Le uova fatali

Di

Editore: TEN (Centopaginemillelire, 102)

3.7
(1156)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 97 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8879833049 | Isbn-13: 9788879833042 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Aldo Ferrari

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Politica , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Le uova fatali?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Uno scienziato che scopre un raggio rosso dalle qualità straordinarie, una misteriosa e inarrestabile moria di polli, un oscuro funzionario di partito che ottiene l'autorizzazione a usare il raggio su uova di gallina per ripristinare in tempi brevi la pollicoltura, un errore fatale: con questi quattro ingredienti Bulgakov confeziona, nel 1924, un racconto che costituisce un capolavoro della letteratura satirica russa. Attingendo ai procedimenti di vari generi letterari - il genere fantascientifico, l'apologo - Bulgakov dà vita a un'antiutopia dove s'incontrano satira di costume e satira politica, e che alla fine offre al lettore una chiarissima "morale": la scienza può rivelarsi un'arma incontrollabile e micidiale se messa al servizio di una società arretrata dal punto di vista civile ed etico. Un ammonimento oggi più che mai attuale, racchiuso nell'involucro di una narrazione di rara comicità.
Ordina per
  • 2

    Subbuglio e salmonella

    "Ma seguendo la coda dei dinosauri
    arriviamo in Russia, presso casa Bulgakov che - se famoso
    per il postumo Maestro e Margherita - è anche
    autore di una parodia fantascientifica a base di dino-
    sauri ...continua

    "Ma seguendo la coda dei dinosauri
    arriviamo in Russia, presso casa Bulgakov che - se famoso
    per il postumo Maestro e Margherita - è anche
    autore di una parodia fantascientifica a base di dino-
    sauri distruttivi fatti rinascere attraverso una cova artificiale
    che porterà subbuglio e salmonella in Russia:
    Le Uova Fatali."

    da "Alcune note su una non entità" di Umbertone Bieco

    ha scritto il 

  • 4

    Se dovessi dare una definizione stringata di questo libro, direi che è un libro per stomaci forti.
    Nella realtà è un libro che critica in maniera brillante le luci e ombre della rivoluzione russa. Bul ...continua

    Se dovessi dare una definizione stringata di questo libro, direi che è un libro per stomaci forti.
    Nella realtà è un libro che critica in maniera brillante le luci e ombre della rivoluzione russa. Bulgakov riesce per l'ennesima volta ad andare a segno: un racconto breve in cui, come in cuore di cane, il protagonista è uno scienziato animato dalle migliori intenzioni che crea qualcosa di mostruoso quando cerca di superare i limiti naturali. Fanno da sfondo le parodie della propaganda sovietica o la descrizione di quanto possa essere ottusa la burocrazia.
    Una lettura non esattamente di piacere ma stimolante al punto giusto.

    ha scritto il 

  • 3

    Bulgakov è dotato,come altri suoi illustri compatrioti, di un talento sfacciato. Le uova fatali contiene tutto nella sua brevità. .tre stelle solo perché dello stesso autore su questo genere ho pref ...continua

    Bulgakov è dotato,come altri suoi illustri compatrioti, di un talento sfacciato. Le uova fatali contiene tutto nella sua brevità. .tre stelle solo perché dello stesso autore su questo genere ho preferito cuore di cane

    ha scritto il 

  • 3

    Questa é la prima opera che leggo di questo autore. Nella prima parte del libro mi sono sentita un po' confusa e annoiata perché non riuscivo a entrare nella storia. Non trovavo quello di più che mi t ...continua

    Questa é la prima opera che leggo di questo autore. Nella prima parte del libro mi sono sentita un po' confusa e annoiata perché non riuscivo a entrare nella storia. Non trovavo quello di più che mi tenesse attaccata alla pagine. Dalla metà in poi invece mi sono dovuta ricredere e ho apprezzato sia lo stile di scrittura che i colpi di scena che mi sono trovata davanti. I personaggi come i luoghi sono ben descritti e quindi ho potuto immaginarli davanti ai miei occhi. Per essere la mia prima volta quindi é andata abbastanza bene!

    ha scritto il 

  • 3

    Interessante racconto che in chiave ironico fantascientifica mostra uno spaccato della società russa degli anni venti con le sue peculiarità e le sue contraddizioni.

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    La sera del 16 aprile 1928 Vladimir Ipàt’evic Pérsikov, professore di zoologia della IV Università statale e direttore dell’istituto di Zoologia di Mosca..........

    http://www.incipitmania.com/incipit- ...continua

    La sera del 16 aprile 1928 Vladimir Ipàt’evic Pérsikov, professore di zoologia della IV Università statale e direttore dell’istituto di Zoologia di Mosca..........

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-autore/aut-b/bulgakov-michail-a/le-uova-fatali-michail-a-bulgakov/

    ha scritto il 

  • 4

    Un racconto molto buono, ben gestita la parte introduttiva per mostrare il contesto in cui si svolge la vicenda e i personaggi e rendere plausibili poi gli eventi.
    Il crescendo dell'azione è reso otti ...continua

    Un racconto molto buono, ben gestita la parte introduttiva per mostrare il contesto in cui si svolge la vicenda e i personaggi e rendere plausibili poi gli eventi.
    Il crescendo dell'azione è reso ottimamente e consente al racconto, pur se datato nei contenuti, di risultare sempre avvincente.

    ha scritto il 

  • 2

    Premetto che questo romanzo non è del mio genere preferito. Ho trovato lunga e dispersiva la prima parte, dedicata alla scoperta del raggio rosso e agli esperimenti sulle rane, e un tantino raccapricc ...continua

    Premetto che questo romanzo non è del mio genere preferito. Ho trovato lunga e dispersiva la prima parte, dedicata alla scoperta del raggio rosso e agli esperimenti sulle rane, e un tantino raccapricciante la seconda con l'applicazione dei poteri del raggio alle uova sbagliate con conseguente caos.
    Ok l'ironia, la critica alla scienza che vuole condizionare o cambiare i processi naturali, il ruolo del potere e del controllo della politica sulla scienza, però nel complesso non mi ha proprio entusiasmata.

    ha scritto il 

Ordina per