Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Les Dieux eux-mêmes

By

Editeur: Editions Gallimard

4.1
(1663)

Language:Français | Number of pages: 438 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , Italian , German , Catalan , Swedish , Finnish , Dutch , Czech , Portuguese , Polish , Chi simplified

Isbn-10: 2070419770 | Isbn-13: 9782070419777 | Publish date: 

Translator: Sylvie Denis

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Aimez-vous Les Dieux eux-mêmes ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    asimov non delude

    Seppur l'opera si divida in tre parti diverse tra loro. ( l'uso di pubblicare parti di un libro su riviste è un classico per il genere fantascientifico ) alla fine Asimov non delude. Vero che la pr ...continuer

    Seppur l'opera si divida in tre parti diverse tra loro. ( l'uso di pubblicare parti di un libro su riviste è un classico per il genere fantascientifico ) alla fine Asimov non delude. Vero che la prima e la terza parte non brillano di vera originalità e caratterizzazione dei personaggi, soprattutto femminili , ma la seconda parte è davvero una perla, soprattutto se si è fossilizzati all' Asimov della trilogia della fondazione.
    Una piacevole e scorrevole lettura.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    romanzo sci-harmony

    dopo aver letto decine di romanzi di Asimov trovo ormai palese che le donne/Personaggi nei suoi romanzi sono tutte uguali.
    - hanno un dono
    - sono belle e sexy

    qui, questo suo atteggiamento nel descriv ...continuer

    dopo aver letto decine di romanzi di Asimov trovo ormai palese che le donne/Personaggi nei suoi romanzi sono tutte uguali.
    - hanno un dono
    - sono belle e sexy

    qui, questo suo atteggiamento nel descrivere la donna, traspare ancora di più.
    non credo sia sessismo, piuttosto poca originalità.
    anche il sesso o l'amore sono trattati da Asimov come se fosse una parte doverosa da inserire ma difficile da descrivere dal punto di vista romantico, quindi alla fine, un rapporto (anche solo verbale) tra un uomo e una donna finisce per sembrare un continuo flirt da film pornografico o da romanzo Harmony ahahahah :D

    ad ogni modo non è certo questo l'aspetto più critico. piuttosto trovo questo romanzo molto simile agli altri suoi "spin off" sui suoi cicli.
    nel senso che la trama è molto settata:
    - c'è una scoperta
    - c'è una scoperta che va in conflitto con la prima
    - avviene uno scontro tra comunità scientifiche
    - ci sono svariati voli pindarici sui personaggi, al di la della fantasia e che entrano invece in caratteri da romanzo rosa (..)
    - e poi la novità. in ogni romanzo, per essere originale c'è una novità. in questo caso lo sono gli abitanti del para-universo. insomma, degli alieni. ammetto che è stata una parte piuttosto noiosa, salvando solo l'ultima parte di quel capitolo, dove Asimov ha inventato una cosa, non dirò cosa, che salva in corner quell'intero capitolone.

    legata a quest'ultima cosa, a lettura completata, sembra che l'inserimento di un capitolone sugli alieni, sia stata inserita nella storia generale in un secondo momento, questo con lo scopo di aggiungere qualcosa di nuovo, gli alieni. si perchè loro nella storia incidono, ok, ma non al fine proprio del romanzo narrativo.. o meglio non direttamente.
    infatti nella terza ed ultima parte sembra che alla fine, Asimov se ne sia completamente dimenticato. alchè si può benissimo pensare che prima scrisse il romanzo senza la parte degli alieni e solo dopo l'ha inserita.

    nulla toglie che questo romanzo possa essere un prequel dell'avvento del cervello positronico e di tutto l'universo asimoviano, a parte le date che, se non erro vanno ad accavallarsi.

    cosa dire. ho letto la prima parte in un pomeriggio, poi mi sono annoiato nella parte centrale e poi sono stato letteralmente trascinato, di nuovo, dell'ultima parte.

    ho dato tante stelle perchè è fantascienza.. scienza. è un classico per Asimov, come ho già scritto, non è poi così differente da altri suoi romanzi però è sempre eccitante leggere cosa ha trovato di nuovo nel libro che ci si accinge a leggere. questo rende unico Asimov che a mio avviso, per ora, non ha rivali nella fantascienza.
    il settaggio, l'essere stereotipato, potrebbe essere visto anche come un aspetto positivo della sua narrativa, nel senso che Asimov nella sua enormità letteraria ha letteralmente costruito un universo. come c'è quello di Star Wars, Alien, Star Trek by Gene Rondenberry etc., Asimov ha fatto il suo che mi emoziona sempre. ottimo e consigliatoa tutti

    dit le 

  • 4

    Davvero una costruzione inedita per Asimov, sia per struttura che per temi. Un libro nel quale la mano dello scienziato e del divulgatore si fa sentire piacevolmente.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    3

    Me cuesta tener que ir contracorriente, pero todo y ser una genial historia de ciencia-ficción, no está escrita como una novela apasionante.
    La segunda parte, y en eso coincido con mucha gente, es la ...continuer

    Me cuesta tener que ir contracorriente, pero todo y ser una genial historia de ciencia-ficción, no está escrita como una novela apasionante.
    La segunda parte, y en eso coincido con mucha gente, es la más fantástica y cautivadora. Sin embargo no le acaba de sacar todo el jugo pudiéndola haber entremezclado con la historia de nuestro universo y haber rematado de una manera más brillante la novela.
    Tengo que confesar que todo y tener los premios Hugo y Nébula, Los Popios Dioses me ha dejado un tanto frío y no la puedo considerar, a mi parecer, la mejor obra de Asimov.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    Se lee sólo

    Como de costumbre con Isaac Asimov, al comenzar a leer uno de sus trabajos literarios tenés garantías de que la lectura va a ser entretenida y que poseerá un rigor científico bien marcado en la mayorí ...continuer

    Como de costumbre con Isaac Asimov, al comenzar a leer uno de sus trabajos literarios tenés garantías de que la lectura va a ser entretenida y que poseerá un rigor científico bien marcado en la mayoría de los hechos de la misma y, Los Propios Dioses, no es la excepción. La novela se divide en tres partes bien diferenciadas: La primera y la tercera incluyen en la entretenida historia definiciones de física nuclear y teorías de universos paralelos muy complejas, por momentos difícil de seguir. La intermedia en cambio, se aleja de la ciencia ficción para aproximarse a la fantasía. Las historias están relacionadas entre sí, pero débilmente; y el final, tal vez, fue un poco apresurado.

    dit le 

  • 5

    Capolavoro di un Maestro

    Non è un caso se Asimov affermasse che questo fosse il suo romanzo meglio riuscito: in questo romanzo, Asimov sperimenta una struttura molto più articolata rispetto al suo solito intreccio "scientific ...continuer

    Non è un caso se Asimov affermasse che questo fosse il suo romanzo meglio riuscito: in questo romanzo, Asimov sperimenta una struttura molto più articolata rispetto al suo solito intreccio "scientifico". Poca azione, è vero, ma un'articolato mondo creato ad hoc per l'occasione. Tra l'altro, la descrizione di una cultura completamente aliena a quella umana è tra le più godibili ed originali del genere. Assolutamente consigliato!

    dit le 

  • 5

    geniale

    Libro assegnato dall'insegnante di fisica a mia figlia e subito letto anche da me (visto che la fantascienza è il mio primo grande amore non potevo certo farmelo scappare ☺)
    Ho trovato l'idea di base ...continuer

    Libro assegnato dall'insegnante di fisica a mia figlia e subito letto anche da me (visto che la fantascienza è il mio primo grande amore non potevo certo farmelo scappare ☺)
    Ho trovato l'idea di base semplicemente geniale ed è stata sviluppata in maniera magistrale
    È riuscito a rendere credibile l'idea su cui si basa l'intera storia

    dit le 

  • 4

    Uno dei più grandi scrittori di fantascienza (ok, diciamo pure il più grande), Isaac Asimov, ha costruito degli universi narrativi di incredibile profondità (il ciclo dei robot – Asimov ha inventato l ...continuer

    Uno dei più grandi scrittori di fantascienza (ok, diciamo pure il più grande), Isaac Asimov, ha costruito degli universi narrativi di incredibile profondità (il ciclo dei robot – Asimov ha inventato le ‘leggi’ della Robotica e la parola ‘positronico’, per dire – quello dell’Impero e soprattutto quello della Fondazione) in cui, curiosamente per il genere letterario, gli ‘alieni’ sono al massimo...

    (continua qua: http://cheremone.wordpress.com/2014/09/01/contro-la-stupidita-anche-gli-dei-lottano-invano/ )

    dit le 

  • 4

    Inaspettato

    Libro che mi ha stupito molto, sia per la premessa nata da un errore sul peso atomico ad una conferenza sia per la fine.
    Molto bello.

    dit le 

Sorting by