Leggere Lolita a Teheran

Voto medio di 2709
| 589 contributi totali di cui 477 recensioni , 112 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Nei due decenni successivi alla rivoluzione di Khomeini, mentre le strade e icampus di Teheran erano teatro di violenze barbare, Azar Nafisi ha dovutocimentarsi nell'impresa di spiegare a ragazzi e ragazze, esposti in misuracrescente alla catechesi i ...Continua
Silvia
Ha scritto il 12/02/18
Non è colpa della professoressa Nafisi
Lettura pesantissima! in tutti i modi si è cercato di alleggerirla con incursioni approfondite nei "grandi" della letteratura, o con gli aspetti privati delle vite della protagonista e dei (tanti) co-protagonisti, ma il tema rimane duro, crudele, ing...Continua
Milla
Ha scritto il 07/12/17
Forse non era il momento, ma l'ho abbandonato intorno alla metà. La prima parte su Lolita mi è piaciuta molto, da Gatsby in poi, quando si entra dentro la rivoluzione, ho iniziato a trovarlo noioso e troppo confusionario. Non riuscivo a capire bene d...Continua
  • 1 mi piace
  • 2 commenti
vale birba
Ha scritto il 23/11/17
Libro che ho letto per la prima metà tutto d'un fiato. Mi ha da subito catturato. Poi rallenta un po'. Comunque lettura estremamente interessante che aiuta a comprendere non solo la rivoluzione iraniana, ma tutte le rivoluzioni nella loro essenza. ...Continua
Carlo Menzinger
Ha scritto il 15/09/17
UN’AMERICANA ALLA CORTE DI KHOMEINI
Il bestseller “Leggere Lolita a Teheran” (2003) dell’iraniana Azar Nafisi, non è un romanzo, non è un saggio e non è neppure un’autobiografia ma è un po’ di tutto ciò. Il romanzo racconta delle sue esperienze di insegnamento di anglistica in Iran (ci...Continua
Ximen Nao
Ha scritto il 07/08/17

Un successo internazionale, non semplicissimo da leggere a causa delle numerose digressioni letterarie e delle molteplici citazioni. Tuttavia, un libro da leggere.


Carlo Menzinger
Ha scritto il Sep 15, 2017, 19:22
Noi che abitiamo in paesi antichi, spiegai, abbiamo un passato, e non ce ne stacchiamo mai. Loro, gli americani, hanno un sogno: sentono nostalgia per la promessa del futuro.
Carlo Menzinger
Ha scritto il Sep 15, 2017, 19:22
«Un romanzo non è un'allegoria» dissi verso la fine della lezione. «È l'esperienza sensoriale di un altro mondo. Se non entrate in quel mondo, se non trattenete il respiro insieme ai personaggi, se non vi lasciate coinvolgere nel loro destino, non ar...Continua
  • 2 mi piace
Carlo Menzinger
Ha scritto il Sep 15, 2017, 19:21
Una volta le chiesi come mai avesse abbandonato il realismo per l'astrazione. «La realtà è diventata così insopportabile,» rispose «così deprimente, che ormai so dipingere soltanto i colori dei miei sogni». «I colori dei miei sogni» ripetevo tra me....Continua
  • 1 mi piace
Carlo Menzinger
Ha scritto il Sep 15, 2017, 19:21
Esordii dichiarandomi assolutamente d'accordo con Nabokov, quando sostiene che ogni grande romanzo è in realtà una fiaba. Le fiabe, spiegai, sono piene di streghe terrificanti che mangiano i bambini, di matrigne cattive che avvelenano le belle figlia...Continua
  • 1 mi piace
Carlo Menzinger
Ha scritto il Sep 15, 2017, 19:21
E quello che un libro così poteva insegnarci, disse, non era certo come diventare un truffatore senza scrupoli, o un'adultera. Forse che tutti scioperavano o emigravano in California dopo aver letto Steinbeck? O andavano a caccia di balene dopo aver...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi