Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le palme selvagge

Di

Editore: Adelphi (Biblioteca, 372)

4.1
(215)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 302 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8845914380 | Isbn-13: 9788845914386 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bruno Fonzi ; Curatore: Mario Materassi

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Le palme selvagge?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Due storie narrate a capitoli alterni che mai s'intersecano: quella di due amanti che fuggono dalla società per chiudersi nel loro rapporto esclusivo e che nel tentativo d'interrompere una gravidanza finiscono con l'autodistruggersi; e quella del detenuto che durante la grande inondazione del Mississippi viene mandato in cerca di una partoriente aggrappata a un albero semisommerso, la trova, fa nascere il bambino, porta entrambi in salvoe poi rientra nella monastica società del penitenziario.
Ordina per
  • 5

    Faulkner si mette a scrivere un romanzo tutto e soltanto d'amore, un amore ineluttabile e delirante, e s'accorge improvvisamente che quella storia, agitata e reclusa nel proprio tema fino alla perdizione, ha bisogno di un'antitesi, di un'altra storia che la sollevi, qualcosa "come il contrappunto ...continua

    Faulkner si mette a scrivere un romanzo tutto e soltanto d'amore, un amore ineluttabile e delirante, e s'accorge improvvisamente che quella storia, agitata e reclusa nel proprio tema fino alla perdizione, ha bisogno di un'antitesi, di un'altra storia che la sollevi, qualcosa "come il contrappunto in musica". (Alfredo Giuliani su Le palme selvagge)
    Faulkner è capace di tutto, nel bene e nel male, di sfiancare il lettore con una sola pagina di aggettivi (Assalonne, Assalonne) in un lungo immoto estenuato afoso pomeriggio... Per poi riprenderselo in passaggi compassionevoli.
    Capace di frasi aspre sulle donne dette da donne: "Vieni a letto con me soltanto perché qualcuno ti ha ricordato che sotto il ventre mi biforco?". Le palme selvagge
    Capace nello stesso libro di svolazzi come questo: "E poi verrà l'autunno, il primo freddo, le prime foglie gialle e rosse cadranno, le foglie doppie, quella che risale col vento a incontrare quella che cade finché si toccano e vibrano un poco, senza combaciare perfettamente. E allora puoi aprire gli occhi per un minuto, se vuoi, se te ne ricordi, e osservare l'ombra delle foglie oscillanti sul petto che ti sta vicino".
    Le due storie raccontate ne Le palme selvagge (1939) hanno diverse affinità, il mondo di Faulkner è tutto inscritto nella frase "tra il dolore e il nulla sceglierò il dolore". Il lettore talvolta ne farebbe a meno di Faulkner, impetuoso, sempre sul punto di fare il passo più lungo della gamba, ma non può non riconoscere che Faulkner è un prodigio spaventoso di forza espressiva.
    Palme selvagge è la storia di un medico neolaureato e di una donna che abbandona suo marito, dicendoglielo, e le sue due figlie piccole, per fuggire con quest'uomo incredulo, frastornato, inesperto della vita. Si conoscono a una festa il giorno in cui lui compie 27 anni e da qui iniziano le tormentate vicissitudini.
    La storia si intreccia a capitoli alterni con quella di un giovane detenuto che nel corso dell'inondazione del Mississippi viene mandato alla ricerca di una donna incinta, aggrappata a un albero semisommerso, l'aiuta a partorire e se ne torna in galera.
    Sarebbe facile sostenere che entrambi gli uomini dei due racconti lunghi finiscono per scontare la stessa pena, in galera, per non aver saputo affrontare le donne che hanno conosciuto fino a commettere fatali fesserie. Faulkner non è così piatto, mai. Lui stesso, come si narra dalle biografie, da ragazzino era innamorato di una ragazza, Estelle Oldham, ma quando chiese la sua mano i genitori di lei, sospettandolo un poco di buono, fecero in modo che lei sposasse un avvocato. Dieci anni dopo lei divorziò e sposò Faulkner, ma il sogno adolescenziale si rivelò più sfibrante e furioso dei suoi stessi libri, non andarono mai d'accordo.
    "Dicono che l'amore tra due persone muore. È sbagliato. Non muore. Ti lascia, se ne va, se tu non sei bravo abbastanza, se non vali abbastanza. Non muore, sei tu quello che muore". (Le palme selvagge, pag.102)

