Les Enfants Terribles

By

Editeur: LGF - Livre de Poche

3.8
(338)

Language: Français | Number of pages: 123 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Italian , Finnish , Spanish , German

Isbn-10: 2253010251 | Isbn-13: 9782253010258 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Aimez-vous Les Enfants Terribles ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Jean Cocteau -- poet, novelist, dramatist, artist, musician -- was a leading figure in the Surrealist movement. In addition to his popular novel Les Enfants Terribles (1929), he is best remembered in the English-speaking world for the film Orphée (1950).
Sorting by
  • 4

    >Meravigliosa saga familiare rovesciata dove l'amore e la morte producono un distillato di follia lucida. Nessuna pietà per i vinti ma neanche per i vincitori. Un covo di serpenti che si attorcigliano ...continuer

    >Meravigliosa saga familiare rovesciata dove l'amore e la morte producono un distillato di follia lucida. Nessuna pietà per i vinti ma neanche per i vincitori. Un covo di serpenti che si attorcigliano fino a strangolarsi.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    Paul e Elisabeth sono due fratelli rimasti orfani di padre. Vivono a casa con la madre gravemente malata, ma il loro mondo è unicamente la "camera", regno di giochi e di esperienze visionarie.

    Paul, q ...continuer

    Paul e Elisabeth sono due fratelli rimasti orfani di padre. Vivono a casa con la madre gravemente malata, ma il loro mondo è unicamente la "camera", regno di giochi e di esperienze visionarie.

    Paul, quattordicenne all'inizio del romanzo, frequenta il liceo del quartiere, vero punto d'incontro della gioventù locale. Il libro si apre con una giornata nevosa: i ragazzi che escono da scuola si sfidano in una battaglia a palle di neve; Dargelos, il bullo della situazione, nonché mito di Paul, colpisce Paul in pieno petto con una palla di neve, in realtà, forse, un sasso ricoperto. Il ragazzo si sente male; viene invitato a non riprendere più la scuola e così si barrica nella profondità della sua camera, limitandosi a sognare Dargelos.

    La sorella, ormai diventata infermiera di due malati, e Gérard, compagno di scuola ed orfano anch'egli, si occupano di lui. La madre muore. Gérard invita allora gli amici a trascorrere una vacanza al mare con suo zio. Con il passare del tempo, Elisabeth decide di cercare un lavoro: trova un posto come modella e fa amicizia con la collega Agathe, anch'ella orfana. Ben presto la "camera" si apre anche a lei e si crea un incrocio di simpatie: Gérard ama Elisabeth e Agathe ama Paul.

    Elisabeth, tuttavia, sposa Michael, un ricco magnate che, alla sua prematura morte in seguito ad un incidente automobilistico (ma muore strangolato da una sciarpa), le lascia un'enorme casa. I quattro orfani si trasferiscono allora nella nuova residenza. Finalmente Paul, sempre più malato, si rende conto di amare Agathe, la cui somiglianza con Dargelos è stupefacente. Agathe, dal canto suo, si dispera convinta di non essere apprezzata da Paul.

    Elisabeth interviene allora a rovinare tutti i piani: dice ad Agathe che Paul non l'ama, ma che invece Gérard la vuole sposare; dice a Paul che Agathe lo ha rifiutato perché ama Gérard e lo vuole sposare; convince Gérard a sposare Agathe. Tempo dopo il matrimonio, Gérard rivela a Paul di aver incontrato Dargelos, il quale gli aveva chiesto di portargli un veleno; infatti, al tempo del liceo Paul collezionava veleni perché anche Dargelos lo faceva. Gérard raccomanda a Paul di non toccare il veleno perché è mortale. In un momento di sconforto Paul lo beve e viene soccorso da Elisabeth e Agathe. Le due donne non possono più salvarlo, ma in quel momento viene a galla la verità: Elisabeth confessa di essere sempre stata gelosa del fratello e di averlo voluto allontanare da Agathe con ogni mezzo, perché la considerava una mediocre borghese.

    Elisabeth dice che finalmente con la morte i due fratelli potranno unirsi. Nel momento in cui Paul sta per morire, Elisabeth si spara un colpo di pistola. Agathe resta da sola e spaventata.

    dit le 

  • 2

    Sono stata ad aspettare per tutto il tempo col fiato sospeso che si spiegasse qualcosa del legame morboso tra i due fratelli... non si è spiegato un accidente.

    dit le 

  • 5

    "I privilegi della bellezza sono immensi. Essa agisce anche su coloro che non la constatano."

