Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le montagne russe

Di

Editore: Medusa Edizioni

4.4
(11)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8876981357 | Isbn-13: 9788876981357 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Genere: Non-fiction

Ti piace Le montagne russe?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"La poesia morirà se non la si offende / bisogna possederla e umiliarla in pubblico / poi si vedrà cosa diventa". Con le armi dell'ironia e dell'autoironia, della satira e del paradosso il cileno Nicanor Parra ha rivoluzionato la poesia di lingua spagnola creando un'opera "sovversiva ma non militante" (L. Morales), dotta e popolare al tempo stesso, capace di divertire e turbare il lettore con sconvolgente immediatezza. Resta più che mai valido l'invito, contenuto in un celebre testo degli anni Sessanta, a fare un giro sulle sue montagne russe: "Salite, se credete. / Se poi scendendo perderete sangue / Da bocca e naso io non ne rispondo". La poesia di Parra, la più studiata e discussa, insieme a quella di Neruda e Vallejo, del Novecento ispanoamericano, è in larga misura sconosciuta al pubblico italiano. Questa edizione ne ripercorre la traiettoria dai Poemas y antipoemas del 1954 fino alle raccolte più recenti, che testimoniano la vitalità di uno sguardo beffardo e irriverente.
Ordina per
  • 4

    Padre nostro che sei nei cieli
    Pieno di problemi d'ogni sorta
    Con lo sguardo accigliato
    Come se fossi un tizio qualunque
    Non pensare più a noi.


    Comprendiamo che soffri
    Perchè non puoi sistemare le cose.
    Sappiamo che il Demonio non ti lascia tranquillo
    Distruggendo ciò che tu costruisci. ...continua

    Padre nostro che sei nei cieli Pieno di problemi d'ogni sorta Con lo sguardo accigliato Come se fossi un tizio qualunque Non pensare più a noi.

    Comprendiamo che soffri Perchè non puoi sistemare le cose. Sappiamo che il Demonio non ti lascia tranquillo Distruggendo ciò che tu costruisci.

    Lui ride di te Ma noi piangiamo insieme a te: Non ti preoccupare del suo riso diabolico.

    Padre nostro che sei dove sei Circondato da angeli sleali Sinceramente: non soffrire più per noi Devi renderti conto Che gli déi non sono infallibili E che noialtri perdoniamo tutto.

    *

    Comincia a cadere un altro po' di neve

    come se fosse poca tutta la neve ch'è caduta in Russia da quando il giovane Puškin assassinato per ordine dello zar nei dintorni di San Pietroburgo si congedò dalla vita con queste parole indimenticabili:

    Comincia a cadere un altro po' di neve

    come se fosse poca tutta la neve ch'è caduta in Russia e tutto il sangue ch'è caduto in Russia da quando il giovane Puškin assassinato per ordine dello zar nei dintorni di San Pietroburgo si congedò dalla vita con queste parole indimenticabili:

    Comincia a cadere un altro po' di neve...

    *

    Progetto di treno istantaneo da Santiago a Puerto Montt

    La locomotiva del treno istantaneo è nel luogo di destinazione (Pto. Montt) e l'ultimo vagone nel punto di partenza (Stgo.)

    il vantaggio che presenta questo tipo di treno consiste nel fatto che il viaggiatore arriva istantaneamente a Puerto Montt nel momento stesso in cui sale sull'ultimo vagone a Santiago

    la sola cosa che gli rimane da fare è trasportarsi con le sue valigie per gli scompartimenti del treno fino a raggiungere il primo vagone

    una volta eseguita questa operazione il viaggiatore può procedere ad abbandonare il treno istantaneo ch'è rimasto immobile durante tutto il tragitto.

    ha scritto il 

  • 3

    “L’antipoesia lacera il lettore e il mondo quotidiano da lui abitato, ma non lo fa senza esporsi, perché essa stessa è implicata, come struttura, nel gioco dei significati: il suo stesso corpo linguistico si presenta ugualmente lacerato. In una relazione di rottura con la poesia dominante, l’anti ...continua

    “L’antipoesia lacera il lettore e il mondo quotidiano da lui abitato, ma non lo fa senza esporsi, perché essa stessa è implicata, come struttura, nel gioco dei significati: il suo stesso corpo linguistico si presenta ugualmente lacerato. In una relazione di rottura con la poesia dominante, l’antipoesia introduce una dissonanza che evoca il montaggio o il collage: è una costruzione frammentaria.” – Leonidas Morales .

