Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le vecchie e il mare

corale

Di

Editore: Mesogea (La piccola)

4.0
(4)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8846920767 | Isbn-13: 9788846920768 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giuseppe Auteri , Caterina Pastura

Ti piace Le vecchie e il mare?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
«Appena cala il crepuscolo ce ne andremo fuori a sedere sul gradino di pietra, sulle rocce [...] / a riposarci dal non avere più nulla da fare, / a dimenticare, noi dimenticate, che tutto abbiamo già dimenticato». In un antico porto isolano, sette vecchie - madri e nonne di uomini di mare - siedono su grosse pietre fuori dalle loro case. Parlano e raccontano. Voci diverse ma accomunate da un'esistenza scandita dai ritmi del mare e della pesca, che si alternano, vicine e remote, come in un coro greco. Ormai introvabile nell'edizione italiana pubblicata da Lalli (1987), nel centenario della nascita di Ghiannis Ritsos, torna alla luce in una nuova traduzione Le vecchie e il mare (1959), uno dei poemi più rappresentativi della forza espressiva di un grande cantore moderno del Mediterraneo.
Ordina per
  • 0

    LE SETTE VECCHIE INSIEME (piano, come in lontananza, stancamente e semplicemente): Appena cala il crepuscolo ce ne andremo fuori, a sedere sul gradino di pietra, sulle rocce a sentire il vento dello ...continua

    LE SETTE VECCHIE INSIEME (piano, come in lontananza, stancamente e semplicemente): Appena cala il crepuscolo ce ne andremo fuori, a sedere sul gradino di pietra, sulle rocce a sentire il vento dello stretto che ci batte, alleviandoci con una goccia, noi già così lievi, a riposarci dal non avere più nulla da fare, a dimenticare, noi dimenticate, che tutto abbiamo già dimenticato, come se ogni cosa fosse svanita e fossimo rimaste tutte sole in un'aia alta e grande che il vento spazza tutt'in- torno -

    PRIMA: Vento che rischiara il vento lì dove si sta di ve- detta sull'aia senza grano, senza paglia, senza forconi e cavalli; SECONDA: vento, vento profondo - non soffia, non fa rumore, non solleva polvere; TERZA: non c'è muro dentro o fuori dove il vento possa sbattere il ginocchio o la fronte, incespicare, provare dolore, urlare, farsi sentire, QUARTA: dire un ahi! per poterlo sentire e addolorar- cene -

    QUINTA: che dolore può provare il vento? - non è di carne, non ha ossa; non ha nervi; SESTA: silenzio su silenzio; SETTIMA: silenzio - fumo della nave a vapore che siede coccoloni nel tramonto; fumo che cambia, non cambia, ora traspare, ora si oscura.

    SESTA: Silenzio: il silenzio; il fumo: fumo -cambia, SECONDA: diventa delfino celeste - due triangoli d'oro la sua coda, diventa un cervo fatto di violette con due rosee corna; QUARTA: il turchino volge al pesca, il rosso al violetto, TERZA: dirada, si scioglie, si smarrisce;

    SETTIMA: fumo diradato che rimani fuori tutto solo - un grande fiore senza radici, fiorito per un attimo nel vuoto, perchè la nave ti ha lasciato qui tutto solo e la nave è partita? QUARTA: è già svanito il fumo silenzioso, va, va, silente s'è spento sul sopracciglio del mare -

    SESTA: Sopra il silenzio: silenzio; PRIMA: siamo rimaste come il fumo; SESTA: ci consumiamo, partiamo, cambiamo.

    ha scritto il 

Ordina per