Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'economia buona

By Emanuele Campiglio

(40)

| Paperback | 9788861596511

Like L'economia buona ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Questo è un periodo stimolante per parlare di economia. È il momento di fare progetti. Tutti noi vogliamo un presente e un futuro di qualità, un sistema capace di assicurare benessere entro i limiti imposti dall’ambiente naturale.
Per mostrare che l Continue

Questo è un periodo stimolante per parlare di economia. È il momento di fare progetti. Tutti noi vogliamo un presente e un futuro di qualità, un sistema capace di assicurare benessere entro i limiti imposti dall’ambiente naturale.
Per mostrare che l’economia buona non solo è rispettosa delle esigenze degli individui e dell’ambiente, ma è anche una buona economia: efficace, realistica, equilibrata.

4 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Come affrontare la crisi?
    Un punto di vista moderno per un’economia nuova e davvero a misura d’uomo

    di Giuseppe Peluso

    Da Bruno Mondadori, un manualetto elaborato da un brillante economista

    È un piccolo vademecum di analisi, u ...(continue)

    Come affrontare la crisi?
    Un punto di vista moderno per un’economia nuova e davvero a misura d’uomo

    di Giuseppe Peluso

    Da Bruno Mondadori, un manualetto elaborato da un brillante economista

    È un piccolo vademecum di analisi, un combo che racchiude in sé la voglia e la critica di un ricercatore attento che, meglio di tanti altri “analisti del momento”, scrive e giudica uno spaccato di attualità da cui c’è molto da imparare, soprattutto tra le righe. Abituati ai grandi e maestosi manuali analitici di Economia, le dimensioni di questo piccolo concentrato di osservazioni potrebbero illudere il lettore (specialmente quello che di Economia conosce), ma ovviamente, come per quasi ogni cosa, le dimensioni non contano affatto anche in questo caso: le osservazioni dell’autore centreranno il bersaglio e i risultati della sua ricerca non saranno certamente da meno rispetto ai più maestosi ed aulici testi del settore.
    È così che potrebbe apparire dunque al lettore curioso medio il testo da poco pubblicato dal ricercatore italiano Emanuele Campiglio, uno scritto che racchiude in sé i risultati di molti anni di studio e analisi nel settore finanziario e sociale: L’economia buona (Bruno Mondadori, pp. 176, € 14,00). L’autore, infatti, dopo il dottorato di ricerca in Economia politica, lavora oggi nel campo economico-ambientale a Londra, dove continua a studiare l’applicazione economica ai sistemi ambientali ed ecologici.

    Una manovra finanziaria drastica
    Parlare di economia oggi, come sicuramente l’autore sa bene, è un compito molto arduo e spinoso, soprattutto a livello nazionale. È risaputo il ruolo che l’Italia ricopre all’interno del panorama economico mondiale, è sulla bocca di tutti la politica interna che manovra le scelte finanziarie del paese, ed è palese la difficoltà che la nazione sta riscontrando nell’uscire da un periodo di crisi profonda. Date dunque per “scontate” queste linee di partenza, ecco che Campiglio sposta il tiro della sua ricerca per soffermarsi su altro punto, poiché, come il lettore stesso intuisce già dalle prime battute, l’occhio esterno e distaccato di un professionista dell’ambito economico, può dare un grosso contributo all’opinione pubblica che, più che chiedersi cosa stia succedendo, vorrebbe capire dove trovare delle soluzioni.
    Sarà dunque tra il capire e il reagire che lo studio portato avanti da Campiglio andrà a collocarsi come immagine distaccata di una realtà critica sì, ma che ha ancora la possibilità di riscatto e rinascita.
    Un primo spunto di riflessione l’autore lo cerca a livello internazionale e lo fa risalire al novembre 2008, quando la regina Elisabetta, con tono stupito e maldisposto, chiede agli economisti della London School of Economics: «Why did no one see it coming?», “perché nessuno l’ha previsto?”. Il prestigio, il nome e il perno economico che la nota scuola di Londra rappresentano a livello mondiale avrebbero dovuto dare l’allarme che un uragano di queste dimensioni stava per abbattersi sull’economia mondiale, ma evidentemente – ed è questa una delle riflessioni che l’autore appoggia nel suo libro – da molto tempo ormai la disciplina economica ha cambiato la sua consistenza e la sua essenza, evolvendosi e diventando qualcos’altro con cui ancora dover entrare in confidenza. L’autore si interroga, dunque, su un binomio portante che da sempre ha caratterizzato questa attività: il binomio che vede da un lato l’economia e dall’altra la felicità e il benessere. È chiaro quindi che, nel momento in cui l’economia non è più considerata come un mezzo attraverso il quale poter gestire il benessere mondiale, ecco che cambia il suo aspetto e il ruolo che gioca all’interno del mercato. L’autore, principalmente e in prima analisi, accusa il distacco della finanza dall’economia come uno dei principali fattori che hanno contribuito al cambiamento dei mercati, appunto perché, con questo cambiamento, la materia in oggetto ha assunto altri valori e da qui la reazione a catena è stata inevitabile.

    Un’economia coinvolgente
    Nel suo interessante trattato, Campiglio, da ricercatore e analista del settore, ovviamente non si concentra soltanto sulle cause del problema, ma si interessa soprattutto della ricerca di soluzioni attuabili in termini pratici e facilmente condivisibili da tutti.
    Ciò che tra le sue righe si può notare con ammirazione è un’esaltazione dell’individualità all’interno di un contesto economico generale e internazionalizzato. Le basi per una nuova economia dovranno infatti essere gettate nel rispetto dell’individualità e nell’esaltazione di questa all’interno del discorso economico. L’economia è un qualcosa creato dall’uomo e che senza di lui non ha alcun motivo di esistere, ma ciò che ci suggerisce l’attuale realtà è invece altro: abbiamo a che fare con un organismo autonomo che ha vita indipendente rispetto soprattutto all’individuo che contribuisce alla sua esistenza. Ciò che è economia improvvisamente non riguarda più la collettività degli individui, ma l’individualità di una piccola fetta di società che ne detiene il controllo generale e ne garantisce il prosieguo. Sarà dunque qui che l’autorità individuale andrà a modellare una scienza economica più umile e su misura per l’uomo.
    Altro punto centrale della ricerca di Campiglio è lo stretto legame che l’economia deve intrattenere con la questione ambientale. Ciò che l’autore sostiene prepotentemente è un appoggio reciproco con l’ambiente e le risorse naturali, poiché è solo in queste ultime che risiede il vero sviluppo, non solo a livello economico, ma umano. Sfruttare al massimo sì, ma con rispetto per il naturale rigenero: valorizzare il territorio locale ed esaltare una buona e positiva produzione sono, secondo l’autore, le fondamenta forti e ferme sulle quali poter costruire un’economia più solida e utile alla vita e al benessere comune. Il tutto con l’augurio di una coscienza collettiva più seria, attenta e vigile ai mutamenti e alle creazioni.

    Giuseppe Peluso

    (www.bottegascriptamanent.it, anno VII, n. 66, febbraio 2013)

    Is this helpful?

    Bottega Editoriale said on Apr 11, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La direzione cui tutti dovrebbero prendere

    La crisi vissuta a pelle su ciascuno di noi dovrebbe far riflettere su punti fondamentali del proseguo della nostra vita. Uno su tutti, sembra retorico, ma non lo è, non si può andare avanti così. Bisogna lasciarsi alle spalle il modello capitalistic ...(continue)

    La crisi vissuta a pelle su ciascuno di noi dovrebbe far riflettere su punti fondamentali del proseguo della nostra vita. Uno su tutti, sembra retorico, ma non lo è, non si può andare avanti così. Bisogna lasciarsi alle spalle il modello capitalistico del consumismo sfrenato. Apriamo gli occhi. E questo libro ci aiuta a farlo nel migliore dei modi, analizzando le basi di una crisi che ci ha scaraventati a livelli post-bellici.L'unica via di uscita è pensare ed agire in virtù di un futuro sostenibile. Trasformare quell'economia malata in una green economy, dove attenzione per l'ambiente va a pari passo con una equa diffusione di una prosperità che favorisca il benessere fisico ed intellettuale degli individui. Sicuramente la maggior azione deve essere spinta dalle sfere alte, dalla politica, dalle grandi aziende, da coloro che del sistema economico reggono una gran fetta....ma la "miglior" azione può e sicuramente deve essere fatta su iniziativa personale, dal basso, dal singolo cittadino. Interessante è la seconda parte del libro, dove vengono raccontate le iniziative che partono appunto da comunità. Il couchsurfing, ovvero l'ospitare a casa propria, che rientra in una visone del consumo collaborativo, di un ottimizzazione delle risorse, di una ripresa della socialità nei confronti di un individualismo dilagante. Si parla di condivisione della mobilità, molto utile per ridurre i consumi; si parla di social lending, ovvero il credito senza banche; si parla della necessità che tutti debbano diventare dei virtuosi, portare in alto i valori della sostenibilità ambientale, non solo, ma data la situazione disastrosa in cui viviamo, far si che tale sostenibilità sia una spinta verso un miglior intelaiamento delle relazioni sociali e una migliore economia, non più fine alla ricchezza a breve termine, ma alla garanzia di un benessere duraturo e sopratutto equamente distribuito. Un libro cui consiglio di leggere per chi vuole capire in che periodo storico ci troviamo e quali sono le misure da attuare perchè si possa compiere il vero, reale "progresso".

    Is this helpful?

    Massimo Pagani said on Apr 3, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che ad oggi - settembre 2012 - tutti dovrebbero aver letto.

    Is this helpful?

    jb026 said on Sep 23, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ottimo libro di facile comprensione. Da una visione realistica della necessità di cambiare il nostro modello di crescita economica ormai insostenibile. Cerchiamo quindi di prevenire quanto più possibile e ricordiamoci che ormai il cambiamento è inevi ...(continue)

    Ottimo libro di facile comprensione. Da una visione realistica della necessità di cambiare il nostro modello di crescita economica ormai insostenibile. Cerchiamo quindi di prevenire quanto più possibile e ricordiamoci che ormai il cambiamento è inevitabile. All'interno del libro possiamo trovare anche esempi di chi sta cercando di cambiare e non stiamo parlando di marziani.

    Is this helpful?

    Giuseppe Di Muro said on Jun 24, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (40)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 176 Pages
  • ISBN-10: 8861596517
  • ISBN-13: 9788861596511
  • Publisher: Bruno Mondadori
  • Publish date: 2012-04-xx
Improve_data of this book