Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le avventure di una Kitty addicted

Di

Editore: Zorro Editore

3.2
(28)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 295 | Formato: Altri

Isbn-10: 8865080132 | Isbn-13: 9788865080139 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Romance

Ti piace Le avventure di una Kitty addicted?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Hello Kitty, se non ci si sta attente, può letteralmente colonizzarci la vita. E così un giorno ti ritrovi a desiderare un copricambio con la faccia della gattina per la tua auto, o a essere tentata di chiedere al tuo ragazzo, al posto della fede nuziale, un anello con l’inconfondibile fiocchetto della creatura Sanrio.

E’ un tipico problema di molte di noi, si sa, come ci ricorda anche la protagonista di questo divertente romanzo chick lit italiano, Le avventure di una Kitty addicted, arrivato alla pubblicazione grazie al passaparola nato intorno al blog dell’autrice.

La trama, come in ogni buon romanzo chick lit che si rispetti, è spumeggiante. Diciamo che gli ingredienti ci sono tutti: una protagonista ventinovenne – Viola - che ha appena preso a ‘cannolate’ sua zia nel pieno della festa in famiglia organizzata per il suo compleanno; due amiche – Lilly e Melissa – altrettanto incasinate, che condividono con lei le quotidiane paranoie.
Ordina per
  • 3

    Gli elementi di un buon chick-lit ci sono tutti, dalla situazione di partenza al crollo emotivo, fino all’epilogo che risana tutto e tutti. Non mancano l’ironia nei dialoghi e una spruzzata di verve nei punti più intensi della narrazione.
    http://youngadult-lit.blogspot.it/2013/02/recensione ...continua

    Gli elementi di un buon chick-lit ci sono tutti, dalla situazione di partenza al crollo emotivo, fino all’epilogo che risana tutto e tutti. Non mancano l’ironia nei dialoghi e una spruzzata di verve nei punti più intensi della narrazione.
    http://youngadult-lit.blogspot.it/2013/02/recensione-il-profumo-dellamore.html

    ha scritto il 

  • 1

    Premetto che questo libro era nella mia lista di desideri....ed è stato un graditissimo regalo pre-natalizio...ma purtroppo le apsettative forse erano troppe, o forse semplicemente mi acceca tutto quello che porta la dicitura Hello Kityy!!!! Mi è sembrata una scopiazziatura non troppo riuscita fr ...continua

    Premetto che questo libro era nella mia lista di desideri....ed è stato un graditissimo regalo pre-natalizio...ma purtroppo le apsettative forse erano troppe, o forse semplicemente mi acceca tutto quello che porta la dicitura Hello Kityy!!!! Mi è sembrata una scopiazziatura non troppo riuscita fra I love shopping e Il diario di B. Jones....

    ha scritto il 

  • 0

    Passione chick lit: Le avventure di una Kitty addicted, di Eliselle

    http://www.booksblog.it/post/6934/passione-chick-lit-le-avventure-di-una-kitty-addicted-di-eliselle


    Hello Kitty, se non ci si sta attente, può letteralmente colonizzarci la vita. E così un giorno ti ritrovi a desiderare un copricambio con la faccia della gattina per la tua auto, o a essere ...continua

    http://www.booksblog.it/post/6934/passione-chick-lit-le-avventure-di-una-kitty-addicted-di-eliselle

    Hello Kitty, se non ci si sta attente, può letteralmente colonizzarci la vita. E così un giorno ti ritrovi a desiderare un copricambio con la faccia della gattina per la tua auto, o a essere tentata di chiedere al tuo ragazzo, al posto della fede nuziale, un anello con l’inconfondibile fiocchetto della creatura Sanrio.

    ha scritto il 

  • 4

    Il nuovo romanzo rosa di Eliselle sulle tragicomiche vicissitudini di una quasi trentenne alle prese con carriera, famiglia, amore e una dipendenza davvero stravagante: quella per dolce gattina Hello Kitty

