Le ho mai raccontato del vento del nord

Di

Editore: Feltrinelli (I canguri)

3.7
(4350)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Chi tradizionale , Spagnolo , Catalano , Inglese , Francese , Portoghese , Chi semplificata

Isbn-10: 8807702177 | Isbn-13: 9788807702174 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook , CD audio

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Le ho mai raccontato del vento del nord?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Un'email all'indirizzo sbagliato e tra due perfetti sconosciuti scatta la scintilla. Come in una favola moderna, dopo aver superato l'impaccio iniziale, tra Emmi Rothner - 34 anni, sposa e madre irreprensibile dei due figli del marito - e Leo Leike - psicolinguista reduce dall'ennesimo fallimento sentimentale - si instaura un'amicizia giocosa, segnata dalla complicità e da stoccate di ironia reciproca, e destinata ben presto a evolvere in un sentimento ben più potente, che rischia di travolgere entrambi. Romanzo d'amore epistolare dell'era Internet, il romanzo descrive la nascita di un legame intenso, di una relazione che coppia non è, ma lo diventa virtualmente. Un rapporto di questo tipo potrà mai sopravvivere a un vero incontro?
Ordina per
  • 3

    Le ho mai raccontato del vento del Nord

    Bel libro, a tratti travolgente ma anche angoscioso. Tanto anni fa uscì un film "Hello Denise". A mio parere, di allora e di oggi, un vero film dell'orrore! Ogni personaggio non riesce ad incontrare f ...continua

    Bel libro, a tratti travolgente ma anche angoscioso. Tanto anni fa uscì un film "Hello Denise". A mio parere, di allora e di oggi, un vero film dell'orrore! Ogni personaggio non riesce ad incontrare fisicamente l'altro, MAI. Riescono a comunicare esclusivamente al telefono, fissano appuntamenti che poi non manterranno, flirtano, discutono, fanno l'amore per telefono. Oggi (molto più ricco di sostituti del contatto) come allora ritengo
    questo un tragico destino eppure so perfettamente quanto il contatto reale possa essere faticoso e sempre di più con il passare degli anni. La protagonista del libro scrive una frase sconvolgente e verissima: "come si controlla l'immediatezza di un incontro quando non ci si è mai allenati?"

    ha scritto il 

  • 5

    Arguto e originale. La storia di due che si conoscono tramite una corrispondenza mail, dove, nascosti da uno schermo, si raccontano tutto e niente. Niente e tutto.
    Non ci si stacca dalla loro ironia, ...continua

    Arguto e originale. La storia di due che si conoscono tramite una corrispondenza mail, dove, nascosti da uno schermo, si raccontano tutto e niente. Niente e tutto.
    Non ci si stacca dalla loro ironia, dai sentimenti e dal loro darsi del Lei.
    Il finale è giusto. Lo rende legato alla realtà. Non ne avrei visti altri possibili.

    ha scritto il 

  • 3

    Si legge in un paio di giorni, grazie alla scorrevolezza e alla struttura epistolare. La storia cattura e stimola curiosità per il finale...
    Un'avventura iniziata per un errore di invio di una mail, s ...continua

    Si legge in un paio di giorni, grazie alla scorrevolezza e alla struttura epistolare. La storia cattura e stimola curiosità per il finale...
    Un'avventura iniziata per un errore di invio di una mail, si trasformerà via via in qualcosa di importante per i due protagonisti.

    ha scritto il 

  • 1

    http://chanelbooks.blogspot.it/2017/01/le-ho-mai-raccontato-del-vento-del-nord.html

    Voglio un finale! Dico solo questo, sul blog, la recensione completa.
    http://chanelbooks.blogspot.it/2017/01/le-ho-mai-raccontato-del-vento-del-nord.html

    ha scritto il 

  • 4

    a volte è bello lasciarsi fregare

    Glattauer riesce a mantenere un ritmo veloce ed incalzante senza scrivere di nulla. Niente descrizioni, niente sentimenti, solo situazioni. Si potrebbero saltare pagine e pagine senza perdere il filo ...continua

    Glattauer riesce a mantenere un ritmo veloce ed incalzante senza scrivere di nulla. Niente descrizioni, niente sentimenti, solo situazioni. Si potrebbero saltare pagine e pagine senza perdere il filo del romanzo. I dialoghi sono tuttavia arguti come nelle sceneggiature di certe sit-com. Se questa è una critica, va rivolta solo a me stesso, lo stesso che si divertiva guardando 'friends', per essermi fatto fregare un'altra volta. Ma complimenti all'autore.

    ha scritto il 

  • 3

    Romanzo sotto forma epistolare che parla dell'amore al tempo di internet e delle relazioni che nascono attraverso lo schermo di un computer, ma che mancano di volti e concretezza. Può un amore virtual ...continua

    Romanzo sotto forma epistolare che parla dell'amore al tempo di internet e delle relazioni che nascono attraverso lo schermo di un computer, ma che mancano di volti e concretezza. Può un amore virtuale davvero compensarne o sostituire uno reale?
    Lo stile del romanzo mi ricorda molto "Che tu sia per me il coltello" di Grossman, devo ammettere che l'ho cominciato un po' dubbiosa in quanto ho letto diverse recensioni negative, alla fine però l'ho divorato in 2 giorni.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    La paura del dolore

    Se avessi letto questo libro in un altro periodo della mia vita
    Forse avrei inveito pesantemente sul finale telefonato e sulle inutili scaramucce di due sciocchi
    E' che forse adesso io capisco la paur ...continua

    Se avessi letto questo libro in un altro periodo della mia vita
    Forse avrei inveito pesantemente sul finale telefonato e sulle inutili scaramucce di due sciocchi
    E' che forse adesso io capisco la paura del dolore, più che del proprio, di quello inferto agli altri
    Forse è per questo che mi è piaciuto tanto, mi ha fatto tanto male, mi ha coinvolto.
    Che la tragedia sarebbe arrivata non appena i cuori si fossero mostrati senza protezione, si percepiva già da metà del libro
    Che ci sarebbe stata una scelta dolorosa anche.
    Ma ho sperato fino in fondo che questa sensazione fosse solo mia.
    Il coraggio di vibrare la stoccata e scegliere l'amore, io l'avrei avuto.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    Scrivere è come baciare, solo senza labbra.

    Ho cercato di scrivere senza rivelare nulla di fondamentale. In ogni caso, la mia recensione contiene davvero delle anticipazioni. Se fossi in voi andrei avanti lo stesso, perché non vale assolutament ...continua

    Ho cercato di scrivere senza rivelare nulla di fondamentale. In ogni caso, la mia recensione contiene davvero delle anticipazioni. Se fossi in voi andrei avanti lo stesso, perché non vale assolutamente la pena leggere questo libro.

    “Le ho mai raccontato del vento del nord” ha venduto, in Germania, oltre 750'000 copie. Ed io mi ritrovo seduto a pensare “perché?”. Vorrei tanto conoscere queste persone, chiedere loro cos’hanno trovato di così interessante al suo interno. E sapere chi è quell’editore che ha accettato la pubblicazione.
    Orribile. Mi dispiace, ma si definisce unicamente con questo vocabolo. Insensato, infantile, spoglio e a tratti assurdo.
    Il libro è costituito interamente da un dialogo tramite e-mail. Iniziato per puro caso e proseguito… non chiedetemi perché. Non esistono capitoli. Le mail non hanno il mittente, ma è possibile intuirlo attraverso lo scritto. Si distanziano tra di loro da un titolo che riporta la successione dei messaggi: “un’ora dopo”, “trenta secondi dopo” e via dicendo. Niente da dire. Potrebbe essere un nuovo modo di concepire la scrittura.
    Mi stupisce il fatto che Emmi (protagonista insieme a Leo) continui a dire al suo interlocutore di essere affascinata dal modo di scrivere. Ho letto e riletto le lettere di lui e non riesco a capire cosa ci sia di così coinvolgente ed interessante. Sono giri di parole (tra l’altro semplicissime e banali), messe insieme per raccontare il nulla. Metafore trite e ritrite, comuni, noiose e scontate. Nessuna suspense, nessuna forte emozione. Solo il desidero di scoprire se i due “amanti virtuali” riusciranno mai ad incontrarsi.
    Al termine di quella che dovrebbe essere la storia, esplode la bomba che rovina ancor di più (se possibile) l’intero volume. Gli ultimi accadimenti e soprattutto le ultime due mail… lasciano di sasso. Non solo per il qualunquismo dimostrato dalla protagonista; non solo per l’evoluzione (o involuzione?) inaspettata; non solo per l’assurdità di tutta la faccenda. No. Anche per la maniera nella quale l’autore mette il punto. A mio parere, rimane molto in sospeso. Non si lotta. Eppure potrebbero. Emmi avrebbe la possibilità di farlo digitando un numero di telefono avuto tempo prima. Perché non lo fa?
    Sembra quasi come se Glattauer avesse abbandonato la scrittura di punto in bianco.
    Bisognerebbe addirittura tralasciare i personaggi.
    Lei: una saccente, autoritaria, anche se sentimentale. Una che crede che tutto e tutti siano lì per lei. Una donna indubbiamente formata sull’apparenza ed adagiata nel suo mondo famigliare che dice a tutti di amare, ma in realtà disprezza. Rimane accanto a marito e figli solo per non doversi scomodare a rifarsi una vita, solo per non dover trovare il coraggio che non possiede, solo per non dover ammettere di essersi innamorata di un estraneo.
    Lui: un uomo sicuramente ironico, a tratti sarcastico. Il profilo adatto per un essere ferito, frustrato e colmo di risentimenti nei confronti delle donne. Gentile, ma schivo e contraddittorio. Disperatamente in conflitto con se stesso e con gli altri. Misterioso (e sicuramente coinvolgente per questo unico motivo).

    Vorrebbe sembrare una storia vera, ma purtroppo si capisce lontano un miglio che è pura finzione. Non dà nulla. Ma forse toglie. SÌ: ruba il tempo che si potrebbe concedere ad un altro libro, senza dubbio molto più bello.

    ha scritto il 

  • 4

    "Spesso, strada facendo, spuntano possibilità escluse in partenza. E non sono affatto le peggiori."

    Libro molto coinvolgente e scorrevole. Me lo sono divorato tutto d'un fiato!
    Una relazione epistolare dei nostri tempi che coinvolge e travolge due adulti, ciascuno con la propria vita.
    Ci si può inna ...continua

    Libro molto coinvolgente e scorrevole. Me lo sono divorato tutto d'un fiato!
    Una relazione epistolare dei nostri tempi che coinvolge e travolge due adulti, ciascuno con la propria vita.
    Ci si può innamorare di sole parole?E se un eventuale incontro rovinasse tutto?
    Ve lo consiglio!

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per