Le solite sospette

di | Editore: Einaudi
Voto medio di 413
| 86 contributi totali di cui 82 recensioni , 3 citazioni , 1 immagine , 0 note , 0 video
Quando Susan - a causa dei vizi nascosti del marito - si ritrova vedova e con la casa pignorata, insieme ad alcune amiche decide di compiere una rapina. Contro ogni probabilità, il colpo va a buon fine, e alle «cattive ragazze» non resta che raggiung ...Continua
refuge
Ha scritto il 08/12/18
Non avevo mai sentito nominare Niven, e ho deciso di leggere questo libro aspettandomi una storiella leggera, senza pretese. E invece: che sorpresa! Un vero e proprio "libro", che parte da un'idea bizzarra e inverosimile per sviluppare una trama però...Continua
Duracoto
Ha scritto il 09/11/18
null
Non si dovrebbe chiedere l'età a una signora è vero, ma sono troppo vecchia per queste cazzate. Ho quasi novant'anni e sono fuggita da una casa di riposo su una sedia a rotelle. No, non è l'ultima botta di alzheimer. E nemmeno l'ultimo branco di neur...Continua
Bxgolden
Ha scritto il 01/10/18
Godibile!

Un telefilm degli anni 80 (tipo Hazzard) da leggere tutto in un fiato!

Matilde D.
Ha scritto il 28/08/18
Uno spasso

Lettura perfetta per l'estate, ti trovi improvvisamente catapultata in una fuga rocambolesca assieme alle esilaranti protagoniste. Consigliato!

Baronero
Ha scritto il 07/08/18
Un Niven di buon livello
Non è il John Niven di A Volte Ritorno ma sarebbe impossibile per chiunque avere un'altra idea geniale come quella e risolverla nel modo anche quello parecchio intelligente del suo romanzo d'esordio. Ma anche qui l'improbabilità fa capolino nella sto...Continua

Giu
Ha scritto il Dec 05, 2017, 15:19
Era quasi commovente perché, a dispetto di ogni prova contraria, il sergente non perdeva mai la fiducia nell'idea che gridare a ripetizione la stessa frase in inglese, a un volume sempre piú alto e con una gestualità sempre piú esasperata, avrebbe po...Continua
Pag. 194
Giu
Ha scritto il Dec 05, 2017, 15:18
Ah, ecco che la porta si apriva… Spuntò un tizio, che li squadrò. Era bello, in quel modo inutile tipico dei francesi: alto e magro, con un bel vestito stirato, in netto contrasto con i detective stropicciati e gualciti che aveva davanti.
Pag. 166
Layura
Ha scritto il Sep 19, 2016, 21:21
Le amicizie di lunga data hanno percorsi strani e spesso diventano l’unità di misura di noi stessi
Pag. 20

refuge
Ha scritto il Nov 29, 2018, 23:36

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi