Le osservazioni

di | Editore: BEAT
Voto medio di 436
| 56 contributi totali di cui 50 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
In un giorno del 1863, nella Terra del Diavolo, il pezzo di Scozia che unisce Glasgow a Edimburgo, Bessy entra a servizio in una magnifica casa. Lavare, cucinare, battere i tappeti e fare il tè, accendere i camini tutte le mattine, pulire la cucina e ...Continua
Saffron Moon
Ha scritto il 09/05/17
elisa
Ha scritto il 20/04/17
Il libro si legge molto velocemente anche se bisogna dire da subito che la trama non è all'altezza dei "i gilliespie"purtroppo!!non sono d'accordo con le precedenti recensioni che bocciano del tutto il libro..io trovo che sia scritto molto bene ed an...Continua
Lia Valenti (...
Ha scritto il 30/08/16

Un libro insulso che mi ha fatto perdere solo tempo.

Chiara White
Ha scritto il 27/08/15
Nei pressi della Glasgow ottocentesca, Bessy racconta la sua storia…e le sue “osservazioni”, anche se le vere osservazioni sono di qualcun altro… il libro non è nulla di che, a volte anche scurrile e volgare, per essere scritto, nella finzione, da un...Continua
Ilcoloredeilibri
Ha scritto il 03/04/15

http://ilcoloredeilibri.blogspot.be/2012/04/recensione-le-osservazioni-di-jane.html


Pitichi...
Ha scritto il Jun 02, 2013, 13:11
Non so se queste mie pagine abbiano qualcosa da insegnare, tranne forse che la felicità si può trovare anche nei posti più strani, perfino fra quei poveretti che, per qualche motivo, hanno perduto il lume della ragione.
Pag. 443
Pitichi...
Ha scritto il Jun 02, 2013, 13:10
La gente ti vuole bene finché hai successo, ma appena la disgrazia bussa alla tua porta, scappano tutti dalla finestra.
Pag. 416
Pitichi...
Ha scritto il Jun 02, 2013, 13:03
Ma le cose belle prima o poi finiscono sempre.
Pag. 122
Pitichi...
Ha scritto il Jun 02, 2013, 13:03
Non capita sempre che, in seguito a un grave dispiacere, il corpo si rifugia nella malattia?
Pag. 117
Pitichi...
Ha scritto il Jun 02, 2013, 13:00
La padrona me lo ripeteva spesso: <<Non devi chiamarmi padrona, Bessie>>, soprattutto quando il reverendo veniva per il tè. La padrona infatti voleva che la chiamassi "signora", ma io me ne dimenticavo sempre. All'inizio per sbadataggine,...Continua
Pag. 7

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi