Le juif qui rit­

(L'ebreo che ride)

Voto medio di 6
| 3 contributi totali di cui 2 recensioni , 1 citazione , 0 immagini , 0 note , 0 video
In questo libro l'autore, facendo leva sugli stereotipi che già negli anni Venti erano diffusi in tutta Europa, racconta il mondo ebraico dal proprio autoironico punto di vista, illustrando frasi brevi e battute fulminanti che catturano tutti gli ... Continua
Ha scritto il 11/01/17
Un ufficiale e un soldato semplice Il tuo nome? - Lévy, signore. Ami lo zar? - E' una questione molto delicata, signore. Lo uccideresti? - Con che cosa, signore? Io sono tamburino.
Ha scritto il 06/08/12
Una divertente sciocchezzuola: sono barzellette, di quelle con il disegno. Qualche sprazzo della genialità ebraica, ma anche molta banalità.

Ha scritto il Apr 11, 2017, 05:40
- Zoppichi, Levy? - Ho delle scarpe troppo strette. - Perché non ne metti un altro paio? - Ti dirò... Mia moglie mi esaspera, i bambini sono insopportabili, gli affari vanno male. Il mio solo piacere è di levarmi le scarpe quando rientro!
Pag. 70

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi