In questo libro sono raccolti due gruppi di lettere senza risposta, che dialogano da lontano in modo obliquo e inatteso: le lettere d’amore inedite indirizzate da Giorgio Manganelli a Viola Papetti; e quelle che Maria Corti, la grande italianista, ch ...Continua
Monia
Ha scritto il 06/09/16

La sufficienza se la meritano solo le 14 lettere di Manganelli, il resto è puro esercizio di autocompiacimento, ciarliero e in malafede. È un libro furbo e io dei furbi ne ho le tasche piene.

...
Ha scritto il 23/03/16
"Ho passato giorni istoriati di solitudine, di assenza; ora leggo il precipitoso riaffiorare di segni densi, intricati, allusivi e fitti. Sono i segni, gli ierogrammi con cui, lentamente, colmo il bianco della tua assenza coi primi indizi del tuo rit...Continua
Francesco Platini
Ha scritto il 06/02/16
…al primo apparire della giovane coppia Manganelli-Merini che saliva per le scale, pensò che fosse Giorgio ad avere urgente bisogno di uno psicoanalista. (Viola Papetti racconta la prima impressione di Maria Corti su Manganelli) Il Manga non dava cer...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi