Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Les Raisins de la colère

By

Editeur: Gallimard

4.5
(4129)

Language:Français | Number of pages: 640 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) English , Chi traditional , Spanish , Italian , German , Swedish , Portuguese , Dutch , Norwegian , Turkish , Czech

Isbn-10: 2070360830 | Isbn-13: 9782070360833 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Paperback

Category: Fiction & Literature , History , Social Science

Aimez-vous Les Raisins de la colère ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    3

    Un ragazzo Tom esce di prigione torna a casa sua e trova i suoi parenti e il suo vicinato che stanno partendo . Vanno verso la California perche' non c'e' piu' la terra per coltivare , i latifondisti ...continuer

    Un ragazzo Tom esce di prigione torna a casa sua e trova i suoi parenti e il suo vicinato che stanno partendo . Vanno verso la California perche' non c'e' piu' la terra per coltivare , i latifondisti hanno sostituito il raccolto con i campi di cotone . Partono quindi verso la California dove il lavoro sembra essere un sogno anche li , un miraggio , lavoretti sottopagati in condizioni di schiavitu' . Alla fine trovano lavoro in un campo di cotone come ultima spiaggia ma le piogge fanno allagare tutto e loro sono costretti a ripartire tornando alla miseria e il sogno di garantirsi un futuro migliore svanisce dall amaro destino .

    dit le 

  • 4

    Consigliato!!

    Il commento finale è senza dubbio positivo; mi è piaciuto molto lo stile narrativo dello scrittore, la sua capacità descrittiva di trascinarti in questo viaggio di massacri e speranze.

    Non so però se ...continuer

    Il commento finale è senza dubbio positivo; mi è piaciuto molto lo stile narrativo dello scrittore, la sua capacità descrittiva di trascinarti in questo viaggio di massacri e speranze.

    Non so però se dare un 5 stelle pieno, perchè non mi è piaciuto il finale e soprattutto nessuno dei personaggi mi ha colpito in maniera cosi netta...nessuno ha saputo darmi delle emozioni particolari.

    Ha vinto la storia in sè, il viaggio, i contorni, il popolo nel suo insieme, ma non i protagonisti del romanzo.

    Ha vinto il "furore", appunto!!!

    dit le 

  • 5

    Non dimenticherò presto questo furgone che arranca pesante, stremato come se fosse un essere vivente, che sbuffa, borbotta e trasporta un'intera famiglia alla ricerca di una vita nuova, di un po' di s ...continuer

    Non dimenticherò presto questo furgone che arranca pesante, stremato come se fosse un essere vivente, che sbuffa, borbotta e trasporta un'intera famiglia alla ricerca di una vita nuova, di un po' di speranza. Il romanzo è attuale ed estremamente scorrevole, un capitolo tira l'altro. Le descrizioni sono numerose ma talmente realistiche che sembrano delle fotografie. Ogni azione è raccontata con meticolosità, con calma, a volte anche con delle ripetizioni, ma in questo modo il contesto si palesa davanti ai nostri occhi e non si può non percepire la polvere, il caldo rovente, il sapore gustoso della carne, lo sfrigolio del cibo sul fuoco, il grasso che cola, il sudore sulla fronte. Veramente delle istantanee memorabili. Non c'è fretta nella narrazione, anzi, e questo permette di delineare tutto nella nostra mente. Il finale è meraviglioso, si tocca il fondo, la disperazione è tanta ma non vi è rassegnazione, solo l'ennesimo barlume di speranza. Romanzo sulla depressione, drammatico e tragico ma con una morale positiva e umano come pochi altri.

    dit le 

  • 5

    Il furore che scaccia la crisi

    Sembra che i leghisti abbiano preso le frasi di questo libro sugli Okies quando parlano di immigrazione.. ma il libro non é solo questo, si vede, palpabile, nel disastro della crisi del 29 la voglia d ...continuer

    Sembra che i leghisti abbiano preso le frasi di questo libro sugli Okies quando parlano di immigrazione.. ma il libro non é solo questo, si vede, palpabile, nel disastro della crisi del 29 la voglia di riscatto, di riprendersi, di Furore che tanto serve ai cittadini europei sommersi dalla nostra crisi...affascinante la traversata sulla route 66.

    dit le 

  • 5

    Imperdibile

    Moderno nello stile e nei temi, potente nel rievocare luoghi e stati d'animo, diretto e concreto come solo la migliore narrativa americana sa essere: un capolavoro assoluto, tra le mie letture più bel ...continuer

    Moderno nello stile e nei temi, potente nel rievocare luoghi e stati d'animo, diretto e concreto come solo la migliore narrativa americana sa essere: un capolavoro assoluto, tra le mie letture più belle di sempre.

    dit le 

  • 4

    Quando un romanzo rimane impresso in immagini che ritrovi ogni volta che ripensi a ciò che hai letto, quando i luoghi e i personaggi che ti vengono narrati sono così vividi che è come se li avessi sem ...continuer

    Quando un romanzo rimane impresso in immagini che ritrovi ogni volta che ripensi a ciò che hai letto, quando i luoghi e i personaggi che ti vengono narrati sono così vividi che è come se li avessi sempre conosciuti, quando i campi di mais bruciati dal sole rimandano una luce accecante e i personaggi sono vividi e presenti allora non c'è più molto da dire; un grande classico, una storia che appena ricorderai il titolo ti apparirà con chiarezza e chi, riesce con abile maestria e grandezza d'intenti a fare ciò,vuol dire davvero che è un grande scrittore.

    dit le 

  • 0

    Incipit

    Sulle terre rosse e su una parte delle terre grigie dell’Oklahoma le ultime piogge furono leggere, e non lasciarono traccia sui terreni arati.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/f/furo ...continuer

    Sulle terre rosse e su una parte delle terre grigie dell’Oklahoma le ultime piogge furono leggere, e non lasciarono traccia sui terreni arati.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/f/furore-john-steinbeck/

    dit le 

  • 4

    Il Germinale degli anni 90

    Romanzo-manifesto di un capitolo, un altro, vergognoso della storia Usa. riesce a farti toccare con mano-e non solo- una realtà che avevi letto solo sui libri di economia politica.

    dit le 

Sorting by
Sorting by