Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Licenziare i padreterni

L'Italia tradita dalla Casta

Di ,

Editore: Rizzoli

3.9
(121)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 183 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 881705402X | Isbn-13: 9788817054027 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Non-fiction , Political , Social Science

Ti piace Licenziare i padreterni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Un'ulteriore conferma dello schifo al governo

    Non c'è molto da dire su questo libro inchiesta:con uno stile abbastanza simile a quello di Mario Giordano con i vari "Sanguisughe" e "Spudorati" ci viene presentato un elenco delle tante torte che vengono mangiate alle nostre spalle dalla nostra classe politica.
    Da leggere, ma vi avverto:s ...continua

    Non c'è molto da dire su questo libro inchiesta:con uno stile abbastanza simile a quello di Mario Giordano con i vari "Sanguisughe" e "Spudorati" ci viene presentato un elenco delle tante torte che vengono mangiate alle nostre spalle dalla nostra classe politica.
    Da leggere, ma vi avverto:state leggeri a tavola prima della lettura perché il rischio di indigestione è molto forte.

    ha scritto il 

  • 4

    La verita' fa male.

    Si parla di cifre relative a Senato, Camera, Regioni, Province; tutti numeri che si conoscono e che fanno a pugni con i sacrifici che i politici chiedono al popolo Italiano. Le cifre si conoscono per averle lette nei vari giornali ma certamente fanno impressione vederle riunite e fa scattare quel ...continua

    Si parla di cifre relative a Senato, Camera, Regioni, Province; tutti numeri che si conoscono e che fanno a pugni con i sacrifici che i politici chiedono al popolo Italiano. Le cifre si conoscono per averle lette nei vari giornali ma certamente fanno impressione vederle riunite e fa scattare quel senso di rabbia che fa dire: dove sono i politici di una volta?
    Non e' populismo ma se la classe politica odierna non ci fosse forse avremmo risolto il problema del debito pubblico.
    La rabbia che scaturisce dall' ostentazione con cui esibiscono i loro privilegi.. e' come se chiedessero agli Italiani i sacrifici mentre lo annunciano da una vasca Jacuzzi sorseggiando dello Champagne.
    Mi spiace dirlo ma non vedo come questo paese possa cambiare tramite questi signori.. destra, sinistra e centro uguali sono: 0 etica, tanto potere e soldi; non e' il modo di fare politica!!

    ha scritto il 

  • 4

    La conferma di uno schifo.

    Un libro che conferma il disprezzo verso lo stato italiano.
    Una somma di dati che la dice lunga su cosa sia questo stato e quanto sia irriformabile.
    Certo comunque Stella fa della denuncia un mestiere fatto molto bene, peccato che sia specializzato a far venire la nausea e la rabbia.< ...continua

    Un libro che conferma il disprezzo verso lo stato italiano.
    Una somma di dati che la dice lunga su cosa sia questo stato e quanto sia irriformabile.
    Certo comunque Stella fa della denuncia un mestiere fatto molto bene, peccato che sia specializzato a far venire la nausea e la rabbia.
    Un libro che va letto da tutti coloro che si definiscono "orgogliosi di essere italiani"...

    ha scritto il 

  • 4

    INDECENTE!

    E nel frattempo ci chiedono sacrifici per rimettere i conti a posto!
    Ma a quale posto si riferiranno mai questi parassiti, questi vergognosi, cattivi esempi del genere umano, sempre che si possa affermare che appartengano a tale genere queste sanguisughe!

    Ma poi perchè prendersela "s ...continua

    E nel frattempo ci chiedono sacrifici per rimettere i conti a posto!
    Ma a quale posto si riferiranno mai questi parassiti, questi vergognosi, cattivi esempi del genere umano, sempre che si possa affermare che appartengano a tale genere queste sanguisughe!

    Ma poi perchè prendersela "solo" con loro.
    Mi ripeto, ci "rappresentano" e quindi.......che schifo!

    ha scritto il 

  • 4

    una raccolta di numeri sui bilanci dello stato degli ultimi anni, i compensi dei nostri governanti a confronto con quelli di altri paesi, dichiarazioni di privilegiati che si sentono davvero dei padreterni e continueranno a esserlo in un'Italia imborghesita per certi versi, che accetta ormai tutt ...continua

    una raccolta di numeri sui bilanci dello stato degli ultimi anni, i compensi dei nostri governanti a confronto con quelli di altri paesi, dichiarazioni di privilegiati che si sentono davvero dei padreterni e continueranno a esserlo in un'Italia imborghesita per certi versi, che accetta ormai tutto passivamente e rassegnata. "beata ignoranza" calza a pennello in questo caso in cui la conoscenza crea davvero disagio, senzo di impotenza, umiliazione e rabbia..io spero sempre in un risveglio della coscienza popolare, chissà che questa crisi non dia una spintarella...

    ha scritto il 

  • 2

    Il posto in classifica: 61esimi.

    Chi? Ma certo, noi e l'Italia? E con noi chi ci dileggia all'estero per la classe politica che abbiamo scelto (o trovato) e che ci governa. Leggere, poi, di come ci continuano a prendere per fessi e farne dei best seller è oltremodo irritante. Con buona pace di Stella & Co.

    ha scritto il 

  • 3

    la solita Italietta

    Storia tragicomica di un paese governato da furbetti.
    Nuovo libro che indica come questo paese sia governato da politicanti approfittatori invece che da politici responsabili.
    Un continua circo di Puttane di stato, nani e ballerine (assolutamente fuor di metafora) che pensano prima (a ...continua

    Storia tragicomica di un paese governato da furbetti.
    Nuovo libro che indica come questo paese sia governato da politicanti approfittatori invece che da politici responsabili.
    Un continua circo di Puttane di stato, nani e ballerine (assolutamente fuor di metafora) che pensano prima (anzi solo) al loro tornaconto.
    Il libro è un po' troppo didascalico: un elenco anche troppo lungo di misfatti politici. Non si parla di soluzioni: forse le forche, quelle vere, dovrebbero soppiantare quelle mediatiche.

    ha scritto il