Le cose che non ho detto

Voto medio di 377
| 109 contributi totali di cui 80 recensioni , 29 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Chocolate
Ha scritto il 14/05/18
"Il dolore e la perdita, come la gioia e l'amore, sono unici e personali, e non si attenuano paragonandoli a quelli degli altri"
Le cose che non ho detto è un'autobiografia, il ritratto di una famiglia non esattamente ordinaria, ma anche il racconto dell'evoluzione storica di un paese come l'Iran. La scrittura della Nafisi è semplice, dritta al punto, priva di fronzoli. Seppur...Continua
Ghinelli Giorgio
Ha scritto il 09/01/18
ammetto che questo libro non mi ha entusiasmato. non amo le storie di famiglie, troppo personali e preferisco quando queste si legano alle vicende più politiche e culturali. purtroppo questo non succede spesso. ma per dare un giudizio completo sulla...Continua
Morgana
Ha scritto il 02/11/17
"Durante la Rivoluzione avevo capito quanto fosse fragile la nostra esistenza, e con quanta facilità tutto ciò che chiamiamo casa può esserci portato via. E ho capito che quello che mio padre mi aveva insegnato con l'immaginazione era un modo per costruirmi una casa oltre i confini geografici e le nazionalità, che nessuno potrà mai portarmi via. Quelle storie non hanno potuto ripagarmi o consolarmi della perdita dei miei genitori; ho però una casa che posso portare ovunque con me, una casa dove posso conservare la memoria e resistere alla tirannia degli uomini e del tempo."
Le cose che non ho detto è il secondo romanzo che leggo di Azar Nafisi, scrittrice iraniana e autrice del best seller Leggere Lolita a Teheran. Stavolta la Nafisi ci racconta la storia della sua famiglia, della sua infanzia e adolescenza, dell'amore...Continua
Ximen Nao
Ha scritto il 07/08/17
Chi ha letto la celeberrima "Leggere Lolita a Teheran" , non crederà di trovarsi davanti alla stessa autrice, quando leggerà quest'opera autobiografica di Azar Nafisi. "Le cose che non ho detto" è un libro introspettivo, che lascia poco spazio alle d...Continua
Emy,
Ha scritto il 14/04/17

Ho apprezzato in particolare la storiografia dell'Iran, che l'autrice ha aggiunto alla fine di questo libro che narra la biografia della sua famiglia.


Enri
Ha scritto il Oct 10, 2017, 21:28
E ho capito che quello che mio padre mi aveva insegnato con l’immaginazione era un modo per costruirmi una casa oltre i confini geografici e le nazionalità, che nessuno potrà mai portarmi via. Quelle storie non hanno potuto ripagarmi o consolarmi del...Continua
Pag. 332
Sophiemoller
Ha scritto il Aug 04, 2016, 07:59
"In questo libro, tuttavia, non vorrei analizzare gli eventi storici, quanto piuttosto cercare le fragili intersezioni, i punti di incontro, le risonanze tra i momenti di una vita privata, personale, e i riflessi di una storia più ampia universale. (...Continua
Pag. 16
Sophiemoller
Ha scritto il Aug 04, 2016, 07:53
"Sono tante le forme del silenzio. C'è il silenzio che uno Stato tirannico impone ai suoi cittadini, rubandogli i ricordi, riscrivendo la loro storia, imponendogli una nuova identità. C'è il silenzio dei testimoni che scelgono di ignorare o di tacere...Continua
Sophiemoller
Ha scritto il Aug 04, 2016, 07:48
"Quando muore una persona cara ci ritroviamo ci ritroviamo di colpo nel mondo dei vivi, cui alla fine, bene o male, finiamo col cedere; ma quello dei morti, come un amico o un nemico immaginario, o un'amante segreta, continua a invitarci, con il rich...Continua
Pag. 13
Sophiemoller
Ha scritto il Aug 04, 2016, 07:42
"Io non credo che si debba rimanere zitti. Del resto, non restiamo mai davvero zitti, perchè, in un modo o nell'altro, ci raccontiamo attraverso le persone che diventiamo"

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi