Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Les Enfants Terribles

By Jean Cocteau

(62)

| Paperback | 9782253010258

Like Les Enfants Terribles ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Jean Cocteau -- poet, novelist, dramatist, artist, musician -- was a leading figure in the Surrealist movement. In addition to his popular novel Les Enfants Terribles (1929), he is best remembered in the English-speaking world for the film Continue

Jean Cocteau -- poet, novelist, dramatist, artist, musician -- was a leading figure in the Surrealist movement. In addition to his popular novel Les Enfants Terribles (1929), he is best remembered in the English-speaking world for the film Orphée (1950).

36 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Kind of a stange little book. It's a theme I've seen several times before, albeit in later novels, so perhaps that takes away some of its punch for me. The language is occasionally beautiful, though the translation seemed rather clunky and forced to ...(continue)

    Kind of a stange little book. It's a theme I've seen several times before, albeit in later novels, so perhaps that takes away some of its punch for me. The language is occasionally beautiful, though the translation seemed rather clunky and forced to me. Some reviewers have praised it, but it seemed to me that the translator was trying to preserve the French at the expense of the English. I guess I should learn French to better appreciate it. At any rate, it was an anjoyable, quick read.

    Is this helpful?

    Makenzie said on Jan 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I fantasmi dell'autore, fantasmi che lo perseguitano per tutta la sua vita tormentata dalla dipendenza dall'oppio.

    Is this helpful?

    Silvia said on Dec 20, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    "Vi sono case, esistenze, che riempirebbero di stupore le persone ragionevoli. Esse non capirebbero come un disordine che sembra debba continuare appena per quindici giorni, possa durare per parecchi anni. Ora, queste case, queste esistenze proble ...(continue)

    "Vi sono case, esistenze, che riempirebbero di stupore le persone ragionevoli. Esse non capirebbero come un disordine che sembra debba continuare appena per quindici giorni, possa durare per parecchi anni. Ora, queste case, queste esistenze problematiche, perdurano numerose, illegali, contro ogni aspettativa. Ma, ciò in cui la ragione non ha torto, è che se la forza delle cose è una forza, essa le precipita verso la rovina.
    Gli esseri singolari e i loro atti asociali costituiscono il fascino di un mondo plurale che li espelle. Noi ci angosciamo per la velocità acquistata dal ciclone in cui respirano queste anime tragiche e leggere. Tutto ha inizi con delle bambinate; da principio, non ci vediamo che dei giochi."

    Meraviglia.
    Perfetto in ogni particolare, in ogni riga.
    E' il destino che regna sovrano, il fato, è la týche greca, comunque la vogliate chiamare.
    Tutto va esattamente come sarebbe dovuto andare, tutti gli eventi sono concatenati. Tutto ciò che succede richiama altri eventi.
    Dargelos che colpisce Paul con la palla di neve ritorna quando Agathe trova la foto di Dargelos e si volta verso Paul: "Agathe, voltata verso Paul, impugnava il cartoncino bianco e Paul, nell'ombra purpurea, vide Dargelos che impugnava la palla di neve, e ricevette lo stesso colpo in pieno petto."

    E questa fatalità non può non essere percepita dal lettore, che inconsciamente sa già cosa sta per accadere. Ne abbiamo un chiaro esempio nell'annuncio della morte di Michael.
    Dopo il matrimonio Michael decide di partire, "ma il genio della camera vegliava".
    "C'è bisogno di dirlo? Sulla strada tra Cannes e Nizza, Michael rimase ucciso."
    Tutto è già stabilito, e non si può che rimanere basiti da questa fatalità.

    Un'ultima cosa. Elizabeth (c'è bisogno di dirlo?) è un personaggio spettacolare.

    Is this helpful?

    Rhoda said on Jul 11, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Leggere questo libro dona innanzitutto una stupenda e piena dose di libertà. Incondizionato.
    Tutto accade, si sposta, ritorna e muore senza chiedere permesso.

    Da invidiare (nell'accezione più nobile del termine) il modo tutto libero di Cocteau nell ...(continue)

    Leggere questo libro dona innanzitutto una stupenda e piena dose di libertà. Incondizionato.
    Tutto accade, si sposta, ritorna e muore senza chiedere permesso.