    “Nella maggioranza dei sistemi artistici il valore di un’opera è stabilito dall’accettazione delle regole che la definiscono come tale; invece l’antipoesia determina la sua natura artistica attraverso la trasgressione delle regole del testo letterario, alternando e frustando i presupposti e le aspettative del codice di comunicazione estetica.” – Iván Carrasco

    http://www.subliminalpop.com/?p=8567

    ha scritto il 

  • 4

    Inaspettato e significativo trovare nella poesia "Avvertenza al lettore" un riferimento sicuramente programmatico al Tractatus di Wittgenstein. Parra scrive una poesia per spiegare le sue poesie,già questo abbastanza antipoetico. "I mortali che hanno letto il Tractatus di Wittgenstein / Possono ...continua

    Inaspettato e significativo trovare nella poesia "Avvertenza al lettore" un riferimento sicuramente programmatico al Tractatus di Wittgenstein. Parra scrive una poesia per spiegare le sue poesie,già questo abbastanza antipoetico. "I mortali che hanno letto il Tractatus di Wittgenstein / Possono battersi il petto con una pietra / Perchè è un'opera difficile a trovarsi [ de conseguir: forse da tradurre "da realizzare"?]/ Ma il circolo di Vienna si è dissolto da anni, ..... E io ho deciso di dichiarare guerra ai cavalieri della luna". Ecco la genialità : applicare alla poesia (diventando anti-poesia) gli stessi criteri di sensatezza del Tractatus; "la parola arcobaleno non vi compare in nessun luogo, meno che mai la parola dolore ... Ma di tavoli e sedie ce n'è a iosa". E, se "su ciò di cui non si può parlare si deve tacere" , su tutto il resto si può sensatamente poetare. Wittgenstein disse, a proposito di alcune poesie lette, "non le capisco, ma il loro tono mi rende felice"; Le poesie di Parra si capiscono e forse ci rendono felici della nostra terrestrità.

    ha scritto il 

  • 5

    Nicanor Parra, nasce nel 1914 a San Fabiàn de Alico, Cile. Segna un momento fondamentale nella storia della poesia ispanoamericana del secondo Novecento con la pubblicazione dei suoi " Poemas Y antipoemas " e con lui nasce la cosidetta " antipoesia ". Letto subito dopo " le vene aperte dell'Ameri ...continua

    Nicanor Parra, nasce nel 1914 a San Fabiàn de Alico, Cile. Segna un momento fondamentale nella storia della poesia ispanoamericana del secondo Novecento con la pubblicazione dei suoi " Poemas Y antipoemas " e con lui nasce la cosidetta " antipoesia ". Letto subito dopo " le vene aperte dell'America latina " di Eduardo Galeano, ne ho potuto comprendere più a fondo il valore e la potenza. Senza conoscere la situazione politica cilena degli anni in cui Parra ha scritto, resta difficile comprendere la miriade di frammenti che compongono la sua poesia, riportati ad unità dalla lingua " de la calle ",la lingua di tutti i giorni che diventa un potentissimo strumento anti-retorica e anti-solenne. Nella advertencia al lector, Parra usa l'espressione " el cielo se està cayendo a pedazos ", il cielo sta cadendo a pezzi, per sottolineare che nella sua poesia non ci saranno arcobaleni nè immagini poetiche, ma tavoli, sedie e casse da morto.

    Test

    "Che cos'è un antipoeta: Un commerciante in urne e bare? Un sacerdote che non crede in nulla? Un generale che dubita di sè? Un vagabondo che si beffa di ogni cosa Anche della vecchiaia e della morte? Un interlocutore indisponente? Un ballerino sull'orlo dell'abisso? Un narciso che ama tutti quanti? Un burlone sanguinoso Deliberatamente miserabile? Un poeta che dorme su una sedia? Un alchimista dei tempi moderni? Un rivoluzionario da taschino? Un piccolo borghese? Un ciarlatano? Un Dio? Un innocente? Un paesano di Santiago del Cile? Sottolinea l'espressione che ritieni corretta.

    Che cos'è l'antipoesia: Un temporale in una tazza di tè? Una chiazza di neve su una roccia? Un cesto pieno di escrementi umani come sostiene padre Salvatierra? Uno specchio che dice la verità? Una manata in faccia Al presidente della Società degli Scrittori? (Che Dio se l'abbia nel suo santo regno) Un'avvertenza ai giovani poeti? Una bara a getto? Una bara a forza centrifuga? Una bara a gas di paraffina? Una camera ardente senza defunto? Segna con una croce La definizione che ritieni corretta." ( Nicanor Parra)

    Padre Salvatierra: sacerdote cappuccino che nel 1964 recensì su " El Diario Ilustrado " di Santiago l'opera di Parra paragonandola a un secchio di spazzatura.

    ha scritto il 

  • 0

    Da Sermoni e prediche del Cristo di Elqui (pag. 97)

    I mariti dovrebbero seguire un corso per corrispondenza / se non osano farlo di persona / sugli organi genitali della donna / c'è una grande ignoranza in proposito

    ha scritto il 

Ordina per