerca solamente di dirci "io ho vissuto".

    Come nell'episodio (meraviglioso) in uno dei salotti buoni dove va alla ricerca della sua seconda moglie; guarda, si imbatte in un quadro di Leo Bishinsky, amico dei soggiorni parigini: quel quadro gliel'aveva lasciato dipingere, gliel'aveva lasciato proprio a lui, a Barney... Ma chi gli crede... Al terzo Macallan..
    (aneddoti da bar ndr, i più gustosi)
    E allora lo mette per iscritto, assieme ad una serie di dissipazioni e sbronze e fumo e chiassi e casini - che si vede che al nostro caro Mordecai (Richler, s'intende), che ci sorride a mezzabocca quando si rifiuta d'ammettere il Panofsky come suo alterego, ci piace proprio di dipingersi come un Bukowski canadese.
    E ma se gli americani li perculano i canadesi per una estrema gentilezza e disponibilità, un fondo di verità ci deve essere...

    E allora questo Barney cos'è?
    È un dolce dolce idiota, un po' beone, un romantico spigoloso, un artista mancato, uno che s'innamora.
    Ci piacerebbe tirare ad essere come Bukowski, ma è molto meno miserabile, molto meno pessimista, molto meno scorretto; sicuramente molto meno incazzato.

    Ma alla fine ha vinto Barney...
    Personaggio che mi ha strappato più d'una lacrima (che in quasi mezzo migliaio di pagine, se non capitasse, sarebbe un bel problema). Penso che per capirlo appieno ci sia d'andare davvero un po' oltre il suo "personaggio-macchietta" fatto di eccessi e volgarità ostentata (ma censurata, come lo spassosissimo "cunnilungus" utilizzato in un paio d'occasioni che lo fanno, nonostante tutto, molto più posato di quel che è...) - "sei borghese, arrenditi" direbbero gli Afterhours.

    Sinceramente il mistero della morte di Boogie, intorno al quale gira e rigira tutta la vicenda, a me è passato talmente in secondo piano, da non interessarmi più di tanto; la bellezza sta nell'universo di Barney, nel florilegio di personalità e persone e voci e costumi e stravaganze che gli girano intorno, e nella sua vena poetica che esce (eccome se esce) nei momenti meno opportuni coi mezzi meno opportuni, ma con una dolcezza inenarrabile.
    Meglio fa il vecchio Hymie Mintzbaum.. Scrive SETTE PAROLE in tutto il libro: mi hanno scavato l'anima.

    In definitiva, non abbandonatelo perchè puzza di sbronza stantia e noccioline masticate, non guardatelo storto perchè dopo cento pagine ancora non siete lì bene a capire cosa voglia dire; ha passato una giornataccia, statelo a sentire... fidatevi...

    dit le 

  • 4

    Cerco di mettere un po' d'ordine
    nella mia vita
    buttandola tutta all'aria.

    Ogni persona sana di mente dovrebbe aspirare a raggiungere la follia di Barney Panofsky.

    dit le 

  • 5

    Ho segnato la mia piacevole condanna sul corpo di una donna distante. E vivo la vita a metà strada fra il sentiero dei ricordi e il viale del bucolico presente.
    Potevo avere di più, ma adesso mi cullo ...continuer

    Ho segnato la mia piacevole condanna sul corpo di una donna distante. E vivo la vita a metà strada fra il sentiero dei ricordi e il viale del bucolico presente.
    Potevo avere di più, ma adesso mi cullo nel limbo della mia storia senza eroi.

    dit le 

  • 2

    Libro scelto per le numerose recensioni positive lette ma che non ho apprezzato molto. Mi è sembrato che il protagonista volesse 'aggiustare' la storia della sua vita con delle spiegazioni per i poste ...continuer

    Libro scelto per le numerose recensioni positive lette ma che non ho apprezzato molto. Mi è sembrato che il protagonista volesse 'aggiustare' la storia della sua vita con delle spiegazioni per i posteri. L'aspettativa iniziale creata è tanta poi la noia per l'autoreferenzialità del protagonista spegne qualsiasi interesse nel continuare la lettura. Non lo consiglio

    dit le 

  • 5

    Grande Barney!

