Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Le amicizie pericolose

By Pierre Choderlos de Laclos

(167)

| Mass Market Paperback | 9788804321040

Like Le amicizie pericolose ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Legati da un rapporto morboso uno sfrenato libertino e un vizioso marchese uniscono le forze per condurre alla perdizione due giovani donne. Il mondo cinico della nobiltà francese del '700 nell'unico romanzo di Laclos (1741-1803), generale di Napoleo Continue

Legati da un rapporto morboso uno sfrenato libertino e un vizioso marchese uniscono le forze per condurre alla perdizione due giovani donne. Il mondo cinico della nobiltà francese del '700 nell'unico romanzo di Laclos (1741-1803), generale di Napoleone.

389 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 4 people find this helpful

    la scacchiera dei sentimenti (*)

    è una partita pericolosa quella tra il vizio e la virtù dove ogni mossa è ben studiata per raggiungere il suo scopo. il linguaggio, lo schema epistolare, la rappresentazione degli eventi si coagulano in forma armoniosa con parole come mosse di pedoni ...(continue)

    è una partita pericolosa quella tra il vizio e la virtù dove ogni mossa è ben studiata per raggiungere il suo scopo. il linguaggio, lo schema epistolare, la rappresentazione degli eventi si coagulano in forma armoniosa con parole come mosse di pedoni e di cavalli nell'intrigo vittorioso della partita. la marchesa de merteuil ed il visconte de valmont sono dalla stessa parte della scacchiera a giocare contro il colore bianco della virtù. ottengono una vittoria senza lasciare un vincitore in un tempo indefinito in luoghi senza nome. è un messaggio distintivo per un romanzo che a posteriori non trova un punto uguale nel tempo. questa lotta perenne tra il bene auspicato e il male procurato, tra il vero e la finzione dei sentimenti serve a raggiungere la fine della scacchiera, a scambiare un pedone per una regina nel cinismo dell'azione e la sua giustificazione. artefice dell'operazione è l'ottimo de laclos non a caso militare e stratega che su un campo di battaglia immaginò la definizione dell'amore. scritto nella sua prima versione di getto, la capacità distintiva dei personaggi è nel dispiego delle parole: irruente, maliziose, ciniche, distaccate ed ancora flebili, ingenue, ardenti, comprensive ed alla fine pietose, oblianti e silenziose... ogni sospiro di un pezzo sulla scacchiera.

    l'antica partita a scacchi oppure il moderno videogioco?

    chiunque tu sia hai tradotto questo libro come si alleva un figlio!

    (*) consiglio il valmont di milos forman con una splendida annette bening nel ruolo della merteuil ovviamente solo ispirato e sospirato al libro, ma che perfettamente rappresenta questa scacchiera dei sentimenti.

    Is this helpful?

    Vincap2002 said on Sep 1, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Il celeberrimo romanzo epistolare che parla di "donne da conquistare o da rovinare, e spesso entrambe le cose" . A volte veloce e malizioso, altre decisamente noioso. Nonostante tutto, leggetevelo, poichè "Chi potrebbe non rabbrividire pe ...(continue)

    Il celeberrimo romanzo epistolare che parla di "donne da conquistare o da rovinare, e spesso entrambe le cose" . A volte veloce e malizioso, altre decisamente noioso. Nonostante tutto, leggetevelo, poichè "Chi potrebbe non rabbrividire pensando alle sventure che può causare una sola relazione pericolosa?"

    Is this helpful?

    Laura-Em said on Aug 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Interessante per entrare nell’ottica di come vivevano all’epoca gli appartenenti al ceto più elevato, a coloro che non avevano certo problemi a sbarcare il lunario e….. detto terra terra, “non avevano un c… da fare”. Immagino che l’espressione “far ...(continue)

    Interessante per entrare nell’ottica di come vivevano all’epoca gli appartenenti al ceto più elevato, a coloro che non avevano certo problemi a sbarcare il lunario e….. detto terra terra, “non avevano un c… da fare”. Immagino che l’espressione “farsi seghe mentali” non sia stata coniata all’epoca, ad ogni modo rende molto bene l’idea di come vivessero i rapporti amorosi i protagonisti della vicenda. Non che non sia un bel libro, ma manca quasi totalmente l’azione. Sono arrivato a metà del tomo e può bastare così.

    Is this helpful?

    Topografo said on Jul 12, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Una madre si domanda: mia figlia è a tal punto colpevole...?

    Ecco, edulcorata dalla seduzione di un carteggio settecentesco squisito, una storia di intrecci e rapporti pericolosi: la scelta del titolo in questa edizione fa pensare molto all'espressione "brutte amicizie" usata da noi oggi, ma qui le amicizie di ...(continue)

    Ecco, edulcorata dalla seduzione di un carteggio settecentesco squisito, una storia di intrecci e rapporti pericolosi: la scelta del titolo in questa edizione fa pensare molto all'espressione "brutte amicizie" usata da noi oggi, ma qui le amicizie diventano senza soluzione di continuità vere e proprie relazioni, nell'accezione intima e amorosa: la natura dei rapporti oscilla sempre su un volubile crinale, tra amicizia, amore e sesso: inutile, le rare volte che sono punti da dubbi, per due fanciulli come Danceny e Cecilia tentare di mettere a fuoco i contorni di vicende che sono interamente pilotate dal Visconte ma soprattutto dalla Marchesa, quest'ultima in particolare, abilissima conoscitrice delle debolezze dell'animo umano ed esperta nello sfiorare il tassello giusto per stabilire gli equilibri interiori altrui a suo vantaggio. Ed è in questa sfida a tavolino del farsi gioco degli altri, del possedere il più spietato controllo sugli altri, dopo averne ottenuto la piena fiducia ed adorazione, che le belve finiscono per sbranarsi tra di loro, messi in scacco dalla loro stessa lussuria ma soprattutto da una cieca superbia.
    La lettura di questo capolavoro del libertinaggio è ricca di tensione, di attesa, in un ritmo incessante del lavorio mentale della partita a scacchi; ci si ritrova intrappolati nel vortice del desiderio di prevalere di cui si fanno attori i protagonisti, facendosi complice un lettore che a dir poco divora le ultime 150 pagine.
    "L'umanità non è perfetta in nessun caso, non più nel male che nel bene. Lo scellerato ha le sue virtù, come l'uomo onesto ha le sue debolezze."

    Is this helpful?

    Monica d'Orange Ferrigno said on Jul 8, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book