Le pietre del Vajont

Di

Editore: Cierre Edizioni

3.0
(1)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8883143760 | Isbn-13: 9788883143762 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Ti piace Le pietre del Vajont?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    pietre virtuali

    quarantaquattro 9 0ttobre.....dal 1963 al 2006 anno di pubblicazione.
    In tanti brevi racconti,uno per ogni anno, l'autore interpreta la sua personale visione di quella tremenda serata d'autunno.Grazi ...continua

    quarantaquattro 9 0ttobre.....dal 1963 al 2006 anno di pubblicazione.
    In tanti brevi racconti,uno per ogni anno, l'autore interpreta la sua personale visione di quella tremenda serata d'autunno.Grazie a un'alone poetico che non piacerà allo storico paludato e al polemista esasperato, le pietre parlano......urlano...per condividere la memoria delle pietre e i ricordi lancinanti dell'autore. Urlare per liberare la rabbia che in oltre 40 anni s'è accumulata in ognuno di noi!...
    "vorrei comprare la diga" egli sostiene il 9 ottobre 1978 "per farne schegge souvenir per tutti quelli che nulla sanno del Vajont .
    Senza diga sopra la valle, sentirei di nuovo le campane di qua e di là dell'antico spazio e le voci montane contadine con i canti della sera.Ma le cose perdute è inutile cercarle."
    E' vero, cercarle ci fa solo male.Allora non rimane che fare di questo libro,una sorta di scheggia souvenir per chi non sa e, in tal modo, forse potrebbe arrivare a conoscere il Vajont.
    Per gli altri, quelli che sanno e dimenticano, quasi infastiditi, rimarrà solo la sorte di quelle pietre che, nel corso della loro millenaria esistenza, non sono e non saranno mai sfiorate o lambite dall'acqua.Povere, quelle pietre ignorate dall'acqua! Poveri uomini e povere donne, quelli snobbati dalla forza dirompente, ma consolatoria della memoria! A noi, invece, per fortuna,"resta il profumo dei ricordi. Quel profumo singolare del tempo dove le cose si fanno romanzo e malinconia" Ciò, almeno, aiuta a vivere.

    ha scritto il