Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le conseguenze

Di

Editore: Marsilio Editori

3.6
(26)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 237 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8831798308 | Isbn-13: 9788831798303 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: eBook

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Le conseguenze?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Berlino Est, 1987, poco prima della caduta del muro. Leo Kamp è un sarto, ma soprattutto un geniale falsario che, in un sottoscala, sviluppa fototessere e crea documenti contraffatti. Nel suo laboratorio decide la nuova identità di chi gli domanda aiuto per fuggire dalla Germania Est. Finché un giorno gli si presenta un ungherese, Ákos Roth, chiedendogli due visti per l’Italia. Parigi, 1572, alla vigilia della notte di san Bartolomeo. Vincent des Jours è un pittore di talento, Adeline de Montrouge la timida moglie del duca che ha commissionato a Vincent un ritratto. Tra i due nasce un amore tenero e forte, minacciato dagli intrighi di corte e dalle lotte religiose
Ordina per
  • 2

    Un quadro passa di mano. Portandoci la storia di chi l'ha dipinto, e di chi l'ha posseduto.
    In un viaggio nel tempo e nello spazio, dalla Parigi della fine del XVI secolo alla Toscana di oggi, passando per Lisbona, Belino Est durante gli ultimi aneliti del regime comunista prima della caduta del ...continua

    Un quadro passa di mano. Portandoci la storia di chi l'ha dipinto, e di chi l'ha posseduto. In un viaggio nel tempo e nello spazio, dalla Parigi della fine del XVI secolo alla Toscana di oggi, passando per Lisbona, Belino Est durante gli ultimi aneliti del regime comunista prima della caduta del Muro. Oltre al quadro, il filo conduttore è l'amore, visto che in ciascun tempo e luogo vi è una storia d'amore che si dipana, dolce o drammatica, a lieto o cattivo fine. Un autore giovane e sicuramente promettente. Tante belle idee ma una narrazione ancora acerba, uno stile un po' scolastico. Ma senz'altro Montanaro è sulla buona strada...

    ha scritto il 

  • 2

    Deludente

    È un romanzo ambizioso. Raccontare la storia di tanti personaggi, collocati in tempi e luoghi diversi, costruendo un legame tra loro, non è un’opera da poco. Forse è per questo che l’ho trovato acerbo, inconsistente, solo meramente abbozzato. È come se l’autore avesse buttato giù solo una traccia ...continua

    È un romanzo ambizioso. Raccontare la storia di tanti personaggi, collocati in tempi e luoghi diversi, costruendo un legame tra loro, non è un’opera da poco. Forse è per questo che l’ho trovato acerbo, inconsistente, solo meramente abbozzato. È come se l’autore avesse buttato giù solo una traccia di lavoro da sviluppare successivamente. In questo libro non c’è introspezione, manca completamente la riflessione, alcuni passaggi dell’intreccio si sbrogliano con una velocità e una superficialità imbarazzanti... L’accattivante incipit promette al lettore una storia “fatta di coincidenze ed errori”... “perché esiste per chiunque il momento da cui deriva la vita, in cui cominciano le conseguenze”... ma quello che ho pensato è solo che andrebbero raccontate in ben altro modo!

    N.B. Ciò che ho veramente apprezzato è la dedica a pag. 5 “a Giulia a quando scese col vestito rosso e aveva tutto il mio futuro indosso”... Rima a parte, la trovo una dichiarazione d’amore veramente romantica!

    ha scritto il 

  • 3

    un po' presuntuoso... Forse, mirando più in basso, avrebbe scritto un libro migliore. Ma l'autore è molto giovane, e forse potrà scrivere qualcosa di decisamente migliore in futuro.

    ha scritto il 

  • 0

    "Le conseguenze" sono quelle che derivano dalle azioni che compiamo: dai gesti quasi irriflessi fino ai posti in cui finiamo per passare, per forza, per fortuna o per scelta; "le conseguenze" sono gli oggetti che ci troviamo tra le mani, perché li abbiamo cercati, rubati o ricevuti in eredità. Ne ...continua

    "Le conseguenze" sono quelle che derivano dalle azioni che compiamo: dai gesti quasi irriflessi fino ai posti in cui finiamo per passare, per forza, per fortuna o per scelta; "le conseguenze" sono gli oggetti che ci troviamo tra le mani, perché li abbiamo cercati, rubati o ricevuti in eredità. Nelle conseguenze si intrecciano le vite e le storie: è dove si spinge lo sguardo di chi prova a raccontare. Giovanni Montanaro tesse le vicende dei suoi personaggi, ne dispone e le dispone: partendo da luoghi e tempi distanti fa intravedere le convergenze, baluginare gli indizi, parlare le epoche e gli ambienti. Vediamo i protagonisti come i criceti in un labirinto: sappiamo che alla fine torneranno a qualcosa – ma, in questo caso, possiamo solo intuire che cosa. Giulia ha appena finito la maturità e sta per passare l'estate nella cascina di campagna in Toscana; Leo falsificava passaporti durante il tramonto della DDR; a Parigi Vincent ha trovato un mecenate, e più, all'alba della notte di San Bartolomeo; Iren è in fuga, non sa da chi né con chi. Sopra le nuvole della narrazione ci viene svelato il meccanismo del destino: a propria insaputa le donne e gli uomini imboccano strade che porteranno lontano; o scelgono direzioni per scoprirsene dirottati. Tuttavia, Le conseguenze non è un'opera sulla predestinazione: se c'è un meccanismo esso è casuale e l'unico senso di "destino" si trova nelle intenzioni dei personaggi, nelle loro decisioni sofferte, nelle loro reazioni e strenue difese; oppure nella resa, nello sconforto rassegnato ma consapevole. Sopratutto, "le conseguenze" sono negli occhi e nella voce del narratore, che tanto minuziosamente ricostruisce la Storia da incastrarvi perfettamente le storie. Se troppo perfettamente, dovranno dirvelo Giulia, Leo, Vincent, Iren.

