Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Lettere a Theo

By Vincent Van Gogh

(328)

| Paperback | 9788877461926

Like Lettere a Theo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"Caro Theo": per molto tempo, dall'agosto 1872 fino al 27 luglio 1890, duegiorni prima di morire dopo essersi sparato un colpo di rivoltella, VincentVan Gogh scrisse al fratello Theo con una costanza che trova il solo terminedi paragone nel Continue

"Caro Theo": per molto tempo, dall'agosto 1872 fino al 27 luglio 1890, duegiorni prima di morire dopo essersi sparato un colpo di rivoltella, VincentVan Gogh scrisse al fratello Theo con una costanza che trova il solo terminedi paragone nell'amore che egli nutriva per lui. Per molto tempo Theo fu ilsuo unico interlocutore; sempre fu quello privilegiato, il solo cui confidò lepene della mente e del cuore. Del resto, le lettere a Theo (qui presentate inuna scelta che riprende, con qualche variante, la versione integrale apparsain Italia nel 1959) costituiscono la gran parte dell'epistolario vangoghiano.Dalla giovinezza alla piena maturità, esse ci permettono di seguire, quasiquotidianamente, la vicenda artistica e umana del grande pittore.

36 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    “Io penso di vedere qualcosa di più profondo, più infinito, più eterno dell'oceano nell'espressione degli occhi di un bambino piccolo quando si sveglia alla mattina e mormora o ride perché vede il sole splendere sulla sua culla.”
    Vincent

    Is this helpful?

    Capitan Sparrow said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Adoro entrare nelle vite private dei miei miti.... E quale modo migliore di farlo se non leggendo le loro lettere....?
    Commovente!

    Is this helpful?

    Ljuba said on Jun 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ancora oggi lettere di straziante bellezza, soprattutto quelle che riguardano le sue storie d'amore in mille pezzi.

    "Dichiaro di non sapere assolutamente nulla, ma la vista delle stelle mi fa sempre sognare, come pure mi fanno pensare i puntini ner ...(continue)

    Ancora oggi lettere di straziante bellezza, soprattutto quelle che riguardano le sue storie d'amore in mille pezzi.

    "Dichiaro di non sapere assolutamente nulla, ma la vista delle stelle mi fa sempre sognare, come pure mi fanno pensare i puntini neri che rappresentano sulle carte geografiche città e villaggi. Perché, mi dico, i punti luminosi del firmamento ci dovrebbero essere meno accessibili dei punti neri della carta di Francia? Se prendiamo il treno per andare a Tarascon oppure a Rouen, possiamo prendere la morte per andare in una stella. Ciò che però non è esatto, in questo ragionamento, è che essendo in vita non possiamo arrivare in una stella, non più di quanto, essendo morti possiamo prendere il treno".

    Is this helpful?

    Domenico Fina said on May 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Circa vent'anni di corrispondenza, mille pensieri e preoccupazioni quotidiane, riflessioni letterarie e di vita, una passione al limite dell'ossessione per l'arte, un amore ed una gratitudine costanti verso il mondo, il desiderio di esprimere al meg ...(continue)

    Circa vent'anni di corrispondenza, mille pensieri e preoccupazioni quotidiane, riflessioni letterarie e di vita, una passione al limite dell'ossessione per l'arte, un amore ed una gratitudine costanti verso il mondo, il desiderio di esprimere al meglio ciò che lui vede e come lui lo vede, un affetto incommensurabile nei riguardi del fratello Theo, sono gli elementi che caratterizzano questa bellissima raccolta di lettere scritte da Vincent Van Gogh.

    Is this helpful?

    Paola C. said on Nov 20, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo e affascinante, i quadri di van Gogh mi sono sempre piaciuti e questo libro è stato un arricchimento.
    Non ha senso separare van Gogh uomo dall’artista: l’uomo che cerca l’empatia, il rispetto, l’amore per la vita e perciò rifiuta le conven ...(continue)

    Bellissimo e affascinante, i quadri di van Gogh mi sono sempre piaciuti e questo libro è stato un arricchimento.
    Non ha senso separare van Gogh uomo dall’artista: l’uomo che cerca l’empatia, il rispetto, l’amore per la vita e perciò rifiuta le convenzioni sociali e le ipocrisie, è l’artista che cerca di rappresentare l’essenza di un paesaggio o di un contadino attraverso il suo sentimento, che per comprendere la realtà cerca di sentirla nella pelle esprimendola liberamente da qualsiasi concetto, astrazione o regola di rappresentazione, assolutamente pura, così com’è, in un’intensa concentrazione di colore.
    È amore per la vita in fondo: non si proietta in un altro mondo, nella metafisica, ma nelle sue opere si immerge profondamente nella realtà, vuole vivere pienamente la vita, cioè viverla pura, fino in fondo, basandosi sulla nuda realtà e sulla propria coscienza, su sentimenti autentici, non su codici prescritti. Quando qualcuno sceglie la strada della propria coscienza, della conoscenza della realtà, delle sensazioni è perché prova amore per la vita. Van Gogh poi, di animo molto più sensibile ed eccitabile della media, ha sentito con dolore la difficoltà di fare quello che voleva, ad esempio per l’opposizione della società. Con una sensibilità così forte per vedere, un tale sentimento, un senso del dovere e della coscienza così intenso che una scelta non può essere solo svolta bene, ma deve essere portata fino in fondo, fino all’estremo bianco o nero se si vuole arrivare fino alla nuda verità, il proposito di una vita onesta, vera, degna di essere vissuta non può essere semplicemente sentito come qualcosa di normale e di scontato. Diventa un impegno etico, e risolverlo è lavoro: la continua ricerca che si fa giorno per giorno per costruire qualcosa di solido e concreto, che possa essere qualcosa di buono nel mondo; senza scendere a compromessi, devi lottare e non arrenderti, perché devi raggiungere la verità assoluta, e per farlo devi sentirla. Per fare il sole vero, la luce pura che ti batte sulla pelle senza mediazione, proprio energia concentrata per fartela vedere e capire tutta, devi farlo così intenso che l’osservatore possa sentirlo, deve bruciarlo, ma affinché sia vero deve bruciare te per davvero, affinché tu scottato possa riversare nel colore il dolore fisico del raggio che ti infiamma e ti penetra dentro fino a colpirti pure l’anima, e allora quel sole diventa veramente Il sole che brucia.
    Bellissime lettere, van Gogh che parla della sua vita, delle sue idee e dell’arte alla persona a lui più cara.

    Is this helpful?

    Ludovica said on Oct 19, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Van Gogh non era semplicemente un artista. Era egli stesso un'opera d'arte compiutasi nella maniera più solitaria, forte e struggente che potesse esistere.
    Se davvero c'è quel Dio in cui lui ha sempre sperato, Vincent Van Gogh è nient'altro che la pe ...(continue)

    Van Gogh non era semplicemente un artista. Era egli stesso un'opera d'arte compiutasi nella maniera più solitaria, forte e struggente che potesse esistere.
    Se davvero c'è quel Dio in cui lui ha sempre sperato, Vincent Van Gogh è nient'altro che la pennellata più colorata e prepotente della sua tela.

    Is this helpful?

    Omnia said on Sep 16, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (328)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 366 Pages
  • ISBN-10: 8877461926
  • ISBN-13: 9788877461926
  • Publisher: Guanda
  • Publish date: 1990-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Others
Improve_data of this book

Collection with this book

Margin notes of this book