Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Le due vite di Laila

By J. M. G. Le Clezio

(26)

| Others | 9788842807476

Like Le due vite di Laila ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

16 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Laila corre veloce

    Molte vite, invero
    “Volevo continuare a sgusciare in mezzo alla gente, tra le cose, come un pesce che risale un torrente. “

    Trama: ***
    Romanzo rapido, drammatico ed avventuroso che narra della vita ai margini di una bimba africana rapita da piccola, ...(continue)

    Molte vite, invero
    “Volevo continuare a sgusciare in mezzo alla gente, tra le cose, come un pesce che risale un torrente. “

    Trama: ***
    Romanzo rapido, drammatico ed avventuroso che narra della vita ai margini di una bimba africana rapita da piccola, venduta ad un’anziana come servetta e cresciuta come nipote, sfuggita ad una nuora crudele ed al marito maniaco verso un fondaco di belle di notte che la coccolano come figlia. E poi via, come suggerisce il titolo originale Poisson d’or, lei è il pesciolino d’oro che sguscia nella vita, tra infelicità, privazioni, piccole gioie come la libertà, uomini che la insidiano, donne che la proteggono o vessano.
    Così ci troviamo in tante vite, verso nuove avventure tinte di pericoli sessuali e fisici, sempre al limite della legalità e della sopravvivenza fra Africa, Francia ed America, in periferie comuni a tutto il mondo, tra i reietti delle nuove giungle urbane, seppure con speranza d un lieto fine (anche se non ho capito se l’ultima parte è realtà o fantasia).

    Stile: **
    La trama mi ha alla lunga annoiata. Una piccola orfanella a cui accade proprio di tutto, che ripete ogni due pagine di avere la libertà e che poi immediatamente la perde, con diverse incongruenze nelle vicende che ho trovato abbastanza irreale.
    Lo stile è piano, semplice forse per adattarsi alla protagonista dal cui punto di vista la storia è raccontata in prima persona. Però questa scelta non mi è piaciuta, ha reso lo stile noioso e ripetitivo, troppo frammentario e poco femminile, mentre nell’altro romanzo letto del Nobel Le Clèzio “L’isola del tesoro” avevo gradito lo stile morbido e prezioso. Fortunatamente non è morboso né retorico.

    Piacevolezza: ***
    Troppo incredibile che tutto quanto accada alla stessa persona, sempre sfortune e disgrazie, tanti incontri e tradimenti, lei che scappa da tutto anche quando le cose vanno bene.
    Eppure insieme è un romanzo di formazione e riscatto, dal sud della terra e ritorno sempre ai margini, tra tanto bene e tanto male. Una bimba cresce anche nella terra più arida, capendo che a volte la colpa è non solo dei carnefici ma anche delle vittime che gli permettono di renderle tali.
    Bella l’amicizia che la lega alle altre donne, ed il riscatto da una visione che vuole le donne solo serve, mogli o prostitute, che avviene tramite la cultura e l’arte.
    Ricorderò con piacere l’anziano Hadj e l’infermiera del finale.

    Consigliato:
    “…mi piaceva molto collezionare parole. Parole per cantare, per poterle lanciare nella stanza e ascoltarle rimbalzare, rompersi in mille pezzi, o al contrario cadere a terra sul pavimento come un frutto troppo maturo. “
    Letto in contemporanea con La virtù femminile, entrambe parlano di donne in crescita, chi all’interno e chi al di fuori degli schemi, sempre con drammaticità entrambi e molta sensualità. Eppure nessuno dei due mi ha pienamente convinta, e questo ancor meno dell’altro.

    Quest'opera di Mmorgana è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

    Is this helpful?

    Mmorgana (lettrice onnivora) said on Jun 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il titolo originale é "Le poisson d'or". Come si sia arrivati al titolo italiano é un mistero.
    Premio Nobel per la letteratura. Mmmmh, mah, vero é che é la prima opera che leggo, e magari in lingua originale si rivela più ricco.
    Arrivata a metà mi a ...(continue)

    Il titolo originale é "Le poisson d'or". Come si sia arrivati al titolo italiano é un mistero.
    Premio Nobel per la letteratura. Mmmmh, mah, vero é che é la prima opera che leggo, e magari in lingua originale si rivela più ricco.
    Arrivata a metà mi annoia, si ripete, non c'é spessore in questa storia della bambina rapita e della sua vita difficile.
    Siccome niente mi obbliga a leggerlo, lasciamolo lì, magari in pensione lo riprendo.

    Is this helpful?

    Maktub59 said on Aug 12, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ancora una volta, straordinario LeCleziò. Intenso, crudo, commovente. Cantore dei diseredati, dell'Africa, del viaggio, dell'anima.

    Is this helpful?

    gennaco said on Oct 28, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    da un premio Nobel...

    ...mi aspettavo qualcosa di più. Ovviamente è scritto bene, ma gli manca quel quid che avvince.

    Is this helpful?

    Marghe Michelon said on Jun 20, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Storia di derelitta emigrazione-immigrazione e di lento recupero di una profonda indentità perduta. Scritto bene, tradisce però una sorta di convenzionale didascalia del sentimento di appartenenza. Da leggere quando si è in vena di escursioni social- ...(continue)

    Storia di derelitta emigrazione-immigrazione e di lento recupero di una profonda indentità perduta. Scritto bene, tradisce però una sorta di convenzionale didascalia del sentimento di appartenenza. Da leggere quando si è in vena di escursioni social-solidaristiche.

    Is this helpful?

    M Atteo71 said on Feb 14, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Un libro No Bel
    La persona che mi ha regalato questo libro si è fatta abbindolare dalla fascetta rossa che declamava il premio Nobel ricevuto dall’autore.
    Ho perso prezioso tempo per leggere questa storia inconcludente di una immigrata clandestina ...(continue)

    Un libro No Bel
    La persona che mi ha regalato questo libro si è fatta abbindolare dalla fascetta rossa che declamava il premio Nobel ricevuto dall’autore.
    Ho perso prezioso tempo per leggere questa storia inconcludente di una immigrata clandestina in crisi mistica, che invece di ringraziare il cielo per avere un tetto sopra la testa e qualcuno che le voglia bene è alla ricerca di “un certo non so che”…
    Alla fine è diventato uno di quei libri che dici “te lo presto, ma tanto non è un buon libro”.
    Finora due persone hanno confermato il mio stesso parere.

    Is this helpful?

    Lily blue said on Feb 13, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (26)
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 1 star
  • Others 192 Pages
  • ISBN-10: 8842807478
  • ISBN-13: 9788842807476
  • Publisher: Il Saggiatore
  • Publish date: 1999-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback
Improve_data of this book

Groups with this in collection