Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Les tours de Barchester

By Anthony Trollope

(0)

| Others | 9782213027685

Like Les tours de Barchester ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

30 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Finisce che ti affezioni e con l'ultima pagina ti consoli che la storia continua negli altri volumi!

    Is this helpful?

    BetaFi said on Jan 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ma quanto sono interessanti queste persone sconvenienti!

    Fino ad ora è il romanzo di Trollope che mi è piaciuto di più. Soprattutto per la presenza di personaggi che vanno fuori dagli schemi vittoriani, rappresentata soprattutto dalla famiglia Stanhope. In particolare i due figli minori di questa famiglia ...(continue)

    Fino ad ora è il romanzo di Trollope che mi è piaciuto di più. Soprattutto per la presenza di personaggi che vanno fuori dagli schemi vittoriani, rappresentata soprattutto dalla famiglia Stanhope. In particolare i due figli minori di questa famiglia la seduttrice Madleine e il fratello Bertie sono personaggi che rompono gli schemi di ipocrisia e di belle maniere e che ci conquistano con la loro(cinica) sincerità, con il loro “non nascondere” i loro lati oscuri. Personaggi egoisti ma non volutamente “cattivi”, essi non hanno paura di vivere la vita come vogliono prendendosi accettando anche il peso delle loro scelte. E così Madleine sopporta con stoicismo la sua infermità causatale da un infelice matrimonio dettatole solo dalla sua passione amorosa mentre Barthie è pronto a sopportare la povertà pur di non piegarsi alla mediocre vita che gli offrirebbe un matrimonio di convenienza. E le “disgrazie” di questa famiglia vengono da loro accettate senza malumori o recriminazione, una sorta di dignità degna di maggior rispetto della tipica dignità vittoriana legata solo alla classe sociale o al pudore.
    Ma la famiglia Stanhope non è l’unico elemento di anticonformismo del romanzo. Ci conquista anche Eleanor con la sua indipendenza e il suo voler tener testa a chi la vuole ingabbiare nel mero ruolo di “aspirante consorte”. Peccato però che alla fine si fa mettere in gabbia ma l’epoca vittoriana così voleva le sue eroine e a Trollope va il merito di fare alzare loro la testa più di una volta.

    Is this helpful?

    Ottocentesca said on Jan 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Anche il secondo capitolo della "Barchester saga" mi è piaciuto molto!^^ Mi chiedo perchè avessi timore di Trollope: forse era l'impianto "giudiziario" delle sue trame (che ruotano sempre intorno a contese legali) a non convincermi, ma alla fine la v ...(continue)

    Anche il secondo capitolo della "Barchester saga" mi è piaciuto molto!^^ Mi chiedo perchè avessi timore di Trollope: forse era l'impianto "giudiziario" delle sue trame (che ruotano sempre intorno a contese legali) a non convincermi, ma alla fine la vicenda legale è solo l'inizio di una trama divertente dagli echi austeniani che mi ha davvero coinvolta, nonostante la prolissità un po' eccessiva di questo secondo volume. Il premio di personaggio preferito va sicuramente alla signora Proudie, il "vero Vescovo" di Barchester: ogni sua apparizione (soprattutto se insieme al marito! xD) è divertimento garantito xD

    Is this helpful?

    Angiemela said on Jan 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quando l'ironia si fa morale. Un pregevole romanzo vittoriano di Anthony Trollope

    Questo romanzo di Trollope, pubblicato a Londra nel 1857, è il secondo del ciclo dei romanzi di Barset (il primo, sempre pubblicato da Sellerio, è "L'amministratore"). Dopo la morte del vescovo Grantly, i notabili locali sperano che gli succeda il fi ...(continue)

    Questo romanzo di Trollope, pubblicato a Londra nel 1857, è il secondo del ciclo dei romanzi di Barset (il primo, sempre pubblicato da Sellerio, è "L'amministratore"). Dopo la morte del vescovo Grantly, i notabili locali sperano che gli succeda il figlio, l'arcidiacono Grantly, ma inopinatamente da Londra viene nominato il debole e limitato dottor Proudie, che giunge accompagnato dalla moglie, l'imponente e dominatrice signora Proudie, e dall'intrigante segretario Slope, ai primi passi nella carriera ecclesiastica. Da qui in poi si dipaneranno una serie di eventi, narrati con lo stile abituale e scanzonato di Trollope, spesso intervallato da gustose pause in cui l'autore si rivolge direttamente e confidenzialmente ai lettori. L'ironia è bilanciata con il classico "patetismo" vittoriano, ma la bilancia pende assai di più verso il lazzo e verso la morale "laica" (senza mai decadere nell'umorismo volgare o, peggio ancora, nel moralismo spicciolo). Ci sono episodi e brani che resteranno ben impressi nella memoria dei lettori e che susciteranno ben più di un sorriso "riflessivo", ad esempio quando Trollope, in una pagina da antologia dichiara che "non esiste attualmente sofferenza maggiore, nei paesi civilizzati e liberi, della necessità di ascoltare sermoni", parole seguite poi dalla descrizione di una di queste "torture" che, come in altre parti del libro, non fanno rimpiangere il Dickens del "Pickwick". Questo è un romanzo in cui lo stile vittoriano è coniugato al meglio e dove i personaggi continuano (e continueranno) a condurre un'esistenza non turbata dalle grandi trasformazioni sociali che avvengono loro intorno. Un'opera di "costume" che ritrae garbatamente, ma senza illusioni, modi di vita conservatori, dove le lotte intestine adombrano in toni sfocati il travaglio politico della capitale. Molti personaggi di questo libro torneranno nei successivi romanzi: il più popolare è senz'altro quello della simpaticamente detestabile signora Proudie, il cui insopportabile carattere ne ha fatto il più famoso prototipo vittoriano della moglie-padrona. Voto finale 8,5

    Is this helpful?

    CarmelaMatano said on Dec 4, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book