Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Les enfants de Húrin

By

Editeur: Christian Bourgois Editeur

3.8
(2004)

Language:Français | Number of pages: 297 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , Czech , Italian , Dutch , Catalan , Chi traditional , Polish , Greek , Slovenian , Portuguese , Norwegian , Russian

Isbn-10: 2267019655 | Isbn-13: 9782267019650 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Paperback

Category: Fiction & Literature , Romance , Science Fiction & Fantasy

Aimez-vous Les enfants de Húrin ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 5

    La "Terra di Mezzo" dei tempi antichi e potenti.

    L'immortale Tolkien è il padre della letteratura Fantasy. Gettando le basi con "Il Signore degli Anelli", gli scritti Tolkeniani sono di riferimento per ogni autore che si appresta ad avventurarsi nel genere. Epiche leggende, terre straordinarie e popolazioni descritte nei minimi particolari da s ...continuer

    L'immortale Tolkien è il padre della letteratura Fantasy. Gettando le basi con "Il Signore degli Anelli", gli scritti Tolkeniani sono di riferimento per ogni autore che si appresta ad avventurarsi nel genere. Epiche leggende, terre straordinarie e popolazioni descritte nei minimi particolari da sembrare autentiche. Alcuni scritti del padre di Arda sono rimasti incompiuti, e, alla sua morte, è il figlio Christopher a occuparsi delle vicende della Terra di Mezzo. Ed è proprio fra gli appunti e i romanzi lasciati a metà, che emerge "I figli di Hùrin".

    Siamo in un'epoca buia, antecedente alle questioni di Frodo, Sauron, Aragorn e l'Unico Anello. Siamo nei secoli del predominio del male, dei Valar immortali, e del più potente di tutti, Morgoth. Ai tempi degli elfi, guerrieri leggendari, e dei primi uomini, seguiremo le vicende di Turin e Nienor Turambar. Hùrin, padre di Turin, ha osato sfidare il potere del malvagio Valar. Insolenza che gli è costata cara, così che Hùrin è prigioniero di Morgoth, che scaglia sulla sua famiglia una potente maledizione. Il destino della famiglia Turambar è ora funesto, e decaduto. Qualsiasi desiderio di rivincita sul proprio destino, da parte di Turin, sarà vano. La sua vita è destinata a cadere in disgrazia, se non che Turin è forte d'animo, e per la sua intera vita non si darà mai per vinto, superando ogni avveristà e ogni oscuro ostacolo che gli si pone dinnanzi. Fino allo scontro con il drago Glaurung.

    Nelle opere precedenti siamo difronte a terre che combattono per la propria indipendenza, minacciata da malvagi despoti e conquistatori, ma qui siamo in una situazione differente. La Terra di Mezzo è vinta, e Morgoth domina incontrastato. Il mondo brulica di Orchi e creature partorite dalla malvagità del potente Valar. Gli Elfi e gli Uomini si nascondono i rifugi sicuri e segreti, e i potenti guerrieri ora altro non sono che mercenari vagabondi per le lande desolate. Un romanzo dai toni dark e oscuri questo, che vedrà i protagonisti affrontare vicende spiacevoli, gravati dal peso della loro maledizione, onnipresente nelle pagine del libro.
    L'eroe però, nasce proprio dalle gesta del nemico, come i migliori antagonisti dei despoti. E' difatti Morgoth che, scagliando la maledizione sui Turambar, renderà Turin determinato e dalla tempra possente, l'unico in grado di levarsi contro di lui, l'unico in grado di sfidare la potenza di Glaurung.

    dit le 

  • 5

    Semplicemente Tolkien

    Mi ha affascinata e appassionata quanto la stessa trilogia, perchè ogni opera di Tolkien è importante e meravigliosa esattamente allo stesso modo.

    dit le 

  • 4

    Uno dei miei libri preferiti di questo immortale autore. Nella sua tragicità, una storia piena di epos e di grandezza. Molto interessanti i corposi riferimenti edipici.
    Immancabile nella libreria di chiunque ami Tolkien

    dit le 

  • 4

    il libro qui proposto da tolkien non è altro che un poema epico dai risvolti assai tragici, scritto sicuramente con stile, anche se a tratti l'ho trovato un po pesante, ma sicuramente la voglia di continuare a leggere la sorte toccata ai figli di hurin è forte, e la fine lascia sia soddisfatti ch ...continuer

    il libro qui proposto da tolkien non è altro che un poema epico dai risvolti assai tragici, scritto sicuramente con stile, anche se a tratti l'ho trovato un po pesante, ma sicuramente la voglia di continuare a leggere la sorte toccata ai figli di hurin è forte, e la fine lascia sia soddisfatti che tristi! sicuramente un libro che consiglio a chi ama tolkien e il mondo magico che ha creato, ma lo consiglio anche a chi ama il fantasy o i racconti cavallereschi ;)

    dit le 

  • 5

    "Utulie 'n aure! Aiya Eldalië ar Atanatarni, Utulie 'n Aure!" "Auta i lome" ... "Aurë Entuluva" ...

