Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie

I grandi della narrativa, 7

Di ,

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso (La biblioteca di Repubblica)

3.7
(216)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 141 | Formato: Paperback

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bianca Torazzi

Genere: Children , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Visiteremo mondi alternativi, cadendo liberamente verso il centro della terra, o ammazzando il tempo e fermandolo all'ora del tè. Ci porremo domande fondamentali della filosofia, chiedendoci quale sia la differenza tra sogno e realtà, o l'essenza del nulla. Ma, soprattutto, sentiremo un leggero rimpianto per quei tempi, ormai dimenticati, in cui erano i bambini a leggere libri per adulti, e non viceversa. Dall'introduzione di Piergiorgio Odifreddi.
Ordina per
  • 3

    Forse l'interruzione di circa un mese nella lettura ha penalizzato un po' la valutazione finale. Oppure si tratta di un problema di traduzione, dato che tantissimi giochi di parole perdono nel passaggio da una lingua all'altra. Chissà, un classico che sì mi è piaciuto ma non mi ha particolarmente ...continua

    Forse l'interruzione di circa un mese nella lettura ha penalizzato un po' la valutazione finale. Oppure si tratta di un problema di traduzione, dato che tantissimi giochi di parole perdono nel passaggio da una lingua all'altra. Chissà, un classico che sì mi è piaciuto ma non mi ha particolarmente entusiasmato.

    ha scritto il 

  • 4

    Non immaginare mai né d'essere diversa da quello che può sembrare agli altri che tu sia o possa essere stata o potresti diventare; né diversa da quella che avresti dovuto essere per apparire agli altri diversa

    ha scritto il 

  • 4

    "Non immaginarti mai di non essere diversa da quel che potrebbe sembrare agli altri che tu fossi, o di esser diversa da quel che avresti potuto essere se fossi sembrata diversa a loro" più leggo questa frase, e più mi sento come Charlie Brown e il filo del suo aquilone... aggrovigliata.

    ha scritto il 

  • 5

    «Su, è inutile piangere così!» disse Alice a se stessa, piuttosto aspramente. «Ti consiglio di smetterla all’istante!». Di solito si dava ottimi consigli (sebbene li seguisse molto di rado), e talvolta si sgridava così severamente che le venivano le lacrime agli occhi; e una volta ricordava di es ...continua

    «Su, è inutile piangere così!» disse Alice a se stessa, piuttosto aspramente. «Ti consiglio di smetterla all’istante!». Di solito si dava ottimi consigli (sebbene li seguisse molto di rado), e talvolta si sgridava così severamente che le venivano le lacrime agli occhi; e una volta ricordava di essersi tirata le orecchie per aver barato in una partita di Croquet che giocava contro se stessa, perché a questa bizzarra bambina piaceva molto far finta di essere due persone. «Ma ora è inutile», pensò la povera Alice, «fingere di essere due persone! di me è rimasto così poco che è già molto se riesco a essere una sola persona come si deve!»

    ***

    Alice e il Bruco si fissarono per qualche istante in silenzio: alla fine il Bruco si tolse il narghilè di bocca e si rivolse a lei con una voce languida e assonnata. «Chi sei?» le chiese il Bruco. Come inizio di conversazione non era incoraggiante. Alice rispose alquanto timidamente: «Non… non saprei dirglielo, in questo momento… sapevo chi ero quando mi sono alzata questa mattina, ma credo di essere cambiata parecchie volte da allora».

    ***

    «Mi vorresti dire, per piacere, da che parte si va via da qui?»

    «Dipende soprattutto da dove vuoi andare», disse il Gatto.

    «Per me fa lo stesso», disse Alice.

    «Allora non ha importanza la strada che prendi», disse il Gatto.

    (La mia non-recensione http://lavyrtuosa.com/2012/06/le-avventure-di-alice-nel-paese-delle-meraviglie-lewis-carroll/ )

    ha scritto il 

  • 4

    Controverso

    Difficile accostarsi a questo romanzo di Carrol (al secolo reverendo Dodgson)dopo averne letta la biografia, si rimane infatti col dubbio se non si tratti solo del frutto della fantasia di un uomo pazzoide e geniale insieme o ci sia più in profondità qualcosa d'altro. Senza dubbio, in ogni caso, ...continua

    Difficile accostarsi a questo romanzo di Carrol (al secolo reverendo Dodgson)dopo averne letta la biografia, si rimane infatti col dubbio se non si tratti solo del frutto della fantasia di un uomo pazzoide e geniale insieme o ci sia più in profondità qualcosa d'altro. Senza dubbio, in ogni caso, è che si tratti di un classico degno di questo nome penalizzato dal fatto di essere stato etichettato per troppo tempo come "romanzo per bambini" e quindi snobbato dai più "grandi", anche se per gli adulti dovrebbe essere una lettura obbligatoria, soprattutto se mantenere la leggerezza dei piccini

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro per bambini che da bambina non ho mai letto. La storia di Alice che per soddisfare la sua sete di curiosità, si ritrova persa in un mondo che funziona al rovescio, dove tutto è sorprendente, speciale e inaspettato. Ogni personaggio che incontra nelle sue avventure, nasconde una metafora. ...continua

    Un libro per bambini che da bambina non ho mai letto. La storia di Alice che per soddisfare la sua sete di curiosità, si ritrova persa in un mondo che funziona al rovescio, dove tutto è sorprendente, speciale e inaspettato. Ogni personaggio che incontra nelle sue avventure, nasconde una metafora. Ogni situazione una lezione. Mai approcciarsi a questa lettura senza essere armati di fantasia. Non si riuscirebbe a cogliere il senso profondo che ha attribuito l'autore alla storia e ai suoi personaggi.

    ha scritto il 

Ordina per