    Cosa significa arrivare alla soglia dei trenta per una ragazza dei giorni nostri? Nulla, vi verrebbe da rispondere. Ma ne siete proprio sicuri? Basta infatti leggere poche pagine delle vicissitudini di Viola in “Le avventure di una Kitty Addicted” per cambiare idea, o almeno per fermarsi un attim ...continua

    Cosa significa arrivare alla soglia dei trenta per una ragazza dei giorni nostri? Nulla, vi verrebbe da rispondere. Ma ne siete proprio sicuri? Basta infatti leggere poche pagine delle vicissitudini di Viola in “Le avventure di una Kitty Addicted” per cambiare idea, o almeno per fermarsi un attimo a riflettere sulle logiche contorte che scattano nella mente umana quando si tratta dell’inesorabile passaggio del tempo – nemico giurato dell’universo femminile. Dal canto mio, un solo consiglio: godetevi il divertentissimo romanzo di Eliselle e lasciatevi andare a grosse e grasse risate!

    Viola ha appena compiuto 29 anni quando la sua vita – piuttosto ordinaria e tranquilla – comincia ad essere sconquassata da una serie di eventi tragicomici che la fanno velocemente sprofondare in un baratro di sconforto e di insicurezze su se stessa e su tutti coloro che la circondano. La possibilità di sfondare come PR letteraria si fa sempre più remota dopo l’ennesima, umiliante sfuriata del suo capo, Roxanne, che la ritiene un’incompetente e non si fa alcuno scrupolo a trattarla come tale. Il decennale fidanzato con cui porta avanti una relazione tanto piatta quanto inconcludente, decide di chiedere la sua mano in circostanze misteriose, improvvisamente – e solo in apparenza – spinto dal desiderio di metter su famiglia. Il padre di Viola se ne va di casa e la madre, pensando che l’uomo abbia una giovane amante, ricorre a qualche “ritocchino” andando contro i suoi stessi principi (e i suoi tratti somatici..), mentre la viziatissima sorellina minore, tocca l’apice della crisi adolescenziale trasformandosi da molto antipatica a intrattabile.

    E tutti non fanno altro che perseguitare la povera Viola facendole pesare la sua inadeguatezze, i suoi insuccessi e soprattutto l’ormai prossimo “giro di boa”, i temuti trent’anni, sorpassati i quali sembra che non si possa più tornare indietro...

    (continua a leggere su MRS)
    http://www.mondorosashokking.com/Dalla-libreria-Rosa-Shokking/-Le-avventure-di-una-Kitty-addicted-

    ha scritto il 

  • 4

    Non è così divertente come vorrebbe essere, gli episodi che teoricamente dovrebbero far ridere in realtà, non so bene il perchè (o forse lo so: manca la mano della Kinsella, ecco l'ho detto), al massimo strappano un sorriso.
    Però il romanzo è fresco, godibile, rasserenante, rende più accett ...continua

    Non è così divertente come vorrebbe essere, gli episodi che teoricamente dovrebbero far ridere in realtà, non so bene il perchè (o forse lo so: manca la mano della Kinsella, ecco l'ho detto), al massimo strappano un sorriso.
    Però il romanzo è fresco, godibile, rasserenante, rende più accettabile il bambino che c'è in noi (perchè tutti ce l'abbiamo, il mio impazzisce per Totoro e Eeyore) e anzi, lo rende assolutamente indispensabile per tirare avanti nel grigiore della vita quotidiana.
    Per carità, niente di memorabile che passerà alla storia nei secoli a venire, però per essere un prodotto italiano è al di sopra della media e si legge volentieri.

    http://ladydarcy.wordpress.com/2011/02/28/eliselle-le-avventure-di-una-kitty-addicted/

    ha scritto il 

  • 5

    Troppo divertente!!!

    Viola è una ragazza ventinovenne come tante altre. Lavora, con uno stipendio da fame, come PR in un’agenzia di promozione letteraria, ha un fidanzato decennale, avvocato e arrivista, con il quale ha un rapporto molto “nella norma”, e vive in un appartamento in affitto con due amiche, ex compagne ...continua

    Viola è una ragazza ventinovenne come tante altre. Lavora, con uno stipendio da fame, come PR in un’agenzia di promozione letteraria, ha un fidanzato decennale, avvocato e arrivista, con il quale ha un rapporto molto “nella norma”, e vive in un appartamento in affitto con due amiche, ex compagne di università, e con Peloso, un vecchio gatto dispettoso e scassamaroni, “regalino” della nonna gaudente di una delle due.
    La sua vita scorre mediamente tranquilla e monotona, fino a quando tutti sembrano cominciare a tramare ai danni della sua tranquillità interiore. Alan, il fidanzato, che all’improvviso diventa attentissimo agli incrementi in peso di Viola, al suo metabolismo che, le ricorda, rallenta “a una certa età”; sua madre e la vecchia zia Betty che le fanno pressione in merito a un eventuale matrimonio; sua sorella Alice, di dodici anni più giovane, viziatissima e antipatica, che non fa altro che ricordarle quanto sia “vecchia”; Roxanne, la titolare dell’agenzia per cui lavora, che continua a umiliarla e farla sentire inadeguata, allontanando sempre di più dall’orizzonte di Viola la prospettiva di una promozione... La verità è che Viola si avvicina al “giro di boa” dei trent’anni, e il tempo sembra aver cominciato a scorrere sempre più veloce. A lei sembra che non sia cambiato nulla, ma le persone che la circondano cominciano a farla sentire come sull’orlo di una catastrofe.
    Cerca conforto nelle sue due coinquiline, sue grandi amiche, la sua vera famiglia, ma anche loro non sono di grande aiuto, perennemente in conflitto ideologico tra di loro: Melissa è una psicologa in fase di specializzazione, donna tanto bella e intelligente quanto cinica, che cerca di arrotondare facendo la barista, o la cameriera, in un locale notturno (anche se l’abbigliamento griffato e le abitudini di vita fanno pensare a qualche attività totalmente diversa...); Lilly invece è una donna dolcissima, che gestisce un emporio Hello Kitty, perennemente con la testa in dimensioni fiabesche che mal si intonano con la realtà.
    Per fortuna c’è Ricky, un giovane scrittore esordiente che Viola conosce nel corso di un burrascoso party letterario, e che le appare quasi subito come la versione del XXI° secolo del Principe Azzurro delle fiabe.
    Ma la realtà è anche peggio di quanto sembra: all’improvviso una serie di sfortunati eventi precipitano Viola in una sorta di incubo a occhi aperti: suo padre decide di abbandonare la famiglia; Alan le chiede a bruciapelo di sposarla (durante un veglione di Capodanno pomposo quanto pacchiano, in presenza di personaggi importanti quanto sconosciuti a Viola); Melissa evidenzia comportamenti sempre più enigmatici, facendo seriamente supporre un’inquietante doppia vita notturna; Viola perde il lavoro. Infine, ciliegina sulla torta, la ragazza ritrova per caso la “scatola dei desideri” di quando era bambina: all’interno, tra le varie cianfrusaglie, un vecchio pupazzetto di Hello Kitty, che da questo momento diventerà il fattore determinante di tutta la vicenda.
    La situazione precipita irrimediabilmente, in una sarabanda di avventure folli e divertentissime, fino ai rocamboleschi eventi finali, di cui non anticipiamo nulla per non rovinarvi il gusto della lettura. Che vi consigliamo vivamente! “Le avventure di una Kitty addicted” è un libro divertente, divertentissimo, che a dispetto di quanto fa trasparire la trama qui sopra, fa ridere. Fa ridere davvero tanto, in alcuni punti (più di alcuni, a dire il vero...) fa sganasciare dalle risate!
    E allora lode a Eliselle, che con uno stile fresco e godibilissimo ci regala un piccolo capolavoro di umorismo al femminile, infiocchettato in un gradevole involucro rosa confetto. “Enjoy!”, dice sempre Eliselle ai suoi lettori. Con questo libro pensiamo che abbia davvero raggiunto l’obbiettivo ;) ...

    ha scritto il