    Molto bello e anche triste e non come mi avevano detto tutti nomi di discendenze, anche se il protagonista, Turin figlio di Hùrin, ha l' abitudine di prendere un nome per ogni posto in cui va. Triste lo è veramente solo all' inizio, un po' in mezzo e soprattutto alla fine, e racconta l' odissea e ...continuer

    Molto bello e anche triste e non come mi avevano detto tutti nomi di discendenze, anche se il protagonista, Turin figlio di Hùrin, ha l' abitudine di prendere un nome per ogni posto in cui va. Triste lo è veramente solo all' inizio, un po' in mezzo e soprattutto alla fine, e racconta l' odissea e le avventure e disavventure di Turin, ma anche le battaglie della Prima Era e quelle sue, cosa che lo rende un libro molto d'azione e a volte anche un po' epico.

    dit le 

  • 4

    *Tolkien non si recensisce.. Si legge :D*


    Il primo pensiero quando ho finito il libro è andato a Peter Jackson.. Mi sono fatta un film mentale incredibile su quale capolavoro egli sarebbe in grado di tirare fuori da questa grande opera.. Già mi vedo al cinema a rivivere su pellicola le mil ...continuer

    *Tolkien non si recensisce.. Si legge :D*

    Il primo pensiero quando ho finito il libro è andato a Peter Jackson.. Mi sono fatta un film mentale incredibile su quale capolavoro egli sarebbe in grado di tirare fuori da questa grande opera.. Già mi vedo al cinema a rivivere su pellicola le mille emozioni che il libro - seppur parecchio breve, anche considerando LOTR (ma in fondo chi non è breve se paragonato a questa meraviglia? :D) - ha saputo trasmettermi! Spero davvero che una volta finito di girare Lo Hobbit, una meritata vacanza in spiaggia a bere latte di cocco e magari un progetto cinematografico extra Peter Jackson si dedichi a "The children of Hùrin".. Anche come modo per riportare in auge Tolkien, mica no! :D
    Detto ciò, ora non ricordo se a suo tempo avevo affrontato meglio la cosa e oggi l'ho rimossa o se non era presente (mmm.. Dubbi).. Ma... Vogliamo parlare dei 192384782892734871238391726743 miliardi di nomi che Tolkien è capace di sparare in una singola pagina?! O.O
    Io a volte fatico a ricordare il mio, di nome.. Figuriamoci quelli di intere stirpi che sono pure molto simili tra loro.. Ammetto che è stato un grande handicap e che ho consultato in modo spasmodico le genealogie nell'appendice perché ogni volta era un enorme buco nero.. XD

    La fantasia di quest'uomo.. Ne avessi un quarto, mi riterrei soddisfattissima!
    *Stima e amore*

    dit le 

  • 4

    La trama ci fa vivere eventi accaduti nelle Ere precedenti alle vicende de Il Signore degli Anelli. Un romanzo denso di emozioni e di avventure che fanno sognare. Il finale però è parecchio triste, ma ciò non guasta la struttura complessiva della storia.

    dit le 

  • 5

    I figli di Hurin

    Turin,figlio di Hurin deve combattere il suo stesso destino,su cui grava una maledizione lanciata da Morgoth,il futuro Sauron.La sua vita é piena i avventura,ma anche di sofferenze continue.Da padrone di una terra diverrá figlio adottivo di un re elfo e,in seguito,sará un bandito.Finirá i suoi gi ...continuer

    Turin,figlio di Hurin deve combattere il suo stesso destino,su cui grava una maledizione lanciata da Morgoth,il futuro Sauron.La sua vita é piena i avventura,ma anche di sofferenze continue.Da padrone di una terra diverrá figlio adottivo di un re elfo e,in seguito,sará un bandito.Finirá i suoi giorni come eroe e signori di umini.Suo padre intanto,liberato da Monogroth,recatosi nel luogo in cui era sepolto il figlio assiste alla morte di sua moglie,tra le sue braccia.

    dit le 

  • 4

    Fantasy noir

    La domanda sorge spontanea, è veramente un’opera di Tolkien questa? Così si intraprende la lettura. La Terra di Mezzo, quella della prima era c’è tutta e combacia, d’altronde è sempre stato il figlio dell’autore a disegnargli le cartine topografiche. Pertinenti sono pure i regni, i popoli, i pers ...continuer

    La domanda sorge spontanea, è veramente un’opera di Tolkien questa? Così si intraprende la lettura. La Terra di Mezzo, quella della prima era c’è tutta e combacia, d’altronde è sempre stato il figlio dell’autore a disegnargli le cartine topografiche. Pertinenti sono pure i regni, i popoli, i personaggi più importanti, già citati in appendice in altre opere del maestro. Certamente esistevano appunti, delle bozze, embrioni mai nati di romanzi che Tolkien aveva in mente, ma il punto è, quanto sono esaustivi e completi questi appunti, per poter pubblicare un romanzo postumo con il nome dell’autore? Questi quesiti nascono dalle seguenti osservazioni che ho potuto fare leggendo questo romanzo. Il protagonista Turin, è anomalo rispetto ai precedenti personaggi Tolkeniani, di solito ben distinti tra luce e buio, egli è ombra, non è l’eroe epico cavalleresco senza macchia guidato dall’onore, Turin è piuttosto un eroe romantico ma allo stesso tempo nichilista, orgoglioso e arrogante, votato alla distruzione di se e di chi lo circonda. Altra cosa che lascia perplessi è la prosa inconsueta per Tolkien, troppo fluida, manca la forma epica, la poesia, la magia peculiare dell’autore di saper dar vita agli scenari, la parola calda a tratti barocca che ci avvolgeva nel suo mondo come una lingua antica e perduta. Ma la cosa inedita, e forse che più lascia basiti, è la visione pessimistica del futuro, la mancanza della fiducia nell’animo umano, delle alleanze del bene e della luce contro la tenebra, insomma manca la speranza che era prerogativa del messaggio Tolkeniano. Diciamo che se mi fossi chiamato Tolkien figlio o Tolkien nipote, probabilmente avrei fatto anch’io un operazione simile, partendo dalle ruote si può pur sempre costruire una macchina, se poi c’ho pure una bella targhetta “Ferrari”, sicuramente la venderò meglio. Attenzione però! Perché comunque la macchina non è male, non è una Ferrari, ma si lascia guidare bene, non farà sussultare nel sedile, ma fa scorrere lieti momenti!

    dit le 

Sorting by
Sorting by