Le quaranta porte

Di

Editore: Rizzoli

3.7
(494)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 445 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8817032387 | Isbn-13: 9788817032384 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria Baiocchi , Anna Tagliavini

Disponibile anche come: Paperback , Altri , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Religione & Spiritualità

Ti piace Le quaranta porte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ci sono porte che solo l'amore sa aprire
Ella Rubinstein ha quarant'anni, una famiglia e una casa perfette, e da tempo ha dimenticato che gusto ha l'amore. Non può immaginare che qualcosa sta per sconvolgere la sua esistenza immobile come le acque di un lago: un libro. Si intitola Dolce Eresia, l'autore è uno sconosciuto, e l'agenzia letteraria con cui Ella collabora glielo ha inviato per un parere. E' così che la storia della fenomenale amicizia tra il poeta Rumi, lo "Shakespeare dell'Islam", e il derviscio Shams, l'uomo che viveva di amore mistico, entra come un vento caldo nella vita di Ella, per spalancare porte che sembravano chiuse per sempre.
Leggendo, Ella si lascia trasportare nella Turchia del XIII secolo, sulle ali di quella "religione dello spirito" che ispirò a Rumi i versi d'amore più belli di tutti i tempi, e impara le famose "quaranta regole dell'amore" che Shams insegnò a Rumi dischiudendo per lui le inaspettate meraviglie del cuore. E quando Ella incontra Aziz Z. Zahara, l'autore del libro...
Ordina per
  • 2

    L'autrice che si credeva Osho

    Ho impiegato davvero molto tempo a finirlo, soprattutto considerando la scrittura fin troppo semplice. È interessante, ma per niente coinvolgente, l'intreccio delle due storie, anche se profondamente ...continua

    Ho impiegato davvero molto tempo a finirlo, soprattutto considerando la scrittura fin troppo semplice. È interessante, ma per niente coinvolgente, l'intreccio delle due storie, anche se profondamente noiose e banali le vicende di Ella ai giorni nostri. Conoscere più a fondo la storia e il credo dei sufi è forse l'unico vantaggio della lettura di questo libro. Ma, per dirla con le parole di uno dei personaggi cattivi: "... sono stufo di tutte queste melensaggini da sufi".
    Ecco perché non riesco bene a spiegarmi per quale ragione sono ancora convinta di voler dare una seconda possibilità all'autrice, forse perché trovo accattivanti le storie raccontate nelle quarte di copertina... speriamo che l'editore non mi freghi! Inoltre, ecco una mia massima (o regola, per dirla alla sufi): diffidare sempre dei libri che richiedono troppo evidenziatore!

    ha scritto il 

  • 4

    Che la luce del sole non sia adombrata dalla cecità dell'occhio di chi nega, di colui che si rifiuta de vedere.

    Per partire da una citazione, si può paragonare il libro ad una di quelle scatole di gioielli con gli scomparti segreti. Ti sembra di possederlo, ma senza la chiave resta chiuso e inaccessibile. Così ...continua

    Per partire da una citazione, si può paragonare il libro ad una di quelle scatole di gioielli con gli scomparti segreti. Ti sembra di possederlo, ma senza la chiave resta chiuso e inaccessibile. Così è questa storia nella storia, so già che se le mie conoscenze su ciò che tratta fossero più approfondite avrei la chiave per comprenderlo meglio, e so già che se lo rileggessi ancora troverei nuove chiavi di lettura, ma sempre consapevole di non riuscire mai a coglierlo e comprenderlo del tutto.
    Shams-i Tabriz è il fulcro della storia, proprio come nella sua danza ipnotica, irradia una potente energia e da lui partono storie secondarie di persone toccate dalla sua presenza e che a lui riconducono in una comunicazione continua e infinita.

    I capitoli dedicati alla storia di Ella non li prendo neanche in considerazione.

    ha scritto il 

  • 3

    Due distinte storie si intersecano fra loro: quella del grande poeta trecentesco Rumi e del suo amico e maestro spirituale sufi Shams-i Tabrīz che si svolge nella Turchia del Trecento, e quella dell'a ...continua

    Due distinte storie si intersecano fra loro: quella del grande poeta trecentesco Rumi e del suo amico e maestro spirituale sufi Shams-i Tabrīz che si svolge nella Turchia del Trecento, e quella dell'americana Ella, donna mediocre dei giorni nostri dalla vita fatta di apparenza e in attesa di riscatto esistenziale. La prima è affascinante e profonda, la seconda un po' banale e piuttosto scontata.

    ha scritto il 

  • 4

    Bel libro. Molto interessante perche' tratta dell'islam in modo approfondito e diverso dal solito. La trama si alterna fra i giorni nostri e il 1200 intrecciando le storie di un derviscio errante e di ...continua

    Bel libro. Molto interessante perche' tratta dell'islam in modo approfondito e diverso dal solito. La trama si alterna fra i giorni nostri e il 1200 intrecciando le storie di un derviscio errante e di una donna in crisi. Non sempre entusiasmante è però coinvolgente e profondo. Molti i temi toccati, belle le considerazioni mistiche e umane

    ha scritto il 

  • 4

    le storie dentro le storie mi intrigano, gli scambi di mail fra sconosciuti che poi non rimarranno tali mi appassionano, le vite dei poeti mi avvincono, questo libro ha tutti gli ingredienti fondament ...continua

    le storie dentro le storie mi intrigano, gli scambi di mail fra sconosciuti che poi non rimarranno tali mi appassionano, le vite dei poeti mi avvincono, questo libro ha tutti gli ingredienti fondamentali che a me piacciono molto.

    ha scritto il 

  • 3

    Una storia dentro a un'altra storia: la prima più interessante, la seconda noiosetta. Mi ha comunque fatto venir voglia di conoscere meglio il mondo dei sufi. Elif Shafak è brava e continuerò a tenerl ...continua

    Una storia dentro a un'altra storia: la prima più interessante, la seconda noiosetta. Mi ha comunque fatto venir voglia di conoscere meglio il mondo dei sufi. Elif Shafak è brava e continuerò a tenerla d'occhio.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro di rara bellezza che mi ha trovata per accompagnarmi...uno specchio!!

    "Brillante e ricca è la tua vita. o almeno così credi finché non arriva qualcuno a mostrarti che cosa ti è mancato per ta ...continua

    Un libro di rara bellezza che mi ha trovata per accompagnarmi...uno specchio!!

    "Brillante e ricca è la tua vita. o almeno così credi finché non arriva qualcuno a mostrarti che cosa ti è mancato per tanto tempo. come uno specchio che riflette quello che manca invece di quello che c'è, ti mostra il vuoto della tua anima, il vuoto che ti sei sempre rifiutato di vedere. questo qualcuno può essere un amante, un amico o un maestro spirituale. a volte può essere un bambino di cui ci si deve prendere cura. quel che conta è trovare l'anima che completa la tua. tutti i profeti danno questo consiglio: trova colui che sarà il tuo specchio."

    ha scritto il 

  • 5

    “Le quaranta porte”, ovvero le 40 regole dell’Amore.
    E’un libro straordinario, ci parla di Amore puro e di spiritualità, un libro delicato, pieno di poesia e carico di saggezze e insegnamenti..
    Ci rac ...continua

    “Le quaranta porte”, ovvero le 40 regole dell’Amore.
    E’un libro straordinario, ci parla di Amore puro e di spiritualità, un libro delicato, pieno di poesia e carico di saggezze e insegnamenti..
    Ci racconta la storia di Rumi, il grande poeta sufi, lo Shakespeare d'Oriente vissuto nel XIII secolo, e del suo incontro con il derviscio errante Shams di Tabriz, cantore di mistici amori.. un incontro importante che ha cambiato la sua vita.
    Ma ci racconta anche la storia di Ella, una donna di 40 anni, insoddisfatta della sua vita, una vita vuota fatta di tradimenti e solitudini, che un bel giorno si imbatte nella lettura di un romanzo dal titolo “la dolce eresia” di Aziz Z. Zahara.. una lettura che scuote l’anima di Ella, la costringe a guardare dentro sé stessa ed affrontare la sua evidente mancanza d’amore..
    “..anestetizzare il dolore non è come guarire…quando finisce l’effetto dell’anestesia il dolore rimane..” Ella e Aziz cominciano a scambiarsi delle mail e nasce così un legame molto profondo..
    ..e arriva la magia di quel “vento del nord”!!
    Una delle quaranta regole:
    “Destino non significa che la tua vita sia stata rigidamente predeterminata. Per questo affidare ogni cosa al fato e non contribuire attivamente alla musica dell’universo è segno di pura e semplice ignoranza... Il tuo destino è il livello al quale suonerai la tua melodia. Puoi anche non cambiare strumento, ma come suoni dipende unicamente da te.”
    Ma sicuramente la più importante è questa:
    “ Una vita senza amore è una vita senza importanza… L’amore non ha etichette né definizioni. E’ quello che è, puro e semplice… L’amore è l’acqua della vita. E un amante è un animo di fuoco! L’universo gira in un altro modo quando il fuoco ama l’acqua.”
    Un sentito grazie a chi me l’ha fatto scoprire!

    Scritto il 19 Giu 2010

    ha scritto il 

  • 5

    Enlightening!

    This book came along unexpectedly, I had eyed it twice in different bookshops before I finally decided to buy it, thanks to good and sincere advice.
    Well, it turned out to be a great surprise and I'm ...continua

    This book came along unexpectedly, I had eyed it twice in different bookshops before I finally decided to buy it, thanks to good and sincere advice.
    Well, it turned out to be a great surprise and I'm not able to put it back on the bookshelf, at times I wished it could be an endless novel.
    It is a must read, especially now that news keep on reporting about religious conflicts arising all over the world.
    And it is also a must read as a guide to everyday life, to open up your heart and let love in (and achieving this is not as easy as putting it down in words!).

    ha scritto il 

Ordina per