    Come è possibile leggere un libro così e non rimanerne affascinati? Sembrerebbe solo la descrizione di una vita dissoluta, e invece è un inno alla vita. La vita di Barney è la vita di tutti noi, affro ...continuer

    Come è possibile leggere un libro così e non rimanerne affascinati? Sembrerebbe solo la descrizione di una vita dissoluta, e invece è un inno alla vita. La vita di Barney è la vita di tutti noi, affrontata con disincanto ma da protagonista. Le sue debolezze e le sue certezze le ritroviamo tutti noi se ci soffermiamo a riflettere su di noi. Il desiderio di felicità è senza limiti e con assoluto rispetto degli altri, gli errori sono inevitabili ma compresi e pagati. Un libro che parte difficile e quasi incomprensibile, ma che leggendo si dipana in maniera facile da comprendere. Innovativo

    dit le 

  • 4

    Che personaggio Barney! Un tipo “squallido e competitivo”, capace di farsi detestare ma allo stesso tempo di infondere tenerezza. Un ebreo di rottura, dalla personalità straripante. La scrittura di Ri ...continuer

    Che personaggio Barney! Un tipo “squallido e competitivo”, capace di farsi detestare ma allo stesso tempo di infondere tenerezza. Un ebreo di rottura, dalla personalità straripante. La scrittura di Richler è ricca, arguta, talvolta involuta e complessa, piena di rimandi a diverse fasi temporali, ma ci regala un personaggio unico descritto con passione e humor. Con tanto di sorpresa finale tra le righe.

    dit le 

  • 0

    Ci ho provato la prima volta: interrotto a pagina 10. La seconda: interrotto a pagina 38. L'ultima, d'estate, quando sarei capace di ingoiare di tutto: interrotto attorno a pagina 90. In qualche punto ...continuer

    Ci ho provato la prima volta: interrotto a pagina 10. La seconda: interrotto a pagina 38. L'ultima, d'estate, quando sarei capace di ingoiare di tutto: interrotto attorno a pagina 90. In qualche punto mi ha pure fatto sorridere. Ma proprio non ce la faccio. Il tono della narrazione mi infastidisce. La sequela disordinata di aneddoti mi annoia in maniera insopportabile. Se fosse ordinata mi annoierebbe comunque, eh, non è una critica di natura stilistica, è solo che della vita di Barney Panofsky non mi importa un accidente. Non ci riproverò più, ora lo so. Finora sono stato convinto fosse colpa mia e forse è così, ma secondo me no, il fatto è che tra noi due semplicemente non può funzionare, Richler.

    dit le 

  • 3

    Vi stanno simpatici quei deliziosi vecchietti inaciditi, cinici, maschilisti, contaballe, con la memoria che va e viene e pure un po’ carogne? Beh, a me francamente no (anche se l’età avanza e non son ...continuer

    Vi stanno simpatici quei deliziosi vecchietti inaciditi, cinici, maschilisti, contaballe, con la memoria che va e viene e pure un po’ carogne? Beh, a me francamente no (anche se l’età avanza e non sono sicurissimo di ricordare proprio tutti i nomi dei sette nani…).
    Insomma, Barney Panofsky è un vecchietto così, e ci racconta la sua versione della storia della sua vita, scandita dalle tre mogli e da una vecchia accusa di omicidio che Barney giura infondata e da cui è uscito per insufficienza di prove. All’inizio è divertente, poi però diventa ripetitivo, sempre le stesse sbronze, gli stessi rancori, le stesse fantasie solitarie con la professoressa delle medie Mrs Ogilvy... Ma la versione di Barney si riprende nell’ultima parte, quella dedicata alla terza moglie Miriam: il racconto del primo maldestro appuntamento è da antologia e vale da solo la lettura del libro, e tutta la storia del suo incondizionato amore per Miriam ci svela che a modo suo, molto suo, anche Barney Panofsky nasconde un gran bel cuore d’oro.
    Diciamo tre stelle e mezza.

    dit le 

Sorting by
Sorting by
Sorting by