Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Le vene aperte dell'America Latina

By Eduardo Galeano

(626)

| Paperback | 9788820024307

Like Le vene aperte dell'America Latina ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"Conosco di persona Eduardo Galeano: è capace di produrre, senza sforzo apparente, un flusso interminabile di storie. È questo talento quasi soprannaturale nel raccontare a rendere così facile la lettura di questa specie di romanzo di pirati, come lu Continue

"Conosco di persona Eduardo Galeano: è capace di produrre, senza sforzo apparente, un flusso interminabile di storie. È questo talento quasi soprannaturale nel raccontare a rendere così facile la lettura di questa specie di romanzo di pirati, come lui stesso lo ha definito una volta, persino per le persone che hanno meno dimestichezza con le questioni politiche ed economiche. Il libro scorre con la grazia di una novella ed è impossibile posarlo. Galeano denuncia lo sfruttamento con inflessibile ferocia, eppure il suo libro è quasi poetico nelle descrizioni che dà della solidarietà e della capacità umana di sopravvivere alle più atroci depredazioni. C'è una forza misteriosa nella narrazione di Galeano. Usa la sua arte per introdursi nella privacy della mente del lettore, persuaderlo a leggere e continuare fino alla fine, a soccombere al fascino della sua scrittura e al vigore del suo idealismo. Le grandi opere letterarie come questa svegliano la coscienza, riuniscono le persone, interpretano, spiegano, denunciano, documentano e provocano cambiamenti." (Dalla prefazione di Isabel Allende).

85 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Verità nude e crude

    A distanza di tanti anni dalla sua pubblicazione, questo libro rappresenta ancora la più accurata raccolta di informazioni su tutti i vergognosi ed orripilanti soprusi che ha dovuto subire il continente latinoamericano, dai conquistadores alle prepot ...(continue)

    A distanza di tanti anni dalla sua pubblicazione, questo libro rappresenta ancora la più accurata raccolta di informazioni su tutti i vergognosi ed orripilanti soprusi che ha dovuto subire il continente latinoamericano, dai conquistadores alle prepotenze del vicino statunitense. Un libro da leggere con estrema attenzione, fermandosi a riflettere, e che sa dosare benissimo i numeri con le parole ed i sentimenti.

    Is this helpful?

    Gabriele Wallander said on Aug 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Fondamentale

    Troppo importante da leggere per capire da quanto lontano vengano i soprusi che, ancora oggi, strozzano metà del mondo.
    Sconta il tempo passato da quando è stato scritto (è del 1970, un altro mondo!) e l'aggiornamento del 1978 non è sufficiente. Sare ...(continue)

    Troppo importante da leggere per capire da quanto lontano vengano i soprusi che, ancora oggi, strozzano metà del mondo.
    Sconta il tempo passato da quando è stato scritto (è del 1970, un altro mondo!) e l'aggiornamento del 1978 non è sufficiente. Sarebbe bello fosse attualizzato.
    Essenziale capire che il Capitalismo non è rappresentato solo dal relativo benessere degli Stati Uniti o dell'Europa, ma porta invariabilmente ed inevitabilmente con sé il tragico sfruttamento di miliardi di persone e di interi continenti.

    Is this helpful?

    Ajmarchi said on Jun 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "搞科研"

    希望出版社和編輯在"搞"翻譯的時候可以更用心,而不是把簡體中文繁體化後直接拿來用

    Is this helpful?

    塔奇克馬 said on May 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nel 2009, durante il V Vertice delle Americhe, Hugo Chávez consegnò a Barack Obama un libro che, nelle ore successive, registrò un picco di vendite su Amazon, benché fosse già da trentotto anni sugli scaffali delle librerie. La Casa Bianca lo registr ...(continue)

    Nel 2009, durante il V Vertice delle Americhe, Hugo Chávez consegnò a Barack Obama un libro che, nelle ore successive, registrò un picco di vendite su Amazon, benché fosse già da trentotto anni sugli scaffali delle librerie. La Casa Bianca lo registrò come un’opera accademica, ma il libro non aveva, né poteva avere l’epoché accostabile a tale attribuzione: «Le vene aperte dell’America Latina» di Eduardo Galeano è un libro di denuncia, figlio del proprio tempo ma forse ancor più attuale in una fase storica di cui il bolivarismo di Chávez era solo l’espressione più vistosa.

    Infatti, Le vene aperte, pubblicato nel 1971 e seguito, negli anni, anche dalla trilogia Memoria del Fuoco, si inseriva in un contesto più ampio, quello di un’America Latina che stava prendendo coscienza della propria specificità storica, economica e sociale: lo dimostravano i tentativi ‘desarrollisti’ di Governi come quello di Juscelino Kubitschek in Brasile, che tentavano di spezzare la dipendenza del subcontinente dalle importazioni che ne frenavano lo sviluppo, ma anche la Teologia della Liberazione, che aveva avviato un’elaborazione delle linee del Concilio Vaticano II secondo le peculiari caratteristiche socioeconomiche locali... (continua su http://www.cronacheinternazionali.com/eduardo-galeano-l…

    Is this helpful?

    Cronache Internazionali said on Feb 7, 2014 | Add your feedback

  • 10 people find this helpful

    Isabel Allende nell’introduzione racconta che la prima volta che lesse Le vene aperte dell’America Latina, lo divorò in due giorni. Lo stesso ho fatto io. Si rimane increduli e non ci si può fermare davanti a tanta “fame” di distruzione siste ...(continue)

    Isabel Allende nell’introduzione racconta che la prima volta che lesse Le vene aperte dell’America Latina, lo divorò in due giorni. Lo stesso ho fatto io. Si rimane increduli e non ci si può fermare davanti a tanta “fame” di distruzione sistematica, di sfruttamento senza limiti, di ricerca del guadagno al prezzo di veri e propri stermini di civiltà, che si sono ridotte alla fuga nei luoghi più reconditi di tutto il continente Sud Americano. Civiltà antiche e avanzatissime per i tempi, scomparse. Le cifre che Galeano ci snocciola fanno venire la pelle d’oca. E ancor di più ci fa tremare arrivare al fondo della storia, sapere che lo scrisse nel 1970, prima che una serie di dittature andassero di nuovo a colpire le popolazioni di quei paesi già tanto vessati. Galeano racconta dalla scoperta dell’America in avanti, con un saggio che è praticamente un libro di storia a tutti gli effetti, l’evoluzione e l’involuzione di un intero continente. Nei secoli sono cambiati gli sfruttatori, si è passati da quelli europei a quelli nord americani, ma la sfortuna di essere un continente ricco e rigoglioso ha segnato l’America Latina nel peggiore dei modi. E sorge spontanea la domanda: e dopo? Dopo cosa è successo? Cos’è successo in questi quarant’anni? Nel 1973, nello stesso anno, mentre Galeano fuggiva dalla dittatura uruguayana, la Allende fuggiva da quella argentina… portando con sé solo due libri, uno dei quali è questo… a simbolo di un passato che li inseguiva e che faceva presagire un triste futuro per il Cile e non solo...

    Grazie Mari :*

    Is this helpful?

    Chiara White said on Jan 30, 2014 | 9 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book