Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lepidezze postribolari ovvero populorum progressio

Di

Editore: Feltrinelli

4.0
(448)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 394 | Formato: Altri

Isbn-10: 8807840774 | Isbn-13: 9788807840777 | Data di pubblicazione: 

Genere: Humor , Political

Ti piace Lepidezze postribolari ovvero populorum progressio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Internet non è altro che una macchina da scrivere incrociata con untelecomando. È una tv con sei miliardi di canali. E sono quasi tuttirealizzati da una universitaria di nome Biba che insieme alle amiched'appartamento ha installato una webcam nella doccia: così, tanto perdivertirsi. Molti dei testi raccolti in questo libro provengono dai tre blog(quello ufficiale, quello lento e quello segreto) di Daniele Luttazzi. L'unicovantaggio del web è che hai accesso al mondo privato di gente spaventosa comelui, senza doverla odorare" (Dalla postfazione di Galeazzo Ciano). Un nuovobollito misto, che raccoglie il mondo di Daniele Lutazzi in notizie, testi,fumetti.
Ordina per
  • 3

    Amanito falloide

    Magari sono solo un paio le battute veramente disgustose, che avrei preferito non leggere, e di cui fatico a capire lo scopo, il senso e il bersaglio (a meno di non ascriverle ad una patologia dell'autore).
    Però, nonostante l'indubitabile talento e la coerenza, Luttazzi sembra amare troppo autora ...continua

    Magari sono solo un paio le battute veramente disgustose, che avrei preferito non leggere, e di cui fatico a capire lo scopo, il senso e il bersaglio (a meno di non ascriverle ad una patologia dell'autore). Però, nonostante l'indubitabile talento e la coerenza, Luttazzi sembra amare troppo autorappresentarsi come la strega cattiva che ordina al suo specchio di ripeterle che è la più bella del reame. La parte peggiore della storia è quando chiudi il libro, guardi fuori e scopri che, probabilmente, lo specchio ha ragione...

    ha scritto il 

  • 5

    Divertente e profondo, in parte raccolta dei post satirici pubblicati sul blog di Luttazzi, in parte saggio sulla satira e sul comico. Veramente un bel libro.
    Unica nota: Luttazzi è veramente sboccato: ho perso il conto delle volte che nel libro compare la parola "Ferrara".

    ha scritto il 

  • 0

    L'ultimo di Luttazzi è il frutto della catalogazione dei post scritti negli ultimi anni sul suo blog, più una lunga intervista che ci spiega molte cose sulla sua satira e sulla situazione politica in Italia. Battute al vetriolo e notizie passate sotto silenzio che riguardano la guerra e la strate ...continua

    L'ultimo di Luttazzi è il frutto della catalogazione dei post scritti negli ultimi anni sul suo blog, più una lunga intervista che ci spiega molte cose sulla sua satira e sulla situazione politica in Italia. Battute al vetriolo e notizie passate sotto silenzio che riguardano la guerra e la strategia americana in Medio Oriente, convivono agevolmente in un libro il cui scopo è, tra gli altri, aiutarci ad esercitare di più il nostro senso critico.

    ha scritto il 

  • 3

    Satira e censura

    Oltre alle "riflessioni" del mitico Luttazzi, di livello sempre alto, il libro contiene una parte sulla teoria della retorica e della satira molto interessanti.
    Un libro per ridere - qualche volta amaramente - e pensare.

    ha scritto il 

Ordina per