Le avventure del capitano Hatteras

Gli Straordinari viaggi di Jules Verne 7

Di

Editore: Hachette

3.7
(46)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 380 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Lettone , Spagnolo , Portoghese

Isbn-10: A000024851 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Le avventure del capitano Hatteras?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Spirito d'avventura

    Il romanzo è il primo dei viaggi straordinari (anche se è stato pubblicato dopo 5 settimane in pallone). E' un libro di avventura pura, con colpi di scena, suspense, natura, brivido.
    Chi legge Verne ...continua

    Il romanzo è il primo dei viaggi straordinari (anche se è stato pubblicato dopo 5 settimane in pallone). E' un libro di avventura pura, con colpi di scena, suspense, natura, brivido.
    Chi legge Verne non può pretendere temi profondi o psicologie strutturate, ma azione, scienza (del tempo), fantasia, azione. E qui ci sono tutte assieme.
    Il vero protagonista non è Hatteras, ma il dott. Clawbonny, il primo dei "geni tuttologi" di Verne, il quale ha una conoscenza storica e scientifica immensa, conosce la cronistoria completa delle esplorazioni al polo, sa trarre profitto dalle poche risorse disponibili, inventa fari elettrici, igloo, spiega fenomeni atmosferici, insomma con lui non ci si annoia di certo. Godibile.

    ha scritto il 

  • 0

    Tra i viaggi straordinari narrati da Verne, questo tocca le esplorazioni polari. Verne, vissuto nella seconda metà dell'ottocento, è stato testimone dell'epoca delle grandi esplorazioni artiche, senza ...continua

    Tra i viaggi straordinari narrati da Verne, questo tocca le esplorazioni polari. Verne, vissuto nella seconda metà dell'ottocento, è stato testimone dell'epoca delle grandi esplorazioni artiche, senza vederne la conquista avvenuta nel 1909. In questo libro narra la fantasiosa spedizione del capitano Hatteras, personaggio immaginario ricalcato sulle figure dei primi esploratori polari.

    ha scritto il 

  • 2

    Di certo non il miglior Verne, ha tutti i difetti delle sue opere e ben pochi pregi: personaggi monolitici e stereotipati, colpi di scena costruiti dozzinalmente, descrizioni storiche e paesaggistiche ...continua

    Di certo non il miglior Verne, ha tutti i difetti delle sue opere e ben pochi pregi: personaggi monolitici e stereotipati, colpi di scena costruiti dozzinalmente, descrizioni storiche e paesaggistiche lunghe e ovviamente imprecise quando non inventate. L'edizione è molto bella. Il libro in una frase: "Ho detto che un inglese avrebbe posto il piede sul polo del mondo: l'ho detto e un inglese lo farà."

    ha scritto il 

  • 5

    Un po' meno "riuscito" rispetto agli altri libri di Verne che ho letto, ma tutto sommato abbondantemente godibile. Si tratta di due libri usciti separati inizialmente ma che assieme raccontano un'unic ...continua

    Un po' meno "riuscito" rispetto agli altri libri di Verne che ho letto, ma tutto sommato abbondantemente godibile. Si tratta di due libri usciti separati inizialmente ma che assieme raccontano un'unica epica storia. La sfida dell'uomo contro la natura. Il coraggioso e folle Capitano Hatteras intende raggiungere il polo Nord... ad ogni costo! Mi rendo conto che oggi i libri di Verne hanno perso smalto da un certo punto di vista, più letterario, forse. Però hanno acquistato fascino proprio per i loro peculiari contenuti: oggi non si potrebbe parlare di viaggi e scoperte negli stessi termini!

    ha scritto il 

  • 2

    avventure polari anche qua, ma stavolta il capitano Hatteras è proprio toccato con suo Polo Nord e difatti stavolta il lieto fine è ridotto: il capitano finisce pazzo, la maggior parte dei marinai fin ...continua

    avventure polari anche qua, ma stavolta il capitano Hatteras è proprio toccato con suo Polo Nord e difatti stavolta il lieto fine è ridotto: il capitano finisce pazzo, la maggior parte dei marinai finisce male, e in più Verne nemmeno ci azzecca perchè immagina un polo Nord libero dai ghiacci ,come dicono che sarà con l'aumento della temperatura terrestre, ed un vulcano attivo proprio sul Polo.

    ha scritto il 

  • 4

    Tra i viaggi straordinari narrati da Verne, questo tocca le esplorazioni polari. Verne, vissuto nella seconda metà dell'ottocento, è stato testimone dell'epoca delle grandi esplorazioni artiche, senza ...continua

    Tra i viaggi straordinari narrati da Verne, questo tocca le esplorazioni polari. Verne, vissuto nella seconda metà dell'ottocento, è stato testimone dell'epoca delle grandi esplorazioni artiche, senza vederne la conquista avvenuta nel 1909. In questo libro narra la fantasiosa spedizione del capitano Hatteras, personaggio immaginario ricalcato sulle figure dei primi esploratori polari.

    Come tutti i romanzi di Verne, è concepito come storia d'avventura, supportata dalle tecnologie e dalle conoscenze scientifiche dell'epoca. Sempre molto interessante il raffronto tra la narrazione di fantasia e i resoconti reali di Amudsen (polo Sud) e Peary (polo Nord).

    ha scritto il