Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le lettere di Berlicche

Di

Editore: Il Sabato

3.9
(658)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 154 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000018440 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Prefazione: Luigi Santucci

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Religion & Spirituality

Ti piace Le lettere di Berlicche?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
edizione speciale per "Il Sabato"
Ordina per
  • 2

    Pedante

    Immagino che ogni buon manualetto di morale debba essere pedante, e su questo nulla da dire; sarebbe però stato più corretto da parte dell'editore non spacciare quest'opera per un'alta dissertazione filosofica o un arguto epistolario fittizio: si tratta, invece, di catechismo.

    ha scritto il 

  • 4

    "Se se ne accorgeranno saranno sulla strada di scoprire che "l'amore" non è sufficiente , che la carità è necessaria e non ancora compiuta e che nessuna legge esterna può prenderne il posto."

    ha scritto il 

  • 5

    Ricco di intelligenza

    Sembra scritto ieri. All'inizio mi ha regalato dei momenti in cui sentivo riconosciuto il mio modo di pensare su alcuni argomenti...poi ha iniziato a portare alla luce le mie furberie intellettuali e quant'altro. Non adatto a chi ha la verità in tasca.

    ha scritto il 

  • 5

    Il problema fondamentale dell'uomo moderno sta tutto qui: preferisce la contrapposizione piacere/dolore a quella più profonda di giusto/sbagliato; non si nutre più di ideali, ubriacandosi di pensieri; non cerca più la verità, ma le piccole facili verità. Non è più disposto a cambiare radicalmente ...continua

    Il problema fondamentale dell'uomo moderno sta tutto qui: preferisce la contrapposizione piacere/dolore a quella più profonda di giusto/sbagliato; non si nutre più di ideali, ubriacandosi di pensieri; non cerca più la verità, ma le piccole facili verità. Non è più disposto a cambiare radicalmente la propria vita per seguire un ideale, perchè non è più disposto ad accettare la scomodità e la sofferenza.

    ha scritto il 

Ordina per