Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lete

Arte e critica dell'oblio

Di

Editore: Il Mulino

4.1
(15)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 336 | Formato: Altri

Isbn-10: 8815068902 | Isbn-13: 9788815068903 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: F. Rigotti

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Art, Architecture & Photography , Fiction & Literature

Ti piace Lete?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il tema del dimenticare e del suo contrario è più che mai un tema d'attualità in una civiltà smemorata e pur avida di memoria come la nostra. La storia degli individui come delle società procede in un intreccio di memoria e oblio dove l'una non sta senza l'altro. Ma se la memoria è oggetto di riflessioni e studi, lo stesso non può dirsi dell'oblio. Con questo libro Weinrich ha inteso presentare una storia culturale dell'oblio, un'ambiziosa panoramica dall'alba della civiltà, ai giorni nostri.
Ordina per
  • 5

    Da leggere e, soprattutto, rileggere

    Molto interessante, rigoroso (tedesco) e sviluppato cronologicamente e pieno di citazioni letterarie molto stimolanti.
    Fa ben comprendere l'importanza del "dimenticare" piuttosto che del "ricordare", quindi in qualche modo è persino consolatorio, se letto ad una certa età...
    A parte l ...continua

    Molto interessante, rigoroso (tedesco) e sviluppato cronologicamente e pieno di citazioni letterarie molto stimolanti.
    Fa ben comprendere l'importanza del "dimenticare" piuttosto che del "ricordare", quindi in qualche modo è persino consolatorio, se letto ad una certa età...
    A parte l'ironia, è quello che definirei un libro "seminale", che mette voglia di approfondire e leggere altri contributi.
    Si legge bene perchè erudito senza essere pedante. Certamente si tratta di un libro impegnativo.
    L'ho letto prendendolo in prestito in biblioteca, poi me lo sono comprato perchè merita delle riletture.

    ha scritto il