Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le zie non sono gentiluomini

Di

4.0
(158)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: A000010799 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico

Genere: Humor , Non-fiction

Ti piace Le zie non sono gentiluomini?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    La scrittura brillante e ironica mi ha avvolta in una girandola di umorismo rendendo gradevole la lettura.
    Pertanto un grazie a Bertie Wooster, a Jeeves, suo impassibile e factotum moggiordomo, e alla esasperante zia Dahlia.
    Per inciso, non so quanto avrei sopportato una simile "creat ...continua

    La scrittura brillante e ironica mi ha avvolta in una girandola di umorismo rendendo gradevole la lettura.
    Pertanto un grazie a Bertie Wooster, a Jeeves, suo impassibile e factotum moggiordomo, e alla esasperante zia Dahlia.
    Per inciso, non so quanto avrei sopportato una simile "creatura"!
    Comunque tutti i personaggi, compreso il povero micio, hanno reso accettabile una giornata che aveva tutti i presupposti della noia.

    ha scritto il 

  • 4

    Un titolo semplicemente fantastico!
    della trama non ricordo più niente con precisione, ma da questa e altre letture di Woodhouse so bene che le sue zie (Aunt Agatha, per esempio!) sono davvero terribili come un'epidemia!
    (Non che gli zii siano molto meglio intendiamoci, basti pensare ...continua

    Un titolo semplicemente fantastico!
    della trama non ricordo più niente con precisione, ma da questa e altre letture di Woodhouse so bene che le sue zie (Aunt Agatha, per esempio!) sono davvero terribili come un'epidemia!
    (Non che gli zii siano molto meglio intendiamoci, basti pensare ad Uncle Fred in the springtime!)

    ha scritto il 

  • 4

    Bertie cerca di rasserenare lo spirito in un ridente paesino del Somerset ma il progetto si rivelerà di ben dificile attuazione, per le inquietanti presenze della turbolenta Zia Dahlia, impegnata nel preparare una gara ippica,l'ex fidanzata Vanessa Cooke e, in cauda venenum, Orlo Porter,ex compag ...continua

    Bertie cerca di rasserenare lo spirito in un ridente paesino del Somerset ma il progetto si rivelerà di ben dificile attuazione, per le inquietanti presenze della turbolenta Zia Dahlia, impegnata nel preparare una gara ippica,l'ex fidanzata Vanessa Cooke e, in cauda venenum, Orlo Porter,ex compagno di università e bestione di estrema sinistra, ora assicuratore a tempo perso (da non sottovalutare anche la compagnia del Maggiore Plank).
    Umorismo ad alto livello dalla prima all'ultima pagina, per conto mio da considerarsi tra i migliori del ciclo.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi viene una tristezza al pensiero che è l'ultimo episodio di Jeeves e Woster che leggerò mai, visto che li ho , purtroppo, terminati. Non che mi manchino i libri di Wodehouse da leggere, ma con il duo Bertie e Woster abbiamo terminato.
    Questo libro è stato scritto nel 1974, poco meno di un ...continua

    Mi viene una tristezza al pensiero che è l'ultimo episodio di Jeeves e Woster che leggerò mai, visto che li ho , purtroppo, terminati. Non che mi manchino i libri di Wodehouse da leggere, ma con il duo Bertie e Woster abbiamo terminato.
    Questo libro è stato scritto nel 1974, poco meno di un anno prima della morte di Wodehouse, e incredibilmente conserva gli stessi ingredienti del primo scritto forse negli anni 20, 50 anni di Jeeves e Bertie descritti e narrati con la stessa sagacia, arguzia, e brillantezza.
    Complimenti grande umorista!

    ha scritto il 

  • 4

    Non spalanca grandi verità sulla vita, l'universo e tutto quanto ma è una lettura veramente piacevole e distensiva. È sagace, inglese, sardonico e politico, nella sua leggerezza.
    Ci si può aspettare bei momenti da questo libro. Dopotutto si sa, le zie non sono gentiluomini.

    ha scritto il 

  • 4

    Mia nipote sostiene che assomiglio a zia Dalia: ma lei mi vuole bene non è sincera. So' per certo che sono zia Agatha. Questa sera rileggo alla rinfusa solo pagine scelte dai miei libri culto. Non necessariamente alta letteratura, che nessuno si scandalizzi. Scriveva Marcello Marchesi (un altro g ...continua

    Mia nipote sostiene che assomiglio a zia Dalia: ma lei mi vuole bene non è sincera. So' per certo che sono zia Agatha. Questa sera rileggo alla rinfusa solo pagine scelte dai miei libri culto. Non necessariamente alta letteratura, che nessuno si scandalizzi. Scriveva Marcello Marchesi (un altro grande) che i libri di W. si comprano alla stazione ferroviaria perchè ci si vergogna di acquistarli in libreria. Io proseguo nella lettura a testa alta.

    ha scritto il 

  • 4

    Wodehouse algo light

    Soy incondicional de Wodehouse, especialmente de Jeeves y Wooster, así que mis opiniones de estos libros no son del todo objetivas. Normalmente les pongo 5 estrellas sin ningún tipo de justificación. Sin embargo, éste me ha parecido bastante más flojo de lo normal. Ya sé que las historias de Bert ...continua

    Soy incondicional de Wodehouse, especialmente de Jeeves y Wooster, así que mis opiniones de estos libros no son del todo objetivas. Normalmente les pongo 5 estrellas sin ningún tipo de justificación. Sin embargo, éste me ha parecido bastante más flojo de lo normal. Ya sé que las historias de Bertie, sus problemas y cómo Jeeves llega y los resuelve son básicamente las mismas siempre, y sólo porque están escritas por un genio como Wodehouse siguen siendo geniales. Pero ésta se queda demasiado corta y simple al final. Eso no me ha impedido pasar ratos estupendos leyendo Aunts aren't gentlement, por supuesto. Es tan divertido y ameno como el resto de novelas.

    Recomendable para todos los fans de P.G. Wodehouse.

    ha scritto il