Le avventure di Huckleberry Finn

Di

Editore: Einaudi

4.1
(2788)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 349 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Tedesco , Francese , Ceco , Greco , Danese , Portoghese , Chi tradizionale , Svedese , Polacco

Isbn-10: 8806136054 | Isbn-13: 9788806136055 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: E. Giachino

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , CD audio , Cofanetto , eBook

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Viaggi

Ti piace Le avventure di Huckleberry Finn?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il libro, uscito nel 1885, costituisce una vasta epopea dell'America degli avventurieri e delle miserabili città dislocate lungo la vallata del Missouri edell'Ohio, l'America dell'età dell'oro e della colonizzazione, della vitaviolenta e della vita semplice e patriarcale. Tom Sawyer e Huckleberry Finnsono il tipico ritratto del ragazzo americano e del suo rapporto con questomondo. Huckleberry, fuggito dalle persecuzioni di un padre ubriacone, dopo aver vissuto dentro una botte da zucchero, di nuovo fuggiasco, intraprende ungrande viaggio sul Missouri, in compagnia di uno schiavo negro: Jim un altromiserevole evaso. Avventure complicate e incontri imprevisti, fino all'incontro con Tom Sawyer. Introduzione di G. Zammanchi e un saggio di T. S. Elliot.
Ordina per
  • 5

    Letto quasi tutto di filata

    Come già segnalato, bisogna prestare molta attenzione alla traduzione perché uno degli obiettivi del testo in lingua originale, è quello di rendere la storia ancora più coinvolgente anche nel tipo di ...continua

    Come già segnalato, bisogna prestare molta attenzione alla traduzione perché uno degli obiettivi del testo in lingua originale, è quello di rendere la storia ancora più coinvolgente anche nel tipo di scrittura utilizzato.
    Decisamente molto più avvincente la prima parte. Tutta la parte centrale perde un po' della sua essenza finendo per essere un po' troppo descrittiva e facendo venir meno quel senso di immersione nella storia.
    Si riprende nel finale e, pur essendo una lettura quasi adolescenziale, lascia comunque intendere che ci sono altri messaggi anche più maturi a svariati livelli.

    ha scritto il 

  • 5

    Ottima la traduzione di Culicchia

    Ottima la traduzione di Culicchia, che ha messo in evidenza il vero punto di forza di questo capolavoro della letteratura: Twain ha saputo creare per la prima volta un linguaggio di strada, lontano da ...continua

    Ottima la traduzione di Culicchia, che ha messo in evidenza il vero punto di forza di questo capolavoro della letteratura: Twain ha saputo creare per la prima volta un linguaggio di strada, lontano dai canoni classici e per questo "autentico". In molti ancora oggi ci provano. Ma provate a leggere libri scritti in prima persona con protagonisti bambini/ragazzi: spesso parlano meglio di un uomo con dieci lauree. Twain, nel 1884, ha saputo essere più moderno della maggior parte degli scrittori di oggi.

    ha scritto il 

  • 4

    noi, soli lungo il fiume

    innocenza, libertà , amicizia, imbrogli, alla fine la perdita dei pregiudizi. Molto americano, Grande, ed efficace, capacità di riprodurre linguaggi diversi, Divertente anche. E poi Twain mi è sempre ...continua

    innocenza, libertà , amicizia, imbrogli, alla fine la perdita dei pregiudizi. Molto americano, Grande, ed efficace, capacità di riprodurre linguaggi diversi, Divertente anche. E poi Twain mi è sempre piaciuto.

    ha scritto il 

  • 4

    Un bellissimo libro su libertà ed amicizia, al di là delle convenzioni sociali :)

    Se vi va, ne parlo più a lungo qui: https://perseinunbuonlibro.wordpress.com/2016/09/20/ilclassicodelmese-huckleberry- ...continua

    Un bellissimo libro su libertà ed amicizia, al di là delle convenzioni sociali :)

    Se vi va, ne parlo più a lungo qui: https://perseinunbuonlibro.wordpress.com/2016/09/20/ilclassicodelmese-huckleberry-finn/

    ha scritto il 

  • 4

    Twain non ripete

    Il fiume è sempre quello: il grande Mississippi, a cui si aggiunge quel Sud rurale in cui la penna di Twain mi aveva già fatto immergere con le avventure di Tom Sawyer. Il protagonista diventa Huck, l ...continua

    Il fiume è sempre quello: il grande Mississippi, a cui si aggiunge quel Sud rurale in cui la penna di Twain mi aveva già fatto immergere con le avventure di Tom Sawyer. Il protagonista diventa Huck, l'amico di Tom.
    Con queste premesse non sembrerebbero esserci le fondamenta necessarie a vivere un'altra lettura avvincente e invece, fin dalla prima riga, ci si accorge subito di quanto l'aria sia cambiata.
    Lo stile è completamente diverso. Se Tom Sawyer è visto e descritto con gli occhi del narratore, Huck Finn si presenta e ci parla in prima persona. Le avventure sono il suo diario, scritto con le sue parole.
    Lo sguardo che si apre fa riflettere sulla situazione della schiavitù, non affrontata direttamente ma descritta per quello che era, senza alcuna retorica e per questo estremamente più efficace.
    Twain riesce a mantenere il linguaggio di Huck fino alla fine e questo toglie al libro quei momenti di scrittura "adulta", che possiamo ritrovare nelle avventure di Tom Sawyer.
    Twain non ripete, non si adagia e va oltre, rompe gli schemi dimostrando il talento non comune della sua penna.

    ha scritto il 

  • 5

    E' una bellissima lettura in cui l'A. pone le basi del linguaggio letterario del romanzo americano del Novecento. In Huckleberry Finn c’è l’America con il suo fiume, la sua gente, i suoi problemi e la ...continua

    E' una bellissima lettura in cui l'A. pone le basi del linguaggio letterario del romanzo americano del Novecento. In Huckleberry Finn c’è l’America con il suo fiume, la sua gente, i suoi problemi e la sua storia, ed anche tanta, tanta letteratura.

    ha scritto il 

  • 4

    "Ma succede sempre così: non ha importanza se ti comporti bene o male. La coscienza non ha buonsenso e ti si rivolta semrpe contro, in qualunque caso. [...] La coscienza si piglia più spazio di tutti ...continua

    "Ma succede sempre così: non ha importanza se ti comporti bene o male. La coscienza non ha buonsenso e ti si rivolta semrpe contro, in qualunque caso. [...] La coscienza si piglia più spazio di tutti gli organi vitali, eppure non serve a un cacchio. Lo dice pure Tom Sawyer."

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per