    ha scritto il 

  • 2

    Senza memoria

    Credo che esista un filo che colleghi tutte le persone che transitano in questo pianeta, prima, durante e dopo. C'è un quadro che lega i personaggi, ma è il solo legame. Nessuna causa effetto tipo un battito d'ali/tsunami. Le conseguenze sono altre, e, o io non le ho comprese in queste pagine, op ...continua

    Credo che esista un filo che colleghi tutte le persone che transitano in questo pianeta, prima, durante e dopo. C'è un quadro che lega i personaggi, ma è il solo legame. Nessuna causa effetto tipo un battito d'ali/tsunami. Le conseguenze sono altre, e, o io non le ho comprese in queste pagine, oppure l'autore si è dimenticato di scriverle

    ha scritto il 

  • 3

    troppo "spacchettato" mi sembrava di leggere un puzzle; comunque anche il messaggio non mi è sembrato molto chiaro. La seconda stella l'ho data solo per come è scritto. Per me un pò una delusione, considerando che era il secondo romanzo che l'autore scriveva.

    ha scritto il 

  • 4

    e non si capisce perchè ma poi ti piace, storie, con nulla di particolarmente eclatante ma ben scritte, qualche link, a volte prevedibile, altre sfizioso, ma alla fine ti lascia una sensazione di serenità e di buona narrazione. Personalmente aggiungerei la riflessione: la vita vita, qualsiasi epo ...continua

    e non si capisce perchè ma poi ti piace, storie, con nulla di particolarmente eclatante ma ben scritte, qualche link, a volte prevedibile, altre sfizioso, ma alla fine ti lascia una sensazione di serenità e di buona narrazione. Personalmente aggiungerei la riflessione: la vita vita, qualsiasi epoca che tu voglia osservare la vita è lei, ti graffia e fa piangere, e poi scioglie molti nodi ma non sempre chiude bene i cerchi

    ha scritto il 

  • 0

    risvolto di copertina

    Che legame c'è fra Berlino prima della caduta del Muro e Parigi durante la persecuzione degli Ugonotti alla fine del Cinquecento? Il quadro di un pittore dimenticato ritorna alla luce dopo quattro secoli, provocando conseguenze inaspettate. Quasi come in un romanzo di Queneau, in cui diverse epoc ...continua

    Che legame c'è fra Berlino prima della caduta del Muro e Parigi durante la persecuzione degli Ugonotti alla fine del Cinquecento? Il quadro di un pittore dimenticato ritorna alla luce dopo quattro secoli, provocando conseguenze inaspettate. Quasi come in un romanzo di Queneau, in cui diverse epoche si sognano reciprocamente, si alternano le vicende di Vincent des Jours, ritrattista di uomini di potere, e Leo Kamp, esperto in passaporti contraffatti. Ma il vero protagonista di questa storia è l'amore: cercato a tutti i costi o trovato per caso, è un sentimento che si sconta per tutta la vita. Le conseguenze racconta spionaggi totalitari e massacri religiosi, innamoramenti clandestini e invidie omicide. Prima o poi si finisce dentro un'immagine, nella foto di un passaporto falso o nel ritratto dipinto da un grande artista: l'immagine che ci cattura è la figura del nostro destino, che non riusciamo mai a controllare e di cui non possiamo prevedere le conseguenze. (Tiziano Scarpa)

    ha scritto il 

  • 5

    "Sentii che aveva paura dell'acqua che passava, per quello la guardava, e che se capiva la paura, quella paura, che tutto finisca, e l'acqua, poteva anche capire me... e ci accorgemmo che eravamo usciti per lo stesso motivo, per cercare l'amore senza il coraggio di dircelo, con vergogna, e per co ...continua

    "Sentii che aveva paura dell'acqua che passava, per quello la guardava, e che se capiva la paura, quella paura, che tutto finisca, e l'acqua, poteva anche capire me... e ci accorgemmo che eravamo usciti per lo stesso motivo, per cercare l'amore senza il coraggio di dircelo, con vergogna, e per controllare il fiume, che non venisse la piena, o che venisse la piena ma si ricordasse di portarci via."

    ha scritto il 

  • 0

    "Le conseguenze" è uno straordinario affresco di voci, luoghi e personaggi, specchi e treni, fiumi e città, che narra di come la vita di ognuno sia fatta da ciò che segue i momenti decisivi, quelli in cui le cose, forse, potevano andare diversamente.

    ha scritto il