Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le prigioni che abbiamo dentro

Cinque lezioni sulla libertà

Di

Editore: Minimum Fax (Filigrana; 13)

3.8
(52)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 90 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8886568398 | Isbn-13: 9788886568395 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria Baiocchi

Genere: Education & Teaching , Philosophy , Social Science

Ti piace Le prigioni che abbiamo dentro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questo libro raccoglie un ciclo di lezioni che vennero trasmesse per la primavolta nel programma radiofonico canadese "Ideas", nel 1985. La scrittrice,resa celebre dalle sue opere narrative, si rivela in questi brevi saggi capaceanche di analisi socio-antropologiche. Dove finisce la nostra libertà e dovecomincia quella del vicino? Passando dal ricordo delle sue esperienze dibambina nella Rhodesia del Sud alle riflessioni sulle dinamiche di grupponell'era della comunicazione di massa, la Lessing ci racconta del sottile filoche separa l'esercizio della libertà da quello della brutalità, di unpericoloso ritorno al primitivo che caratterizza i rapporti individuali, ildibattito politico e le relazioni internazionali nella nostra epoca.
Ordina per
  • 4

    CIT

    “ In una precedente conferenza di questa stessa serie ho detto che era difficile vedere qualcosa di buono o coltivare speranze in un mondo che sembra sempre più spaventoso. Sentire il giornale radio basta a convincerti che vivi in un manicomio.
    Ma un momento…tutti sappiamo che le notizie so ...continua

    “ In una precedente conferenza di questa stessa serie ho detto che era difficile vedere qualcosa di buono o coltivare speranze in un mondo che sembra sempre più spaventoso. Sentire il giornale radio basta a convincerti che vivi in un manicomio.
    Ma un momento…tutti sappiamo che le notizie sono confezionate in modo da produrre il massimo effetto, anzi si direbbe che le brutte notizie riescano a eccitarci più di quelle buone-che già da solo è un dato interessante della condizione umana. Ci vediamo regolarmente e quotidianamente presentare cattive notizie, le peggiori immaginabili, e credo che le nostre menti siano sempre più inclini a presagire il peggio e alla depressione. Ma è possibile che tutti questi continui disastri, e non ho bisogno di elencarli perché li conosciamo tutti, siano una reazione, una lenta risacca, che si oppone al progresso facilmente visibile della società umana?” ……… Doris Lessing 1986

    ha scritto il 

  • 1

    la Lessing a volte mi ha impressionato molto favorevolmente, a volte profondamente deluso per banalità: questi "saggi" li ho trovati davvero troppo banali, specialmente per essere dei saggi.
    Riflettendoci, i libri che ho trovato davvero significativi sono 2: "Il quinto figlio" e "Se giovent ...continua

    la Lessing a volte mi ha impressionato molto favorevolmente, a volte profondamente deluso per banalità: questi "saggi" li ho trovati davvero troppo banali, specialmente per essere dei saggi.
    Riflettendoci, i libri che ho trovato davvero significativi sono 2: "Il quinto figlio" e "Se gioventù sapesse", dove tratta in modo davvero interessante temi etico-sociali sui problemi della diversità, della vita e della condizione degli anziani.

    ha scritto il 

  • 4

    Grandioso!

    La gente ama le certezze, ne ha un desiderio morboso, le cerca, e cerca anche verità altisonanti.
    La cosa più difficile al mondo è proprio sostenere un’opinione contraria a quella dominante nel gruppo, continuando a farne parte.
    Nel momento in cui una serie di atteggiamenti sta per tr ...continua

    La gente ama le certezze, ne ha un desiderio morboso, le cerca, e cerca anche verità altisonanti.
    La cosa più difficile al mondo è proprio sostenere un’opinione contraria a quella dominante nel gruppo, continuando a farne parte.
    Nel momento in cui una serie di atteggiamenti sta per trasformarsi è facile vedere all’opera i meccanismi che la gente mette in atto per non correre rischi.

    ha scritto il 

  • 5

    Ripensiamo - 20 aprile 08

    Libretto interessante, anche se molto datato. Si sentono i quasi venticinque anni dalla sua elaborazione. Il Muro di Berlino è crollato, c’è stata la guerra in Iraq e tanto altro. Il libro, infatti, raccoglie un ciclo di lezioni che vennero trasmesse per la prima volta nel programma radiofonico c ...continua

    Libretto interessante, anche se molto datato. Si sentono i quasi venticinque anni dalla sua elaborazione. Il Muro di Berlino è crollato, c’è stata la guerra in Iraq e tanto altro. Il libro, infatti, raccoglie un ciclo di lezioni che vennero trasmesse per la prima volta nel programma radiofonico canadese "Ideas", nel 1985. La scrittrice rivela in questi brevi saggi le sue capacità di analisi socio-antropologiche. Dove finisce la nostra libertà e dove comincia quella del vicino? Passando dal ricordo delle sue esperienze di bambina nella Rhodesia del Sud alle riflessioni sulle dinamiche di gruppo nell'era della comunicazione di massa, la Lessing ci racconta del sottile filo che separa l'esercizio della libertà da quello della brutalità, di un pericoloso ritorno al primitivo che caratterizza i rapporti individuali, il dibattito politico e le relazioni internazionali nella nostra epoca. Ma l’idea di fondo rimane, forte, siamo sempre noi i primi a costruirci dentro di noi le prigioni che ci porteremo appresso tutta la vita.

    ha scritto il 

  • 4

    Cinque conferenze tenute dal premio Nobel per la letteratura 2007 in una universita' americana a meta' degli anni 80. E nonostante siano passati piu' di vent'anni da allora, l'attualita' di queste conferenze e' sconvolgente. Sembra quasi che Doris Lessing avesse previsto i pensieri, le situazioni ...continua

    Cinque conferenze tenute dal premio Nobel per la letteratura 2007 in una universita' americana a meta' degli anni 80. E nonostante siano passati piu' di vent'anni da allora, l'attualita' di queste conferenze e' sconvolgente. Sembra quasi che Doris Lessing avesse previsto i pensieri, le situazioni, e ahime' anche la globalizzazione e l'omologazione che noi adesso conosciamo fin troppo bene. Ma senza mai abbandonare la speranza di una "redenzione" futura e la fiducia nell'intelligenza umana.

    ha scritto il 

  • 4

    5 lezioni sulla libertà.

    Una all'epoca 66enne scrittrice famosa ci mette in guardia sui pericoli dell'omologazione e sulla tendenza umana a ragionare poco sulla propria natura di "animale di gruppo".
    Ci invita a tenere gli occhi aperti e a conservare il nostro sguardo critico.
    Ed è magnifico.

    ha scritto il 

  • 4

    Attraverso acute osservazioni formulate con poche parole e con semplici esempi, l'autrice mette in luce alcuni punti cruciali dell'interrelazione tra individuo e società facendo così venir fuori tanto i pregi che i difetti dell'uno e dell'altra, pregi e difetti con cui abbiamo a che fare nel quot ...continua

    Attraverso acute osservazioni formulate con poche parole e con semplici esempi, l'autrice mette in luce alcuni punti cruciali dell'interrelazione tra individuo e società facendo così venir fuori tanto i pregi che i difetti dell'uno e dell'altra, pregi e difetti con cui abbiamo a che fare nel quotidiano e attraverso la conoscenza dei quali potremmo, tutti nel nostro piccolo, migliorare l'esistenza societaria e globale.
    Da leggere, e da far leggere ai propri figli.

    ha scritto il