Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le nostre luci

Quando manca poco per diventare grandi

Di

Editore: Isbn Edizioni

3.7
(52)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 224 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8876382615 | Isbn-13: 9788876382611 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Anna Mioni

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Le nostre luci?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Jasper ha diciassette anni e sta cercando di essere promosso. Allo stesso tempo, è anche impegnato a fare sesso, andare su chat erotiche, ubriacarsi e prendere droghe con gli amici, evitare ragazze incinte (forse per merito suo), raggirare la psicologa e capire come far incriminare il patrigno per omicidio. In mezzo a tutto questo, forse riesce anche a innamorarsi, e a diventare un po’ più grande. Le nostre luci è il manifesto degli adolescenti 2.0, una storia tenera e divertente di ragazzi un po’ sbandati e un po’ saggi, giovani adulti molto più complessi di quanto ci si aspetterebbe. Un romanzo all’incrocio tra Meno di zero e Il giovane Holden, da una voce giovane e scanzonata, ma già capace di aperture da scrittore vero.
Ordina per
  • 4

    Link recensione blog

    Tutti abbiamo avuto 17 anni... No? Pochi ricordano quell'età con nostalgia, ma la maggior parte di noi tira un sospiro di sollievo per esserne uscito indenne e senza danni irreversibili, ovvero con la testa sopra le spalle, senza rimpianti, cazz... di cui pentirsi, la fedina penale pulita. Oddio, ...continua

    Tutti abbiamo avuto 17 anni... No? Pochi ricordano quell'età con nostalgia, ma la maggior parte di noi tira un sospiro di sollievo per esserne uscito indenne e senza danni irreversibili, ovvero con la testa sopra le spalle, senza rimpianti, cazz... di cui pentirsi, la fedina penale pulita. Oddio, detto così può apparire come "Da giovine avresti potuto essere una persona orribile".

    [http://francescast84.blogspot.it/2014/03/le-nostre-luci-di-ben-brooks-recensione.html]

    Francesca

    ha scritto il 

  • 2

    La svogliatezza dei giovani di oggi, che non sanno come stupirsi se non strafacendosi di droghe. Molto triste, perchè a vent'anni non puoi già vedere il mondo con rassegnazione, a vent'anni dovresti godertela la vita, non cercare di distruggerla.
    Mi aspettavo qualcosa di più originale da questa ...continua

    La svogliatezza dei giovani di oggi, che non sanno come stupirsi se non strafacendosi di droghe. Molto triste, perchè a vent'anni non puoi già vedere il mondo con rassegnazione, a vent'anni dovresti godertela la vita, non cercare di distruggerla. Mi aspettavo qualcosa di più originale da questa lettura, non così opprimente da non vedere l'ora di finirlo per passare finalmente ad altro.

    ha scritto il 

  • 3

    http://tuttobenenellamiatesta.blogspot.it/2012/04/le-nostre-luci-ben-brooks.html

    http://tuttobenenellamiatesta.blogspot.it/2012/04/le-nostre-luci-ben-brooks.html


    Brooks scrive felicemente di quello che conosce, si muove agilmente in iperboli linguistiche felicissime, destruttura il linguaggio, costruisce inaspettati doppi sensi alla velocità della luce e confessa di gu ...continua

    http://tuttobenenellamiatesta.blogspot.it/2012/04/le-nostre-luci-ben-brooks.html

    Brooks scrive felicemente di quello che conosce, si muove agilmente in iperboli linguistiche felicissime, destruttura il linguaggio, costruisce inaspettati doppi sensi alla velocità della luce e confessa di guardare le repliche di "Una mamma per amica".

    ha scritto il 

  • 5

    "Non mi piace il modo in cui si comporta la gente di questi tempi. Il prof Hutchinson la chiama «la piaga dell'era postmoderna». La piaga è la tolleranza. La piaga è essere costretti a tollerare persino gli intolleranti. Ecco perchè si può andare su www.kkk.com e comprare magliette con slogan raz ...continua

    "Non mi piace il modo in cui si comporta la gente di questi tempi. Il prof Hutchinson la chiama «la piaga dell'era postmoderna». La piaga è la tolleranza. La piaga è essere costretti a tollerare persino gli intolleranti. Ecco perchè si può andare su www.kkk.com e comprare magliette con slogan razzisti."

    ha scritto il 

  • 4

    "Sono Holden Caulfield, solo meno spericolato, e più attraente"

    Ben Brooks è bravo a scrivere, accidenti!
    E ha solo 19 anni.
    L'uso che fa delle metafore e la crudezza delle descrizioni, valgono il libro, per quanto mi riguarda.


    Leggi e senti parlare un 17enne. E tutti siamo stati adolescenti, lo sappiamo come ci si sente.
    Ma non siamo di fronte a un li ...continua

    Ben Brooks è bravo a scrivere, accidenti! E ha solo 19 anni. L'uso che fa delle metafore e la crudezza delle descrizioni, valgono il libro, per quanto mi riguarda.

    Leggi e senti parlare un 17enne. E tutti siamo stati adolescenti, lo sappiamo come ci si sente. Ma non siamo di fronte a un libro per adolescenti, anzi.

    E' un libro per tutti. Come lo è Il Giovane Holden. E' un libro che ti ricorda di essere vivo. Perchè tutti abbiamo in atto un moto di ribellione, più o meno tacito, verso qualcosa che non ci fa star bene, che ci limita o che vorremmo diversa. E' un libro che ti ricorda la sensazione di quando ancora non eri adulto, ma nemmeno più bambino, di quando tutto sembrava possibile e potevi abbracciare le potenzialità del mondo, oppure andar incontro alla vita e decidere di darle fuoco, ma comunque SCEGLIERE.

    ha scritto il 

  • 3

    Quasi quattro stelle

    Un bravo diciassettenne, secondo me farà della strada: scrive bene ed ha dei picchi emotivi e "fotografici" davvero alti. Pelle d'oca in diversi momenti.


    La storia è abbastanza classica: siamo adolescenti, ci droghiamo, beviamo e facciamo feste, studiamo poco e siamo ribelli. Però con eleg ...continua

    Un bravo diciassettenne, secondo me farà della strada: scrive bene ed ha dei picchi emotivi e "fotografici" davvero alti. Pelle d'oca in diversi momenti.

    La storia è abbastanza classica: siamo adolescenti, ci droghiamo, beviamo e facciamo feste, studiamo poco e siamo ribelli. Però con eleganza, però con profondità, però con intelligenza. Ho amato uno ad uno tutti i suoi protagonisti. Bravo. E pure simpatico.

    ha scritto il