Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Les Naufragés de l'autocar

By

Editeur: Gallimard/Folio

3.8
(400)

Language:Français | Number of pages: 372 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Italian , Dutch , Spanish

Publish date: 

Translator: Marcel Duhamel , Renée Vavasseur

Aussi disponible comme: Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , Humor , Travel

Aimez-vous Les Naufragés de l'autocar ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 3

    Non è il miglior romanzo di Steinbeck sensa dubbio. L'incipit è un po' troppo lento, la storia non parte un po' come la corriera. Tuttavia nella seconda metà dell'opera si accende l'interesse per i pe ...continuer

    Non è il miglior romanzo di Steinbeck sensa dubbio. L'incipit è un po' troppo lento, la storia non parte un po' come la corriera. Tuttavia nella seconda metà dell'opera si accende l'interesse per i personaggi. Indubbiamente pesante l'inizio ed esaltante verso la fine. Per chi adora quest'autore.

    dit le 

  • 0

    Incipit

    Quarantadue miglia a valle della città di San Ysidro, su una grande strada nazionale che traversa la California da settentrione a mezzogiorno, c’è un incrocio, che da un’ottantina d’anni si chiama la ...continuer

    Quarantadue miglia a valle della città di San Ysidro, su una grande strada nazionale che traversa la California da settentrione a mezzogiorno, c’è un incrocio, che da un’ottantina d’anni si chiama la Svolta dei Ribelli.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/c/la-corriera-stravagante-john-steinbeck/

    dit le 

  • 4

    Citazione

    E tu non puoi lasciare una cosa così: è come un insieme, ha un'architettura sua e non la puoi lasciare senza strapparti un pezzo di te stesso. Perciò se vuoi serbartiintero, tu rimani, per quanto ti p ...continuer

    E tu non puoi lasciare una cosa così: è come un insieme, ha un'architettura sua e non la puoi lasciare senza strapparti un pezzo di te stesso. Perciò se vuoi serbartiintero, tu rimani, per quanto ti possa piacere poco.

    dit le 

  • 4

    densa leggerezza

    Non è facile giudicare questo libro. E’ una carrellata di personaggi, che si ritrovano insieme per un viaggio in autobus in un posto sperduto della California e insieme, con le loro umanità, sensibili ...continuer

    Non è facile giudicare questo libro. E’ una carrellata di personaggi, che si ritrovano insieme per un viaggio in autobus in un posto sperduto della California e insieme, con le loro umanità, sensibilità e brutalità formano una “corriera stravagante”. E’ molto descrittivo, tutti i personaggi vengono raccontati ampiamente e a più riprese, la trama che è praticamente inesistente. La lettura è scorrevole e molto piacevole, è un gran libro, denso di emozioni umane complesse che si celano dietro la semplicità della storia. Stravagante, leggero e torbido.

    dit le 

  • 4

    on the road

    un po' boule de suif, un po' ombre rosse, senza drammi: gente costretta dal viaggio ad una contiguità indesiderata. I pensieri segreti di ognuno; fantastica la immediata epica traduzione in lettere al ...continuer

    un po' boule de suif, un po' ombre rosse, senza drammi: gente costretta dal viaggio ad una contiguità indesiderata. I pensieri segreti di ognuno; fantastica la immediata epica traduzione in lettere alle amiche di ogni sgradevole contrattempo da parte della signora bene. Ogni personaggio è fatto di carne e sangue.
    Pubblicato nel 1947 e traduzione italiana del 1948, vorrei sapere chi oggi chiama "Fìgnolo" o "gavocciolo" un brufolo - ho consultato lo zingarelli-, senza parlare di birra alla chiavetta o di "ombreggiatura per gli occhi"

    dit le 

  • 5

    Steinbeck non mi delude veramente mai.
    Questo suo romanzo è un pò più leggero rispetto agli altri, se così si può dire; però anche qui vengono fuori le bassezze e le debolezze umane pur in un'atmosfer ...continuer

    Steinbeck non mi delude veramente mai.
    Questo suo romanzo è un pò più leggero rispetto agli altri, se così si può dire; però anche qui vengono fuori le bassezze e le debolezze umane pur in un'atmosfera più ironica e meno cupa. La descrizione psicologica e il tratteggio dei vari personaggi, una combriccola eterogenea e a dir poco strampalata, è curata nei minimi dettagli e ben si sposa con il paesaggio circostante e l'infuriare degli elementi atmosferici.

    dit le 

  • 5

    Uno Steinbeck è sempre stravagante

    Dovendo votare uno Steinbeck mi chiedo come idee così apparentemente povere possano tramutarsi in romanzi e, soprattutto, come riescano essi a farmi rimanere incollato alle pagine per arrivare ad una ...continuer

    Dovendo votare uno Steinbeck mi chiedo come idee così apparentemente povere possano tramutarsi in romanzi e, soprattutto, come riescano essi a farmi rimanere incollato alle pagine per arrivare ad una fine che, ben so, non ci sarà mai.
    Me lo sono chiesto ad ogni Steinbeck e la risposta è sempre stata la stessa: "E' uno Steinbeck. Si legge da solo."
    Continuerò a leggerne altri, fino all'ultimo, ma potrei recensirli anche ora.

    dit le 

  • 4

    Personajes perdidos y atrapados en el desaliento; en los que tan solo priman los instintos más primarios.
    De como los sueños y anhelos pueden quedar completamente sepultados bajo esa tierra california ...continuer

    Personajes perdidos y atrapados en el desaliento; en los que tan solo priman los instintos más primarios.
    De como los sueños y anhelos pueden quedar completamente sepultados bajo esa tierra californiana que prometía ser un destino feliz y dorado.
    Bastante entretenida.

    dit le 

  • 4

    E tu da cosa vuoi fuggire?

    Da una famiglia ingombrante, un lavoro noioso, una moglie stupida; dalla verginità, da un corpo che ti è stato dato ma che non ti piace; da una nazione di cui non ti senti parte, una vita che non avre ...continuer

    Da una famiglia ingombrante, un lavoro noioso, una moglie stupida; dalla verginità, da un corpo che ti è stato dato ma che non ti piace; da una nazione di cui non ti senti parte, una vita che non avresti voluto vivere, i soliti discorsi detti dalle solite persone. A tutti noi che almeno una volta nella vita abbiamo desiderato fuggire da tutto e da tutti per poi trovarci sempre comunque al punto di partenza è dedicato questo libro divertente amaro vero.

    dit le