    Ero così indecisa. Lo sono stata fino alla fine. Non sapevo cosa pensare di questo libro che, in realtà, è un unico flusso di pensieri collegati alla mente dell'autore da un filo tanto sottile quanto ...continuer

    Ero così indecisa. Lo sono stata fino alla fine. Non sapevo cosa pensare di questo libro che, in realtà, è un unico flusso di pensieri collegati alla mente dell'autore da un filo tanto sottile quanto resistente.
    Poi è arrivata l'illuminazione, il dramma, l'ultimo capitolo. Che vale tutta la narrazione. Bello, malato, perverso.
    Ora lo so, niente più indecisione, l'ho amato.

    dit le 

  • 4

    Kind of a stange little book. It's a theme I've seen several times before, albeit in later novels, so perhaps that takes away some of its punch for me. The language is occasionally beautiful, though t ...continuer

    Kind of a stange little book. It's a theme I've seen several times before, albeit in later novels, so perhaps that takes away some of its punch for me. The language is occasionally beautiful, though the translation seemed rather clunky and forced to me. Some reviewers have praised it, but it seemed to me that the translator was trying to preserve the French at the expense of the English. I guess I should learn French to better appreciate it. At any rate, it was an anjoyable, quick read.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    5

    "Vi sono case, esistenze, che riempirebbero di stupore le persone ragionevoli. Esse non capirebbero come un disordine che sembra debba continuare appena per quindici giorni, possa durare per parecchi ...continuer

    "Vi sono case, esistenze, che riempirebbero di stupore le persone ragionevoli. Esse non capirebbero come un disordine che sembra debba continuare appena per quindici giorni, possa durare per parecchi anni. Ora, queste case, queste esistenze problematiche, perdurano numerose, illegali, contro ogni aspettativa. Ma, ciò in cui la ragione non ha torto, è che se la forza delle cose è una forza, essa le precipita verso la rovina.
    Gli esseri singolari e i loro atti asociali costituiscono il fascino di un mondo plurale che li espelle. Noi ci angosciamo per la velocità acquistata dal ciclone in cui respirano queste anime tragiche e leggere. Tutto ha inizi con delle bambinate; da principio, non ci vediamo che dei giochi."

    Meraviglia.
    Perfetto in ogni particolare, in ogni riga.
    E' il destino che regna sovrano, il fato, è la týche greca, comunque la vogliate chiamare.
    Tutto va esattamente come sarebbe dovuto andare, tutti gli eventi sono concatenati. Tutto ciò che succede richiama altri eventi.
    Dargelos che colpisce Paul con la palla di neve ritorna quando Agathe trova la foto di Dargelos e si volta verso Paul: "Agathe, voltata verso Paul, impugnava il cartoncino bianco e Paul, nell'ombra purpurea, vide Dargelos che impugnava la palla di neve, e ricevette lo stesso colpo in pieno petto."

    E questa fatalità non può non essere percepita dal lettore, che inconsciamente sa già cosa sta per accadere. Ne abbiamo un chiaro esempio nell'annuncio della morte di Michael.
    Dopo il matrimonio Michael decide di partire, "ma il genio della camera vegliava".
    "C'è bisogno di dirlo? Sulla strada tra Cannes e Nizza, Michael rimase ucciso."
    Tutto è già stabilito, e non si può che rimanere basiti da questa fatalità.

    Un'ultima cosa. Elizabeth (c'è bisogno di dirlo?) è un personaggio spettacolare.

    dit le 

  • 0

    Leggere questo libro dona innanzitutto una stupenda e piena dose di libertà. Incondizionato.
    Tutto accade, si sposta, ritorna e muore senza chiedere permesso.

    Da invidiare (nell'accezione più nobile d ...continuer

    Leggere questo libro dona innanzitutto una stupenda e piena dose di libertà. Incondizionato.
    Tutto accade, si sposta, ritorna e muore senza chiedere permesso.

    Da invidiare (nell'accezione più nobile del termine) il modo tutto libero di Cocteau nello scrivere questo Les Enfants Terribles, e l'accortezza divincolata da norme del buon scrittore nel metterci dentro tutto: poesia, amore, lento tedio, tradimento, morte, galanteria, fine e francese ironia, sottomissione e sangue.
    Rivoluzionario l'odore, il tema, lo stile e il modo di vivere dei ragazzi.
    Dopo aver letto questo libro si ha come la sensazione che si sia aperta una porta di cui prima non sapevamo.
    Magico, terribile poeta di terra francese, Cocteau.

    dit le 

  • 4

    Il giovane di neve e la vergine di ferro

    Una scrittura complessa eppure fluida nella sua intensità, capace di imprimere su ogni pagina poesia in forma di prosa.
    Letteralmente ammaliato, ho provato come Gerard e Agathe la sensazione di essere ...continuer

    Una scrittura complessa eppure fluida nella sua intensità, capace di imprimere su ogni pagina poesia in forma di prosa.
    Letteralmente ammaliato, ho provato come Gerard e Agathe la sensazione di essere spettatore privilegiato della vita di Paul ed Elisabeth e del loro eterno gioco fatto di tensione, pulsione e desiderio che consumano.
    Quattro stelle e mezza.

    dit le 

Sorting by