Leggere

Perché i libri ci rendono migliori, più allegri e più liberi

Voto medio di 794
| 199 contributi totali di cui 157 recensioni , 42 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Perché si legge e come si impara a farlo? Quali meccanismi emotivi si attivano? Come nasce la passione per la lettura? Perché leggere fa bene, ma può talvolta anche far male? In queste dense pagine, Corrado Augias si interroga sul significato ...Continua
Ha scritto il 05/11/17
Quanto può essere piacevole leggere? Come si inizia a leggere? E perché?
Recensione completa su The History Temple: http://www.thehistorytemple.com/libri/leggere-corrado-augias/
Ha scritto il 23/10/17
Non solo pagine
I libri sui libri hanno sempre qualcosa di speciale perché sono un continuo rimando ad altri libri, ad altri messaggi e sentir parlare di libri da chi, del libro, ha fatto il proprio mondo è un'esperienza illuminante oltre che infinita."La ...Continua
Ha scritto il 28/09/17
Nel sottotitolo "Perché i libri ci rendono migliori, più allegri e più liberi" ci sta tutto il percorso con cui l'autore con citazioni e argomentazioni sempre argute e pertinenti spiega il suo punto di vista e il suo intendere la letteratura in ...Continua
Ha scritto il 04/03/17
Carino :) Diciamo che va preso come un'opinione personale su alcuni libri (quasi tutti classici) a cui l'autore è affezionato, e non come un saggio vero e proprio. Per questo motivo, il titolo e il sottotitolo sono fuorvianti, ma è comunque una ...Continua
Ha scritto il 23/02/17
«Ma chi sarà il padrone? Lo scrittore o il lettore?» (Diderot)

Ha scritto il Jul 12, 2016, 12:02
I libri sono per loro natura strumenti democratici e critici: sono molti, spesso si contraddicono, consentono di scegliere e di ragionare. Anche per questo sono sempre stati avversati dal pensiero teocratico, censurati, proibiti, non di rado ...Continua
Pag. 45
Ha scritto il Jan 31, 2015, 08:53
Chissà se De Sanctis viene ancora letto nei licei, se ancora si ragiona sul suo tentativo di raccontare la letteratura mettendo bene in chiaro che chi scrive, sia esso narratore o saggista, lo fa immerso in un contesto dal quale gli è ...Continua
Pag. 18
Ha scritto il Aug 30, 2014, 06:20
Lo scrittore Giuseppe Pontiggia, troppo presto scomparso, diceva: «Dobbiamo difendere la lettura come esperienza che non coltiva l'ideale della rapidità, ma della ricchezza, della profondità, della durata. Una lettura concentrata, amante degli ...Continua
Pag. 1307
Ha scritto il Aug 30, 2014, 06:19
Noi siamo abituati a dare a parole come «silenzio» e «solitudine» un significato di malinconia, negativo. Nel caso della lettura non è così, al contrario quel silenzio e quella solitudine segnano la condizione orgogliosa dell'essere umano solo ...Continua
Pag. 1249
Ha scritto il Aug 30, 2014, 06:18
La persecuzione contro i libri è propria di tutti i regimi dispotici, e basterebbe questo per farci amare la lettura.
Pag. 549

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi