Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le lettere di Berlicche

Di

Editore: Arnoldo Mondadori

3.9
(654)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 131 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8804487798 | Isbn-13: 9788804487791 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Alberto Castelli

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Religion & Spirituality

Ti piace Le lettere di Berlicche?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nelle trentun lettere di cui si compone il libro, C. S. Lewis (1898-1963) lavora su una trovata narrativa di innegabile efficacia. Un funzionario di Satana istruisce un giovane diavolo apprendista, Malacoda, suo nipote, spiegandogli i mezzi e gli espedienti più idonei, secondo la sua esperienza, per conquistare (e dannare) gli uomini. Ogni manifestazione della vita, dal pensiero alla preghiera, dall'amore all'amicizia, dal divertimento alla vita sociale, dal piacere al lavoro alla guerra, tutto viene distorto a scopo diabolico.
Ordina per
  • 2

    Pedante

    Immagino che ogni buon manualetto di morale debba essere pedante, e su questo nulla da dire; sarebbe però stato più corretto da parte dell'editore non spacciare quest'opera per un'alta dissertazione filosofica o un arguto epistolario fittizio: si tratta, invece, di catechismo.

    ha scritto il 

  • 4

    "Se se ne accorgeranno saranno sulla strada di scoprire che "l'amore" non è sufficiente , che la carità è necessaria e non ancora compiuta e che nessuna legge esterna può prenderne il posto."

    ha scritto il 

  • 5

    Ricco di intelligenza

    Sembra scritto ieri. All'inizio mi ha regalato dei momenti in cui sentivo riconosciuto il mio modo di pensare su alcuni argomenti...poi ha iniziato a portare alla luce le mie furberie intellettuali e quant'altro. Non adatto a chi ha la verità in tasca.

    ha scritto il 

  • 5

    Il problema fondamentale dell'uomo moderno sta tutto qui: preferisce la contrapposizione piacere/dolore a quella più profonda di giusto/sbagliato; non si nutre più di ideali, ubriacandosi di pensieri; non cerca più la verità, ma le piccole facili verità. Non è più disposto a cambiare radicalmente ...continua

    Il problema fondamentale dell'uomo moderno sta tutto qui: preferisce la contrapposizione piacere/dolore a quella più profonda di giusto/sbagliato; non si nutre più di ideali, ubriacandosi di pensieri; non cerca più la verità, ma le piccole facili verità. Non è più disposto a cambiare radicalmente la propria vita per seguire un ideale, perchè non è più disposto ad accettare la scomodità e la sofferenza.

    ha scritto il 

Ordina per