Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'idiota

By Fedor M. Dostoevskij

(274)

| Others | 9788804394907

Like L'idiota ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Pubblicato nel 1868, è la storia della sconfitta di un uomo "assolutamentebuono", il principe Myskin. Un romanzo intricatissimo di avvenimenti, pienodi affetti opposti e di opposti sentimenti morali che dominano tutta l'operaentro cu Continue

Pubblicato nel 1868, è la storia della sconfitta di un uomo "assolutamentebuono", il principe Myskin. Un romanzo intricatissimo di avvenimenti, pienodi affetti opposti e di opposti sentimenti morali che dominano tutta l'operaentro cui si agitano bene e male, odio e amore.

552 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Uno dei libri più belli della mia vita

    Is this helpful?

    sunrise said on Jul 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Fantastico !

    Consiglio a tutti questo libro fantastico di Dostoevskij. Se dovrei riassumere le cose che mi sono piaciute di più di questo capolavoro letterario, le ordinerei in 5 punti essenziali.
    1. LA TRAMA: piena di colpi di scena e triste scelte che rendono l ...(continue)

    Consiglio a tutti questo libro fantastico di Dostoevskij. Se dovrei riassumere le cose che mi sono piaciute di più di questo capolavoro letterario, le ordinerei in 5 punti essenziali.
    1. LA TRAMA: piena di colpi di scena e triste scelte che rendono la trama un po' complessa nell'insieme e malinconica. Oserei dire che questo libro riesce a farti immedesimare talmente nei vari personaggi del romanzo stesso, da permetterti di vivere un'esperienza di lettura strabiliante.
    2. LE STORIE SECONDARIE : oltre alla trama, un altro elemento che mi è piaciuto molto è stato l'insieme delle storie secondarie che rendono il libro tortuoso, ma allo stesso tempo molto più vario e ampio.
    3. LA CARATTERIZZAZIONE DEI PERSONAGGI : questo fattore, oltre ad un altro, ha reso questo libro fantastico. La bravura con cui l'autore ha descritto i vari personaggi è veramente incredibile. I ritratti fisici e soprattutto psicologici dei protagonisti ha permesso al libro di "Prendere Vita". Personaggi come "Il Principe", Nastas'ja Filippovna e Lizaveta Prokof'evna, caratterizzati nel giusto modo, rendono un libro un vero "Capolavoro".
    4. L'AMBIENTAZIONE : l'ambientazione del romanzo ha permesso, assieme alla trama, un pieno coinvolgimento del lettore. Dai salotti dell'Alta Società fino ad arrivare ai Modi e Costumi dell'epoca, questo romanzo descrive in modo realistico e in chiave critica la Russia dell'ottocento.
    5. I DIALOGHI : i dialoghi sono indescrivibili. Le conversazioni tra i personaggi permettono all'autore di esprimere tutte le sue idee su temi come la pena di morte e il cattolicesimo. Questo fattore ha reso questo libro quello che è. Non voglio aggiungere altro su questo argomento per non rovinarvi la bellezza che le pagine di questo libro offrono.

    E' da osservare la scarsa qualità dell'edizione che non eccelle (copertina rovinata e vari errori di battitura).

    Is this helpful?

    Diego Wazzaap said on Jul 13, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il mio primo rapporto con Dostoevskij, dopo tanto Tolstoj (che amo alla follia): traumatico, a dir poco.
    Credevo di andare a colpo sicuro con un classico russo, e invece l'impatto mi ha spiazzato. Lento, con personaggi costruiti così teatralmente da ...(continue)

    Il mio primo rapporto con Dostoevskij, dopo tanto Tolstoj (che amo alla follia): traumatico, a dir poco.
    Credevo di andare a colpo sicuro con un classico russo, e invece l'impatto mi ha spiazzato. Lento, con personaggi costruiti così teatralmente da renderli irreali e grotteschi all'estremo, incluso il protagonista, il principe Myskin. Buono, semplice, "idiota", mi ha fatto giungere alla conclusione che lui è un incapace di amare, forse proprio in virtù della sua bontà assoluta. Se l'amore è una prerogativa dell'uomo, per sua natura imperfetto, come può l'essere più perfetto essere in grado di amare?
    Lui non ha mai amato né Nastas'ja né Aglaja. Amava l'idea di amare le donne malinconiche per natura, ma l'amore vero non sapeva neanche cosa fosse.
    Scrittura lenta, belle riflessioni politiche e antropologiche, personaggi spesso divertenti, fin troppo prolisso.

    Is this helpful?

    Haras said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    DICIAMO CHE

    Ho iniziato wuesto libro nel momento sbagliato.
    non riuscivo ad apprezzarlo come dovrebbe.

    Rimando la lettura ad un periodo più tranquillo!!

    Is this helpful?

    bradipomissile said on Jun 26, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book