Le mambo des deux ours

By

4.1
(2222)

Language: Français | Number of pages: 345 | Format: Mass Market Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Italian

Isbn-10: 2070496074 | Isbn-13: 9782070496075 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Humor , Mystery & Thrillers

Aimez-vous Le mambo des deux ours ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    Leonard e Hap

    "... Il problema, con te, è che tu ti senti davvero in colpa perché non sei sulla copertina del «Time Magazine». Dentro di te, nel profondo, ci credi sul serio a quelle stronzate che ti diceva sempre ...continuer

    "... Il problema, con te, è che tu ti senti davvero in colpa perché non sei sulla copertina del «Time Magazine». Dentro di te, nel profondo, ci credi sul serio a quelle stronzate che ti diceva sempre Florida sul come non saresti mai riuscito a combinare un cazzo, a diventare qualcosa. Sei convinto che per essere importante devi per forza essere una specie di broker di Wall Street o un Premio Nobel. Ascoltami un po', adesso. Sei un brav'uomo e sei mio amico, e tutti e due siamo il più possibile fedeli a ciò che pensiamo sia giusto. Non so proprio che cos'altro ci sia di importante. Tutte quelle altre stronzate sono soltanto la decorazione sulla torta.
    — Grazie, Leonard.
    — Non c'è di che. Non pensavo niente di quello che ho detto."

    dit le 

  • 4

    Con uno stile sciolto e pungente l'A. è capace di catturare lo sguardo del lettore con una stravaganza ed una freschezza non sempre facili da trovare nel mondo letterario. I due protagonisti sono una ...continuer

    Con uno stile sciolto e pungente l'A. è capace di catturare lo sguardo del lettore con una stravaganza ed una freschezza non sempre facili da trovare nel mondo letterario. I due protagonisti sono una coppia ben assortita di investigatori improvvisati : Hap, la voce narrante, è un bianco tranquillo e pacioso ; Leonard è un nero omosessuale, progressista e meravigliosamente pieno di sé. Li accomuna una splendida amicizia e un irresistibile senso dell’umorismo. La trama è fragile e piuttosto inconsistente, una semplice occasione per parlare di temi come l’amicizia, il sesso, le discriminazioni razziali, la stupidità e la cattiveria umana.
    I due protagonisti si ritrovano in una remota provincia del Texas per cercare di ritrovare l’avvocato Florida, improvvisamente scomparsa, ex ragazza di Hap e attuale compagna del capo della polizia. Non sarà facile soprattutto perché Grovetown, la cittadina del Texas, luogo del misfatto, è popolata da abitanti non proprio “ospitali” nei confronti delle persone di colore. Ma Hap e Leonard non si scoraggiano e mettono a rischio la propria vita pur di riuscire a risolvere il caso. La bellezza del libro di Lansdale è nello stile e nei dialoghi. Il linguaggio diretto e sboccato, è intriso di umorismo in ogni pagina. Èdavvero sorprendente poiché non si riesce a trattenere il riso anche nei momenti più drammatici. Hap e Leonard non possono rinunciare a fare battute anche quando stanno rischiando la vita, è proprio come se fosse il loro senso dell’umorismo a mantenerli in vita. Il “mambo degli orsi” è un libro forte per impatto e contenuto ; lo stile è serrato e diretto e indulge spesso al volgare. Èun libro davvero trascinante, in cui le vicende si svolgono velocemente attraverso le parole di Hap. Lansdale ama ritrarre un Texas sopra le righe, zeppo di personaggi razzisti e rozzi, minati nel fisico e nella mente. E di loro ci offre descrizioni assolutamente spiritose, caratterizzate da paragoni fantasiosi e scortesi, ma a loro modo geniali.

    dit le 

  • 4

    Dammene ancora, Lansdale

    Sono partita dal volume sbagliato, non sapendo che si tratta del terzo episodio, ma la cosa non mi ha infastidita più di tanto, e c'è da dire che ero talmente presa dal modo spettacolare con cui Lansd ...continuer

    Sono partita dal volume sbagliato, non sapendo che si tratta del terzo episodio, ma la cosa non mi ha infastidita più di tanto, e c'è da dire che ero talmente presa dal modo spettacolare con cui Lansdale FA VIVERE i suoi personaggi che se anche mi avesse infastidito sarei comunque finita a comprarmi altri libri di questo autore. Ne voglio ancora, e ho come l'impressione di essermi imbarcata in qualcosa che durerà molto a lungo.

    dit le 

  • 3

    Mix di divertemento e terrore

    Questo terzo episodio di Hap & Leonard si distingue specialmente per l'approfondimento dei due protagonisti che si confermano una coppia estremamente affiatata. Li accompagna un'ironia che, come mi ha ...continuer