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Due storie che corrono parallele, un capitolo l'una un capitolo l'altra, e non si incontrano mai. Due amanti fuggono, vivono alla giornata, si amanano, fanno sesso in una sorta di vita bohemien, poi lei rimane incinta e lui, che è medico...
    Un condannato ai lavori forzati che fugge, suo mal ...continua

    Due storie che corrono parallele, un capitolo l'una un capitolo l'altra, e non si incontrano mai. Due amanti fuggono, vivono alla giornata, si amanano, fanno sesso in una sorta di vita bohemien, poi lei rimane incinta e lui, che è medico...
    Un condannato ai lavori forzati che fugge, suo malgrado, con una barchetta sul Mississipi durante l'alluvione, incontra una donna incinta...
    Alcuni momenti sono intensi e forti, qualche momento di fiacca.

    ha scritto il 

  • 4

    La lettura di Faulkner richiede indubbiamente una grande concentrazione e una grande forza di volontà, ma malgrado la trama non fosse esattamente di mio gusto e più volte fossi stata sotto l'impulso di lasciar perdere, c'era un forza, un'impressione quasi biblica, che a di là delle passioni e del ...continua

    La lettura di Faulkner richiede indubbiamente una grande concentrazione e una grande forza di volontà, ma malgrado la trama non fosse esattamente di mio gusto e più volte fossi stata sotto l'impulso di lasciar perdere, c'era un forza, un'impressione quasi biblica, che a di là delle passioni e delle fatiche dei protagonisti ci fosse un filo conduttore che riuniva insieme tutte le cose, che mi impediva di riporlo.
    E così ho continuato nella lettura. E se non l'avessi fatto, mi sarei privata di un'esperienza estremamente formativa.
    Molti dicono che il leggere Faulkner cambi qualcosa nel modo di vedere la letteratura, e così è stato anche per me; ma il cambiamento, come quello che può avvenire durante un rito religioso, è qualcosa che difficilmente si può esprimere a parole. C'è qualcosa nel suo modo di scrivere che a lungo andare ti porta ad una nuova interpretazione e visione delle cose dentro e fuori il libro. Un narratore semplicemente straordinario.

    ha scritto il 

  • 4

    << Così, non è in me che tu credi, non è in me che hai fiducia; è nell'amore>>. Lei lo guardò. << E questo vale per qualsiasi uomo>>.
    << Sì. Nell'amore. Dicono che l'amore tra due persone muoia. E' sbagliato. Non muore. Ti lascia, se ne va, se tu non se bravo a ...continua

    << Così, non è in me che tu credi, non è in me che hai fiducia; è nell'amore>>. Lei lo guardò. << E questo vale per qualsiasi uomo>>.
    << Sì. Nell'amore. Dicono che l'amore tra due persone muoia. E' sbagliato. Non muore. Ti lascia, se ne va, se tu non se bravo abbastanza, se non vali abbastanza. Non muore; sei tu quello che muore. E' come l'oceano: se non vai bene, se cominci a dar cattivo odore, ti rigurgita in qualche posto a morire. Muori in ogni caso, ma io preferisco annegare nell'oceano piuttosto che essee gettata su una striscia di spiaggia morta a seccarmi al sole e ridurmi a una chiazza schifosa senza neanche il nome sopra, solo Questa roba fu come epitaffio. Alzati. Ho detto a quel tale che saremmo entrati oggi>>.

    ha scritto il 

  • 5

    Magnifico.Geniale. Due storie, portate avanti in modo alternato, che nulla hanno in comune se non un tratto distintivo dei protagonisti: la coerenza con sé stessi. Un fraseggio complesso, articolato, pieno di incisi, corsivi,innesti, eppure ammaliante e stupefacente. Pura classe.

    ha scritto il 

  • 4

    Concordo con una nota letta poco prima di iniziare questo libro. Una volta abituatisi al ritmo e all'intreccio delle due storie ne risulta una lettura molto piacevole e il giudizio finale non può che essere molto positivo.

    ha scritto il 

Ordina per