Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Liberi di amare

Grandi passioni omosessuali del Novecento

Di

Editore: Rizzoli

3.7
(128)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 235 | Formato: Altri

Isbn-10: 8817010375 | Isbn-13: 9788817010375 | Data di pubblicazione: 

Genere: Family, Sex & Relationships , Gay & Lesbian , History

Ti piace Liberi di amare?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il libro è una cavalcata lunga un secolo attraverso amori impetuosi, teneri,feroci, appassionati tra persone dello stesso sesso. Un inno alla libertà:libertà dalla morale corrente, dalla società puritana, dalle costrizioni edalle convenzioni. Storie d'amore indissolubilmente legate alla creativitàartistica, come dimostrano le avventure esistenziali di Federico García Lorca,Francis Bacon, Pier Paolo Pasolini, Andy Warhol, Gianni Versace, o quella diCecil Beaton, fotografo, dandy, omosessuale convinto che però si innamora,brevemente ma selvaggiamente ricambiato, di Greta Garbo, la più androginadelle dive, a sua volta legata a una donna, la sceneggiatrice Mercedes deAcosta.
Ordina per
  • 3

    Non ero convinta, poi perchè alcune vicende m'interessavano l'ho acquistato, l'amore che non osa pronunciare il suo nome e alcune delel love story più note, o su personaggi noti, dell'900, l'unico grande assente è Oscar Wilde e l'unico grande difetto è che sono troppo poche, a metà tra b ...continua

    Non ero convinta, poi perchè alcune vicende m'interessavano l'ho acquistato, l'amore che non osa pronunciare il suo nome e alcune delel love story più note, o su personaggi noti, dell'900, l'unico grande assente è Oscar Wilde e l'unico grande difetto è che sono troppo poche, a metà tra biografia e gossip

    ha scritto il 

  • 4

    LIBERI DI AMARE di Laura Laurenzi


    Il sottotitolo del volume LIBERI DI AMARE è: grandi passioni omosessuali del Novecento, diviso per capitoli dove ognuno di questi porta il nome di personaggi pubblici e degli amori che hanno avuto, amori omosessuali, così si possono trovare le storie dei p ...continua

    LIBERI DI AMARE di Laura Laurenzi

    Il sottotitolo del volume LIBERI DI AMARE è: grandi passioni omosessuali del Novecento, diviso per capitoli dove ognuno di questi porta il nome di personaggi pubblici e degli amori che hanno avuto, amori omosessuali, così si possono trovare le storie dei poeti Paul Verlaine e Arthur Rimbaud, una passione masochista, La scrittrice di “Memorie di Adriano” Marguerite Yourcenar, il poeta Federico Garcia Lorca e il pittore Salvador Dalì, l’attrice Greta Garbo, la first lady Eleonor Roosevelt, lo scrittore Pier Paolo Pasolini, il ballerino russo Rudolf Nureyev, lo stilista Gianni Versace, il cantante Elton John e il regista Pedro Almodovar. Si dipanano le loro passioni, i loro amori e la loro vita privata in queste pagine ben scritte e interessanti che rendono questi personaggi pubblici un poco più umani . Amori e passioni celate oppure esibite, cercate oppure combattute; tutti i lati dell’amore. Interessante.

    ha scritto il 

  • 3

    Più che storie di "grandi passioni omosessuali del Novecento", le definirei "biografie di omosessuali che hanno avuto storie d'amore importanti". Il titolo, quindi, non rispecchia appieno il contenuto. Ciò non toglie però che il libro sia ben scritto e scorrevole da leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Ho comprato il libro per caso, e soprattutto perché era venduto ad 1 euro, e devo dire che sono contento di averlo fatto.
    Un susseguirsi di storie, a volte tormentate, altre più felici, in cui protagonista è l'amore, indipendentemente dall'orientamento sessuale e dalle preferenze che una pe ...continua

    Ho comprato il libro per caso, e soprattutto perché era venduto ad 1 euro, e devo dire che sono contento di averlo fatto.
    Un susseguirsi di storie, a volte tormentate, altre più felici, in cui protagonista è l'amore, indipendentemente dall'orientamento sessuale e dalle preferenze che una persona possa avere.
    Ho avuto modo di approfondire storie che già conoscevo, e scoprire storie delle quale non sapevo l'esistenza.
    Interessante lettura, che scorre molto velocemente, grazie allo stile di scrittura dell'autrice.

    ha scritto il 

  • 3

    Liberi di amare

    L'ho preso in mano in libreria perchè mi aveva incuriosito una presentazione televisiva. L'ho comprato per la citazione proustiana, folgorante come solo Marcellino sa essere, posta in testa al volume: "Si ama solo ciò che non si possiede del tutto". Ogni capitolo ha una citazione: una più bella d ...continua

    L'ho preso in mano in libreria perchè mi aveva incuriosito una presentazione televisiva. L'ho comprato per la citazione proustiana, folgorante come solo Marcellino sa essere, posta in testa al volume: "Si ama solo ciò che non si possiede del tutto". Ogni capitolo ha una citazione: una più bella dell'altra. E già dalla loro somma viene fuori un ritratto dell'amore tutto il contrario di convenzionale ("contro ogni convenzione morale" dice la quarta di copertina): l'amore come scelta di libertà voluta, ma anche come fatica, come vergogna, come scambio permanente e continuo di ruoli tra uomo e donna, addirittura come un fatto da "tigri". L'ho letto con alternante curiosità. Dico che non è un capolavoro: a tratti risente dello stile cronachistico di cui sono spesso malati i libri scritti da giornalisti anche molto bravi com'è appunto la Laurenzi (ed è per questo che li frequento pochissimo). Però dico anche che è lo stesso un libro che vale la pena di leggere. Non solo perchè parla di una serie di amori "diversi", tra omosessuali, e che si scopre essere semplicemente e meravigliosamente grandi amori e basta. Sono d'accordo con Eleanor Roosevelt, protagonista della storia che mi è piaciuta di più: "Credo che nessuna forma d'amore debba essere disprezzata". Ed è un libro da leggere non solo perchè si tratta di gente che ha avuto "qualità" e vite non comuni. Va letto soprattutto perchè è un libro che fa riflettere sul ruolo eversivo che l'amore può giocare nelle vite delle persone. Sul modo in cui le travolge e le stravolge, le cambia, le ferisce e le conferisce un segno ed un senso, tanto più impressionanti in quanto improvvisi ed inattesi. Ed è un libro sul coraggio, che la sfida di vivere storie così radicali e così radicalmente complicate, richiede. Fa riflettere sulla profondità del livello di sensibilità e di identificazione nell'oggetto d'amore e di reciproca conoscenza al quale possono arrivare uomini e donne in situazioni così estreme di coinvolgimento emotivo. Quando come canta Vecchioni nella sua canzone più bella, il cielo si capovolge. E' un libro di storie in cui, come dice ad un certo punto l'autrice, "tutto è fuori scala..fuori misura". Viene da pensare che solo spendendo una overdose così letale di passione e di coraggio ed anche di intima, spaventevole sofferenza si può arrivare a cogliere quello che la vita talvolta ti mette davanti ed a percepirne tutta la sua abbagliante bellezza, "una bellezza terrificante", appunto. Alla fine viene da chiedersi: la sana, tanto esaltata normalità rassicura e protegge si, ma di quanto, quotidianamente, ci deruba? Si vale proprio la pena di leggerlo.

    ha scritto il 

  • 4

    Prima di acquistarlo non so quante volte me lo sono rigirato tra le mani..indecisa. Poi alla fine è finito nella borsa.
    E non appena ho letto le prime pagine non sono riuscita più a chiuderlo.
    Il tema centrale è l'amore; ma non l'amore eterosessuale, bensì quello bisessuale o omosessual ...continua

    Prima di acquistarlo non so quante volte me lo sono rigirato tra le mani..indecisa. Poi alla fine è finito nella borsa.
    E non appena ho letto le prime pagine non sono riuscita più a chiuderlo.
    Il tema centrale è l'amore; ma non l'amore eterosessuale, bensì quello bisessuale o omosessuale. Un libro che racconta la vita intima di personaggi di spicco, scrittrici, attrici, cantanti, stilisti alle prese con il loro lato più segreto della sessualità.
    E ci racconta con pura poesia (la scrittrice ha una sensibilità eccezionale quando scrive) i loro tormenti, i loro eccessi, la loro ferocia nell'addentare la vita, consci che nel ventesimo secolo le loro scelte erano senza ombra di dubbio incredibilmente difficili.

    ha scritto il