Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lezioni di tenebra

Di

Editore: Instar Libri

3.7
(245)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 359 | Formato: eBook

Isbn-10: 8846101499 | Isbn-13: 9788846101495 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati , Paperback

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Lezioni di tenebra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
È una gran brutta serata per il commisario Mordenti: si sente male al ristorante e poche ore dopo una donna con il volto coperto da un foulard di seta irrompe con violenza nella sua vita.
Per il poliziotto e i suoi italiens è l'inizio di una caccia senza quartiere: l'assassina lascia dietro di sé una scia di cadaveri e firma le esecuzioni con le corde dello Shibari, una legatura erotica giapponese. Mentre un insano desiderio di vendetta cresce dentro di lui, Mordenti si butta all'inseguimento affiancato come sempre dal fido Servandoni, dai suoi sbirri anarchici e, per l'occasione, dal tenente Maëlis Deslandes, affascinante poliziotta che cerca di tenere a freno la tenebra che attanaglia il commissario.
Da Parigi a Torino, trascinati da un'indagine che si addentra nel mondo dell'arte, Mordenti e Deslandes si fanno strada tra collezionisti e falsari, determinati a non lasciarsi sfuggire la donna del mistero.
Ordina per
  • 4

    Della serie di tre è quello che ho preferito. La storia ambientata tra Parigi e Torino vede entrare in campo anche il commissiario Bosvades, protagonista di storie successive di Pandiani

    ha scritto il 

  • 5

    Bravo Pandia'!

    Complimenti per davvero, bella tutta la trilogia. Storia scorrevole, avvincente, con qualche picco verso l'inverosimile, ma si sa alcune volte non si può resistere e devo dire che nel caso di ...continua

    Complimenti per davvero, bella tutta la trilogia. Storia scorrevole, avvincente, con qualche picco verso l'inverosimile, ma si sa alcune volte non si può resistere e devo dire che nel caso di Pandiani gli si perdona facilmente qualche caduta di stile, perchè il livello è alto. Lo stile, la scittura, ne vogliamo parlare? E parliamone: Pandiani tu scivi come piace a me! Scrivi come pensi, come pensano tutte le teste, chiami gli oggetti "coso" ed è favoloso, perchè dà naturalezza allo stile, alla storia ed una certa familiarità al tutto. Il commissario Mordenti come personaggio è un capolavoro, lo è perchè è umano ed anche di più, con tutti i sui problemi relazionali, con la cattiva gestione dei sentimenti e lo smarrimento e la negazione di qualsivoglia emozione, è favolosamente e realisticamente imperfetto, con un lato oscuro che, a confronto, un buco nero sembrerebbe brillare di luce. Gli altri personaggi, fanno comunque la loro figura, sempre. Mi sei piaciuto, e non poco.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Ho l'impressione che Pandiani stia esagerando un tantinello con gli escamotage per procurare sventole a Mordenti, fargli sparare davanti ai suoi occhi la fidanzata di turno mi sembra in effetti un ...continua

    Ho l'impressione che Pandiani stia esagerando un tantinello con gli escamotage per procurare sventole a Mordenti, fargli sparare davanti ai suoi occhi la fidanzata di turno mi sembra in effetti un po' crudele (che poi non sto facendo tutto 'sto spoiler visto che il fattaccio accade subito alla fine della 4° pagina. Ma forse è proprio questa incredibilità a piacermi di lui, questa esagerazione di sanguinamenti, emissioni di sperma e risate (queste ultime del lettore, le altre dei protagonisti). Troppo divertente il suo stile, di Pandiani leggerei anche il verbale di una riunione di condominio se a scriverlo è lui!

    ha scritto il 

  • 3

    Insomma ...

    ... ne esce un Mordenti sempliciotto che non ne azzecca una e che cade clamorosamente in tutte le trappole che gli preparano. Avrà bisogno di ferie.

    Una cosa buona però la fa: "Cucca" la collega ...continua

    ... ne esce un Mordenti sempliciotto che non ne azzecca una e che cade clamorosamente in tutte le trappole che gli preparano. Avrà bisogno di ferie.

    Una cosa buona però la fa: "Cucca" la collega figona ... ma poi se la fa soffiare dal commissario figone.

    Ringraziamo comunque Pandiani: alla fine del libro ci siamo fatti una discreta cultura di Prêt-à-porter. Sappiamo in ogni momento come la suddetta collega figona si presenti al lavoro: blusa écru, con gonna sopra il ginocchio, scarpe aperte con tacco basso e pistola a tracolla ...

    ha scritto il 

  • 4

    Più 3 stelle e 1/2 che 4. Si perchè ovviamente è inferiore ai primi due capitoli della saga de les italiens. Troppi momenti in cui sia Mordenti che Pandiani girano a vuoto, senza una meta. La ...continua

    Più 3 stelle e 1/2 che 4. Si perchè ovviamente è inferiore ai primi due capitoli della saga de les italiens. Troppi momenti in cui sia Mordenti che Pandiani girano a vuoto, senza una meta. La trama poi...il tema, davvero troppo abusato, non mi ha convinto. E nemmeno qualche passaggio troppo assurdo. Rimane comunque una lettura molto godibile grazie alla prosa dell'autore.

    ha scritto il 

  • 2

    Il primo libro di questo autore mi aveva intricato, ma questo è veramente al limite della leggibilità. Una storia confusa e irreale corredata da un miriade di sparatorie, morti e situazioni ...continua

    Il primo libro di questo autore mi aveva intricato, ma questo è veramente al limite della leggibilità. Una storia confusa e irreale corredata da un miriade di sparatorie, morti e situazioni rocambolesche talmente assurde e senza la minima logica, tali da poter ribaltare situazioni disperate in atti di riscossa con la massima indifferenza.

    ha scritto il 

  • 3

    Un passo indietro rispetto ai capitoli precedenti di Les Italiens. Stile sempre divertente ma Pandiani non riesce a rinnovarsi abbastanza. I personaggi sono, come nei romanzi precedenti, riusciti ma ...continua

    Un passo indietro rispetto ai capitoli precedenti di Les Italiens. Stile sempre divertente ma Pandiani non riesce a rinnovarsi abbastanza. I personaggi sono, come nei romanzi precedenti, riusciti ma risultano leggermente ripetitivi (sopratutto Mordenti, che nel suo essere playboy è ormai prevedibile e banale), la trama è contorta, poco credibile e piena di personaggi secondari, alcuni dei quali con nomi troppo simili tra loro.

    ha scritto il 

  • 4

    Pandiani mi ricorda sempre la scenda del primo film di Verdone quando il coatto descrive la scena di un incidente "schizzi de' sangue e de' cervello da pertutto un macellllo!!!" e così sono anche i ...continua

    Pandiani mi ricorda sempre la scenda del primo film di Verdone quando il coatto descrive la scena di un incidente "schizzi de' sangue e de' cervello da pertutto un macellllo!!!" e così sono anche i suoi romanzi inframezzati da queste scene che vorrebbe essere di un pulp stile Tarantino ma che rispecchiano di più un genere Verdone. Però questo stile con lo scrivere molto leggero regge e fa trascorrere momenti piacevoli al lettore, certo questa volta il movente della storia è un pò troppo tirato ma si passa anche sopra questo quando si tratta degli Italiens del commissario Mordenti.

    ha scritto il 

  • 4

    Ma si...

    Per ora Pandiani me lo leggo ancora. Sta tirando molto la corda, è arrivato al limite sia della credibilità della trama sia di quella dei personaggi. In realtà il limite l'ha superato ma gli scuso ...continua

    Per ora Pandiani me lo leggo ancora. Sta tirando molto la corda, è arrivato al limite sia della credibilità della trama sia di quella dei personaggi. In realtà il limite l'ha superato ma gli scuso l'eccesso per i due libri precedenti e perché il commissario Mordenti è simpatico. Se prosegue nella saga vedremo se saprà misurarsi o se la farà ancora più fuori dal vaso...

    ha scritto il