    Da invidiare (nell'accezione più nobile del termine) il modo tutto libero di Cocteau nello scrivere questo Les Enfants Terribles, e l'accortezza divincolata da norme del buon scrittore nel metterci dentro tutto: poesia, amore, lento tedio, tradimento, morte, galanteria, fine e francese ironia, sottomissione e sangue.
    Rivoluzionario l'odore, il tema, lo stile e il modo di vivere dei ragazzi.
    Dopo aver letto questo libro si ha come la sensazione che si sia aperta una porta di cui prima non sapevamo.
    Magico, terribile poeta di terra francese, Cocteau.

    Is this helpful?

    Lu_i_gi said on Jan 23, 2013 | Add your feedback

  • 9 people find this helpful

    c'est la vie....

    Ci sono scrittori, che hanno bisogno di scrivere 500/ 600 pagine, per riuscire a suscitare la metà delle emozioni, che questo piccolo libro è riuscito a scatenare.
    Uno dei libri più vivi che ho letto.
    La scrittura è chiara e colpisce allo stomaco, è ...(continue)

    Ci sono scrittori, che hanno bisogno di scrivere 500/ 600 pagine, per riuscire a suscitare la metà delle emozioni, che questo piccolo libro è riuscito a scatenare.
    Uno dei libri più vivi che ho letto.
    La scrittura è chiara e colpisce allo stomaco, è una ferita, e vai avanti nella lettura cosciente che il finale può essere solo uno.
    I protagonisti, i ragazzi terribili, sono Paul ed Elizabeth, fratello e sorella. Incarnazione dello spirito poetico.
    La loro forza è nel caos, nel cinismo, nel fascino involontario, nella furia infantile della parola, nella morbosità del loro rapportarsi. E Cocteau usa i ragazzi per descrivere fisicamente, carnalmente, verbalmente i genio della poesia. La loro innocenza brutale nasce da una natura che li ha voluti tali, da un'inspiegabile "forza" che induce alcune creature ad essere solo ed esattamente quello che sono nate per essere.
    L'autore pone le basi per un epilogo che, fin dall'inizio, si presenta come drammatico e sconcertante. E che, ovviamente, non può non esplicitarsi se non attraverso un tema scenico di intenso impatto.
    C’è un rapporto “anormale” fra fratello e sorella, c’è droga, c’è amore e paura, e non solo…

    Si respira un'atmosfera di morte, come una sconfitta universale, un clima morboso che ti incolla alle pagine fino al climax degno di una tragedia greca. Perché I ragazzi terribili è una tragedia il cui epilogo è intuibile già dalle prime pagine.
    Un malessere strisciante, sottile, che si attacca alla carne, che porta fino a un punto di non ritorno serpeggia non solo nel libro, tra i protagonisti, avvolgendoli come la neve, ma raggiunge anche il lettore. Il tutto senza descrizioni psicologiche, senza fornire alcun alibi, con uno stile secco, a volte asettico, rassegnato, ma vivo, pulsante, quasi a celare un vuoto perturbante, sfuggente, irrazionale, l'abisso della morte.

    C’è la vita che si dissolve nel pensare, nell'amore, nella droga e nella gelosia….

    Is this helpful?

    ♫ Daniela ★ said on Sep 28, 2012 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Ce roman raconte l'histoire du lien entre frère et sœur orphelins et leur relation avec le monde extérieur (surtout avec un autre jeune garçon et une jeune fille). Insouciants des problèmes de la quotidienneté de la vie, les enfants semblent être san ...(continue)

    Ce roman raconte l'histoire du lien entre frère et sœur orphelins et leur relation avec le monde extérieur (surtout avec un autre jeune garçon et une jeune fille). Insouciants des problèmes de la quotidienneté de la vie, les enfants semblent être sans points de repères et vient dans un "jeu". Les épisodes mêlent le thème du rapport fraternel, amour, jalousie et mensonge. Le style rend la lecture un peu difficile. Surement, ce n'est pas un de mes livres préférées.

    Is this helpful?

    Marco said on Sep 6, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book