Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Les Dieux eux-mêmes

By

Editeur: Editions Gallimard

4.1
(1646)

Language:Français | Number of pages: 438 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , Italian , German , Catalan , Swedish , Finnish , Dutch , Czech , Portuguese , Polish , Chi simplified

Isbn-10: 2070419770 | Isbn-13: 9782070419777 | Publish date: 

Translator: Sylvie Denis

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Aimez-vous Les Dieux eux-mêmes ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    Davvero una costruzione inedita per Asimov, sia per struttura che per temi. Un libro nel quale la mano dello scienziato e del divulgatore si fa sentire piacevolmente.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    3

    Me cuesta tener que ir contracorriente, pero todo y ser una genial historia de ciencia-ficción, no está escrita como una novela apasionante.
    La segunda parte, y en eso coincido con mucha gente, es la ...continuer

    Me cuesta tener que ir contracorriente, pero todo y ser una genial historia de ciencia-ficción, no está escrita como una novela apasionante.
    La segunda parte, y en eso coincido con mucha gente, es la más fantástica y cautivadora. Sin embargo no le acaba de sacar todo el jugo pudiéndola haber entremezclado con la historia de nuestro universo y haber rematado de una manera más brillante la novela.
    Tengo que confesar que todo y tener los premios Hugo y Nébula, Los Popios Dioses me ha dejado un tanto frío y no la puedo considerar, a mi parecer, la mejor obra de Asimov.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    Se lee sólo

    Como de costumbre con Isaac Asimov, al comenzar a leer uno de sus trabajos literarios tenés garantías de que la lectura va a ser entretenida y que poseerá un rigor científico bien marcado en la mayorí ...continuer

    Como de costumbre con Isaac Asimov, al comenzar a leer uno de sus trabajos literarios tenés garantías de que la lectura va a ser entretenida y que poseerá un rigor científico bien marcado en la mayoría de los hechos de la misma y, Los Propios Dioses, no es la excepción. La novela se divide en tres partes bien diferenciadas: La primera y la tercera incluyen en la entretenida historia definiciones de física nuclear y teorías de universos paralelos muy complejas, por momentos difícil de seguir. La intermedia en cambio, se aleja de la ciencia ficción para aproximarse a la fantasía. Las historias están relacionadas entre sí, pero débilmente; y el final, tal vez, fue un poco apresurado.

    dit le 

  • 5

    Capolavoro di un Maestro

    Non è un caso se Asimov affermasse che questo fosse il suo romanzo meglio riuscito: in questo romanzo, Asimov sperimenta una struttura molto più articolata rispetto al suo solito intreccio "scientific ...continuer

    Non è un caso se Asimov affermasse che questo fosse il suo romanzo meglio riuscito: in questo romanzo, Asimov sperimenta una struttura molto più articolata rispetto al suo solito intreccio "scientifico". Poca azione, è vero, ma un'articolato mondo creato ad hoc per l'occasione. Tra l'altro, la descrizione di una cultura completamente aliena a quella umana è tra le più godibili ed originali del genere. Assolutamente consigliato!

    dit le 

  • 5

    geniale

    Libro assegnato dall'insegnante di fisica a mia figlia e subito letto anche da me (visto che la fantascienza è il mio primo grande amore non potevo certo farmelo scappare ☺)
    Ho trovato l'idea di base ...continuer

    Libro assegnato dall'insegnante di fisica a mia figlia e subito letto anche da me (visto che la fantascienza è il mio primo grande amore non potevo certo farmelo scappare ☺)
    Ho trovato l'idea di base semplicemente geniale ed è stata sviluppata in maniera magistrale
    È riuscito a rendere credibile l'idea su cui si basa l'intera storia

    dit le 

  • 4

    Uno dei più grandi scrittori di fantascienza (ok, diciamo pure il più grande), Isaac Asimov, ha costruito degli universi narrativi di incredibile profondità (il ciclo dei robot – Asimov ha inventato l ...continuer

    Uno dei più grandi scrittori di fantascienza (ok, diciamo pure il più grande), Isaac Asimov, ha costruito degli universi narrativi di incredibile profondità (il ciclo dei robot – Asimov ha inventato le ‘leggi’ della Robotica e la parola ‘positronico’, per dire – quello dell’Impero e soprattutto quello della Fondazione) in cui, curiosamente per il genere letterario, gli ‘alieni’ sono al massimo...

    (continua qua: http://cheremone.wordpress.com/2014/09/01/contro-la-stupidita-anche-gli-dei-lottano-invano/ )

    dit le 

  • 4

    Inaspettato

    Libro che mi ha stupito molto, sia per la premessa nata da un errore sul peso atomico ad una conferenza sia per la fine.
    Molto bello.

    dit le 

  • 4

    Una bella storia, avvincente, di quelle che ti fanno venir voglia di non lasciare mai il libro. C'è sempre una certa aderenza ad elementi reali che personalmente mi fa apprezzare molto una storia di f ...continuer

    Una bella storia, avvincente, di quelle che ti fanno venir voglia di non lasciare mai il libro. C'è sempre una certa aderenza ad elementi reali che personalmente mi fa apprezzare molto una storia di fantascienza. Certo, non è una pietra miliare come può essere la trilogia della Fondazione, però il suo lavoro di intrattenimento lo svolge egregiamente.

    dit le 

  • 5

    Chi è più intelligente? Noi o loro?

    Forse un quattro stelline e mezzo, giusto perché alcune parti sanno davvero un po' tanto di Fisica e potrebbero risultare un po' complesse e pesanti, soprattutto per i non addetti ai lavori. Allo stes ...continuer

    Forse un quattro stelline e mezzo, giusto perché alcune parti sanno davvero un po' tanto di Fisica e potrebbero risultare un po' complesse e pesanti, soprattutto per i non addetti ai lavori. Allo stesso tempo la dovizia di particolari un po' scientifici è ciò che rende concreta la capacità dell'autore di ideare un intero universo parallelo che, sì è fantastico, ma realistico e possibile.
    A parte ciò, amore imperituro per Asimov, qui io sono di parte, è vero, ma l'idea di base dell'opera è geniale. Ho particolarmente adorato la chiusura e l'originalità degli extra-terrestri, lontani dall'idea dei classici umanoidi in un altro mondo. Un po' dispiace sapere che il biochimico di origini russe abbia inserito alieni del tutto "nuovi" solo in questo libro (correggetemi se sbaglio), ma proprio per questo probabilmente è uno dei romanzi che più si discostano, in modo molto interessante, dal "solito" Asimov.
    Geniale, brillante, ben strutturato e curato, con la giusta quantità di colpi di scena in perfetto accordo con lo stile dell'autore. Adoro.

    dit le 

Sorting by