Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Le sorelle Materassi

By Aldo Palazzeschi

(111)

| Others | 9788824706568

Like Le sorelle Materassi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

120 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Cucitrici di bianco per corredi da spose

    Teresa e Carolina Materassi sono rinomate per l’arte del cucito tra la miglior clientela della società fiorentina. Conducono una vita tranquilla tra lavori di stoffe, circondate da scatole di mussole e veli. Tra le commissioni che le vengo ...(continue)

    Teresa e Carolina Materassi sono rinomate per l’arte del cucito tra la miglior clientela della società fiorentina. Conducono una vita tranquilla tra lavori di stoffe, circondate da scatole di mussole e veli. Tra le commissioni che le vengono affidate figurano richieste di personalità illustri ed autorevoli del tempo. Dall’alba all’imbrunire trascorrono le giornate curve sui telai, l’una davanti all’altra, avvicinandosi per prendere consensi. La loro serenità quotidiana è infranta quando un dovere morale le induce ad accudire il giovanissimo nipote Remo, rimasto orfano. Questi, bello e un po' ribelle, amante delle auto e dei motori ruggenti come il James Dean di “Gioventù Bruciata”, cambierà in modo ridicolo e amaro la sorte delle zie materne portandole a una lenta e inesorabile decadenza economica.
    Sorelle Materassi” è una commedia solare che si veste di un costume letterario sorridente. Senza la pretesa di volersi affermare come un capolavoro, il romanzo è la rappresentazione da teatrino di una beffa della vita. I personaggi, dal carattere burlesco, rispecchiano alla perfezione una caricatura interpretata da marionette. Ironico e divertente, come per gran parte della sua produzione, Palazzeschi racconta una storia derisoria e malinconica di personaggi che alla fine appaiono esclusi dalla vita e vincitori. Un libro col quale gioca fra comicità e tragedia, libero dalle forme e dalle regole che lo stile narrativo esigeva in quegli anni.

    Is this helpful?

    Martin Eden said on Jul 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non sembra scritto nel secolo scorso tanto risulta attuale.
    Con ironia pungente e amara Palazzeschi ci permette di entrare nella vita di Teresa, Carolina e Giselda “le Materassi” di professione ricamatrici.
    Zitelle, dedite e molto serie nel lavoro, q ...(continue)

    Non sembra scritto nel secolo scorso tanto risulta attuale.
    Con ironia pungente e amara Palazzeschi ci permette di entrare nella vita di Teresa, Carolina e Giselda “le Materassi” di professione ricamatrici.
    Zitelle, dedite e molto serie nel lavoro, quanto sciocche e infantili nella vita quotidiana, estranee alla vita, che investiranno il giovane nipote Remo di tutte speranze che hanno solo sognato.
    Un ritratto lucido e amaro di quanto siano distanti a volte i sogni e la realtà, l'illusione dell'affetto in cambio di cose materiali e del comportamento cinico di chi non si fa scrupolo ad approfittarsi dei più deboli.

    Is this helpful?

    Controvento said on May 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    i promessi sposi del ventesimo secolo?

    Mi è venuta questa analogia per la bellezza della lingua e l'abbondanza di sentimento popolare declinato in infinite sfumature.
    Uno straordinario acquarello di vita, una scena teatrale che a forza escono da queste pagine immortali e ti avvinghiano, c ...(continue)

    Mi è venuta questa analogia per la bellezza della lingua e l'abbondanza di sentimento popolare declinato in infinite sfumature.
    Uno straordinario acquarello di vita, una scena teatrale che a forza escono da queste pagine immortali e ti avvinghiano, costringendoti a leggere fino all'ultima goccia, stupefatto dalla ricchezza di variabili di sentimenti, soprattutto "bassi" che l'uomo possa esprimere.
    Ottimo anche lo sviluppo della storia.
    A mio avviso, capolavoro!!!

    Is this helpful?

    Italosvevo said on Apr 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo libro è un capolavoro totale!

    Questo libro è un capolavoro totale!

    Is this helpful?

    Rossoprimo said on Mar 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    audiolibro

    Consiglio l'ascolto della lettura di Paolo Poli per Ad alta voce, un'esperienza ancora più ricca

    Is this helpful?

    Xeper said on Mar 13, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Una bella sorpresa. Mi sa che Palazzeschi è sottovalutato.
    Inizialmente, trenta minuti di descrizione, tutt’altro che noiosi, partendo da uno sguardo ampio sulle colline fiorentine e avvicinandosi, come planando dall’alto, ai luoghi della vicenda, fi ...(continue)

    Una bella sorpresa. Mi sa che Palazzeschi è sottovalutato.
    Inizialmente, trenta minuti di descrizione, tutt’altro che noiosi, partendo da uno sguardo ampio sulle colline fiorentine e avvicinandosi, come planando dall’alto, ai luoghi della vicenda, fino all’abitazione delle due sorelle a Santa Maria di Coverciano. Poi la storia. Il tutto raccontato con una lingua che mi è piaciuta tantissimo, molto articolata, lessicalmente ricca, forse un po’ toscaneggiante ma, secondo me, sempre un bel esempio di scrittura. E pare che l’autore sorrida divertito di ciò che narra. Sorridevo anch’io, almeno per i primi due terzi del libro, poi un po’ meno vedendo le due sorelle cadere gradualmente nel disastro finanziario e nel ridicolo a causa del nipote e della propria cecità. Finale che lascia un po’ scontenti ma tutto sommato coerente, con Teresa e Carolina che, lavoratrici indefesse, si risollevano dalle ambasce economiche ma, zitelle sognatrici, non si emancipano dall’adorazione cieca per il nipote.
    Paolo Poli, ti adoro!
    “Poi c’è una villa sempre chiusa, cinta da un muro rotondo, molto arretrata e circondata di piante, in riserbo, che sta come una vecchia dama in poltrona con la sottana ampissima e la scuffia. E davanti, quasi sulla strada, un villino moderno, civettuolo, sfacciatello, che guarda, come la nuora petulante e dispettosa, la suocera austera e brontolona e le fa schizzare come dita negli occhi, le rose da un cancelletto bianco, atto, più che a nasconderlo, a metterlo in luce.”
    Ah ecco, è lo stesso autore di “Rio Bo” e “La fontana malata” :)
    [Radio 3. Ad alta voce. Tempo 7 ore e mezza. Lettura di Paolo Poli.]

    Is this helpful?

    Escamar said on Mar 8, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book