    Questo terzo episodio di Hap & Leonard si distingue specialmente per l'approfondimento dei due protagonisti che si confermano una coppia estremamente affiatata. Li accompagna un'ironia che, come mi ha fatto notare un amico, ricorda molto la tipica ironia romana in cui ci si prende gioco di tutto a partire da se stessi e dai più cari amici. Questa ironia che rende lievi anche le situazioni più pesanti è tipica negli episodi di questa saga. E quindi il Texas diviene improvvisamente più vicino pur mantenendo una distanza siderale nei luoghi descritti, simili a quelli di un racconto di Tex Willer, e nell'atmosfera degradata e razzista.
    Il razzismo appunto è l'argomento principale del libro, quindi l'ignoranza che inevitabilmente porta a giudicare gli individui dal colore della pelle e non dallo spessore che li contraddistingue. Quindi una coppia formata da un bianco etero liberal e progressista e un nero gay e paradossalmente conservatore è la chiave perfetta per entrare a gamba tesa in un contesto di questo genere.
    Il libro si fa leggere bene, i protagonisti sono notevoli, la storia un po' meno.

    dit le 

  • 4

    Scoperta

    Primo di Lansdale e gran sorpresa per l'originalità.
    Ad una trama scialba e abbastanza banale si contrappone una caratterizzazione dei personaggi veramente brillante e dialoghi a volte assurdi, ma mai ...continuer

    Primo di Lansdale e gran sorpresa per l'originalità.
    Ad una trama scialba e abbastanza banale si contrappone una caratterizzazione dei personaggi veramente brillante e dialoghi a volte assurdi, ma mai banali.
    Non adatto a chi è infastidito dalla volgarità gratuita e per chi adora il politically correct.
    Per quanto mi riguarda, con Lansdale questo è solo l'inizio.

    dit le 

  • 4

    Razzismo

    Terzo episodio per Hap e Leonard, coppia di amici per la pelle, che qui si avventurano in una paese imbevuto come una spugna di quel razzismo partorito dalla più profonda e sterile ignoranza.
    Noir a t ...continuer

    Terzo episodio per Hap e Leonard, coppia di amici per la pelle, che qui si avventurano in una paese imbevuto come una spugna di quel razzismo partorito dalla più profonda e sterile ignoranza.
    Noir a tinte forti, che pecca solo di un finale tirato un po' via.

    dit le 

  • 4

    Terza avventura per Hap e Leonard, stavolta alla ricerca della ex di Hap scomparsa nella cittadina razzista di Grovetown. Un pò meno brillante e pulp dei precedenti "casi" ma sempre una lettura molto ...continuer

    Terza avventura per Hap e Leonard, stavolta alla ricerca della ex di Hap scomparsa nella cittadina razzista di Grovetown. Un pò meno brillante e pulp dei precedenti "casi" ma sempre una lettura molto gradevole. E poi Lansdale ha un modo di scrivere che adoro: le metafore e i paragoni con cui fa parlare i suoi protagonisti mi regalano spesso una risatina divertita. Penso che mi getterò quanto prima nella lettura della loro quarta avventura

    dit le 

  • 4

    In questo romanzo (che è il terzo capitolo della saga di Hap e Leonard), Lansdale crea delle atmosfere incredibilmente avvincenti. La trama, seppur un po' forzata, è di quelle che ti costringono "a gi ...continuer

    In questo romanzo (che è il terzo capitolo della saga di Hap e Leonard), Lansdale crea delle atmosfere incredibilmente avvincenti. La trama, seppur un po' forzata, è di quelle che ti costringono "a girare pagina". Hap e Leonard sono ancora due bei personaggi, qualche volta un po' troppo sopra le righe. Se devo evidenziare un difetto, sono i dialoghi, davvero poco realistici. Comunque, nel complesso, forse il miglior libro di Lansdale letto fino a ora.

    dit le 

  • 4

    Il mio primo Lansdale....era tanto tempo che mi girava intorno ma non avevo mai trovato il momento giusto per leggerlo. Poi nel gioco "Adotta un autore" del gruppo Americana Contemporanea mi è capitat ...continuer

    Il mio primo Lansdale....era tanto tempo che mi girava intorno ma non avevo mai trovato il momento giusto per leggerlo. Poi nel gioco "Adotta un autore" del gruppo Americana Contemporanea mi è capitato lui (dopo un paio di scambi) e così l'occasione è arrivata. Hap e Leonard mi sono molto simpatici, la scrittura è ironica e colorita ma scorrevole, la storia c'è, i temi anche...è una lettura molto piacevole, non di grande impegno, ma piacevole e mi ha lasciato la voglia di leggerne un altro.

    dit le 

Sorting by