Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Legge, legislazione e libertà

Critica dell'economia pianificata

Di

Editore: Il Saggiatore

3.8
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 592 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8842808806 | Isbn-13: 9788842808800 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: P. G. Monateri ; Curatore: A. Petroni , S. Monti Bragadin ; Prefazione: M. Finazzer Flory

Disponibile anche come: Altri

Genere: Philosophy , Social Science

Ti piace Legge, legislazione e libertà?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il volume raccoglie tre scritti di Friedrich August von Hayek, teorico delliberalismo: "Regole e ordine", "Il miraggio della giustizia sociale","L'ordine politico di un popolo libero". L'autore fonda la sua posizione sullapercezione dei limiti della razionalità umana e sulla frammentarietà delleconoscenze e delle informazioni di cui dispongono gli individui. L'uomo non èpadrone del proprio destino e ogni ordine sociale creato deliberatamente nonpuò che generare inefficienza e oppressione della libertà individuale.Liberale ma non conservatore von Hayek crede nell'ordine spontaneo,esemplificato dal sistema dei prezzi in un mercato libero, e nell'evoluzioneautomatica di nuove regole di condotta.
Ordina per
  • 5

    Pietra miliare

    In questo libro il grande liberale, premio Nobel, non parla (solo) di economia, ma del rapporto tra la legge e la libertà innanzitutto personale. Contiene capitoli fondamentali per capire come la ...continua

    In questo libro il grande liberale, premio Nobel, non parla (solo) di economia, ma del rapporto tra la legge e la libertà innanzitutto personale. Contiene capitoli fondamentali per capire come la nostra democrazia non sia una "vera" democrazia, sempre in bilico tra sussidi a gruppi specifici di persone che trasformano l'uguaglianza in un tiro alla fune per ottenerne sempre di nuovi e migliori. Solo una citazione per dare l'idea: "La società è semplicemente diventata la nuova divinità presso la quale si protesta e si chiede riparazione se essa non soddisfa le aspettative che ha creato".

    ha scritto il 

  • 2

    Libro filosofico-politico del premio nobel dell'economia nel 74. Probabilmente in economia è da prendere sul serio, il libro invece
    di economia parla ben poco (nonostante il sottotitolo: contro ...continua

    Libro filosofico-politico del premio nobel dell'economia nel 74. Probabilmente in economia è da prendere sul serio, il libro invece
    di economia parla ben poco (nonostante il sottotitolo: contro l'economia pianificata) debordando nel diritto (i giudici dovrebbero
    decidere "intuitivamente" facendo diretto riferimento ai valori tradizionali, non c'è bisogno che vengano riconosciuti i diritti umani, specie in campo economico), nella filosofia e nella
    pseudosociologia (bisogna svilupparsi all'interno della tradizione specificamente occidentale, no a contaminazioni). In questi settori fa semplicemente ridere. Non vi enumero le ingenuità, le contraddizioni e le palesi faziosità (le grandi imprese non hanno interesse a
    influenzare i governi, i sindacati invece...), perché faremmo notte, ma vi assicuro che non è una cosa seria.

    ha scritto il