Le intermittenze della morte

di | Editore: Einaudi
Voto medio di 3646
| 777 contributi totali di cui 638 recensioni , 137 citazioni , 0 immagini , 0 note , 2 video
In un non meglio identificato Paese, allo scoccare della mezzanotte di un 31dicembre, s'instaura l'eternità, perché nessuno muore più. L'avvenimento suscita a tutta prima sentimenti di giubilo e felicità, ma crea anche scompiglio in ogni strato socia ...Continua
Jacobass2006
Ha scritto il 13/05/18
Poco piu'...
... di tre stelle per il solito, visionario, Saramago. Parte gustosissimo con l'idea che la morte si assenti improvvisamente da un intera nazione e ci sguazza da par suo a piene mani con riferimenti semiseri all'attualità, evidenziando farsescamente...Continua
Daniela
Ha scritto il 07/05/18
Dopo cecità.... un finale da scoprire.
Ho avuto quasi paura di essere delusa. Cecità, libro che ho adorato, aveva creato un'aspettativa altissima (essendo l'unico libro di Saramago che avessi mai letto). La storia é surreale. Un libro che nelle prime pagine ti porta a riflettere su alcun...Continua
Beatrice
Ha scritto il 21/04/18
L'evento iniziale è la scomparsa della morte con la prospettiva di una società di moribondi che non riescono a varcare il confine con l'aldilà. La morte non c'è ma poi riappare per agire secondo modalità diverse. “Era evidente che la morte non si era...Continua
Zinonno
Ha scritto il 08/04/18

Romanzo ironico, che approfondisce però l'argomento più difficile della nostra esistenza, la morte.
Recensione completa: http://culturaincircolo.blogspot.it/2018/04/recensione-de-le-intermittenze-della.html

La Franceschina 🌸
Ha scritto il 01/04/18
Trama e storia molto particolari, anche perché protagonista assoluta è la morte..in alcuni punti la lettura risulta un po' pesante, ma tutto sommato è davvero un buon libro, come tutti i libri di Saramago che ho letto, la trama è avvincente e il modo...Continua

Alice
Ha scritto il Apr 28, 2018, 17:51
A proposito, non resistiamo a rammentare che la morte, di per sé, da sola, senza alcun aiuto esterno, ha sempre ammazzato molto meno dell'uomo.
Pag. 113
Alice
Ha scritto il Apr 22, 2018, 19:41
Alla chiesa non si è mai chiesto di spiegare comunque, l'altra nostra specialità, oltre alla balistica, è stata di neutralizzare, con la fede, lo spirito curioso.
Pag. 22
wolenboeken
Ha scritto il Sep 14, 2016, 10:42
Su di noi, la morte conosce tutto, e forse è per questo che è triste. Se è vero che non sorride mai, è solo perché le mancano le labbra, e questa lezione di anatomia ci dice che, al contrario di ciò che ritengono i vivi, il sorriso non è una question...Continua
wolenboeken
Ha scritto il Sep 13, 2016, 08:07
La morte, di per sé, da sola, senza alcun aiuto esterno, ha sempre ammazzato molto meno dell'uomo.
wolenboeken
Ha scritto il Sep 12, 2016, 08:25
Che ne faremo dei vecchi, se ormai non c'è più la morte a spezzargli le velleità longeve.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

Teofano
Ha scritto il Nov 03, 2015, 18:18
Chopin etude Op.25 No.9
Autore:
marcovalenti
Ha scritto il Dec 08, 2014, 18:32
Suite for Solo Cello no. 6 in D major
Autore: J.S. Bach

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi