Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le voile de la peur

By

Editeur: Pocket

3.3
(4)

Language:Français | Number of pages: 405 | Format: Paperback

Isbn-10: 2266177818 | Isbn-13: 9782266177818 | Publish date: 

Preface Lynda Thalie

Aussi disponible comme: Others

Aimez-vous Le voile de la peur ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    La protagonista scoppia a piangere un po' troppo spesso in questo libro, non è una cosa che faccia parte del mio carattere. Ma ne ha tutti i motivi, e sono felice che alla fine ce l'abbia fatta. L'ennesima storia vera che parla di una donna musulmana che trova il coraggio di scappare. Libro angos ...continuer

    La protagonista scoppia a piangere un po' troppo spesso in questo libro, non è una cosa che faccia parte del mio carattere. Ma ne ha tutti i motivi, e sono felice che alla fine ce l'abbia fatta. L'ennesima storia vera che parla di una donna musulmana che trova il coraggio di scappare. Libro angosciante, ma il fatto di sapere che riesce, dà la voglia di leggere. E una volta di più mi convinco che la religione musulmana mi terrorizza.

    dit le 

  • 4

    La violenza sulle donne in Algeria

    La storia vera degli abusi e della violenza fisica e psicologica che ha subito una delle tante donne algerine e mediorientali in generale, a qualsiasi ceto sociale appartengano.
    Lei è riuscita a ribellarsi. Moltissime altre no.
    Ognuno di noi del "primo mondo" dovrebbe leggere questo lib ...continuer

    La storia vera degli abusi e della violenza fisica e psicologica che ha subito una delle tante donne algerine e mediorientali in generale, a qualsiasi ceto sociale appartengano.
    Lei è riuscita a ribellarsi. Moltissime altre no.
    Ognuno di noi del "primo mondo" dovrebbe leggere questo libro (e molti altri, simili e diversi) per capire quanto ancora la condizione femminile sia terribile in così tante parti del mondo.

    dit le