Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ligeramente casados

1º Familia Bedwyn

By

Publisher: Cisne

4.0
(251)

Language:Español | Number of Pages: 352 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , Italian

Isbn-10: 8483464772 | Isbn-13: 9788483464779 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback

Category: Fiction & Literature , History , Romance

Do you like Ligeramente casados ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

Un romance en la Inglaterra del siglo XIX da inicio a la aclamada serie de los hermanos Bedwyn.

Aidan Bedwyn tiene fama de altivo y arrogante pero también es un hombre de honor. Por eso está dispuesto a cumplir la promesa que le hizo al valiente capitán Morris en el campo de batalla: proteger a su hermana Eve. La elegante y orgullosa Eve no quiere admitir que este aristócrata presuntuoso es el único hombre que puede salvarla de la ruina. Pero si no se casa en el término de pocos días, perderá su herencia y su hermosa casa. ¿Aceptará Eve un matrimonio de conveniencia?

Sorting by
  • 3

    romanzo molto ben scritto, in cui un matrimonio di assoluta convenienza si trasforma in matrimonio d'amore. il colonnello (e conte) è molto ben tratteggiato nel suo rigore militare, la sposa che risch ...continue

    romanzo molto ben scritto, in cui un matrimonio di assoluta convenienza si trasforma in matrimonio d'amore. il colonnello (e conte) è molto ben tratteggiato nel suo rigore militare, la sposa che rischia di perdere tutti i suoi averi, che si preoccupa di chi dipende da lei dunque vuole salvare loro, oltre che se stessa, è realistica e credibile. un libro sull'onore, con un fantastico fratello maggiore del protagonista, il duca. primo romanzo di una saga, non vedo l'ora di leggere gli altri per dire la mia. brava mary.

    said on 

  • 3

    Bedwyn libro 1

    La serie è ambientata a cavallo tra il 1814 e 1815, quindi nel pieno delle Guerre Napoleoniche e sino alla battaglia finale di Waterloo, e vede come protagonisti sei fratelli, dal primogenito Wulfric, ...continue

    La serie è ambientata a cavallo tra il 1814 e 1815, quindi nel pieno delle Guerre Napoleoniche e sino alla battaglia finale di Waterloo, e vede come protagonisti sei fratelli, dal primogenito Wulfric, il Duca erede del titolo, sino alla sorella più piccola Morgan. Si tratta di sei fratelli molto affiatati tra loro (anche se non vogliono ammetterlo), accomunati da sentimenti di fierezza, orgoglio, un forte lato snob e, fisicamente, da un naso “importante”, aquilino (un po’ il marchio di fabbrica della famiglia). Come è solito dire il Duca, i Bedwyn quando si sposano lo fanno tremendamente “sul serio”, ovvero magari preferiscono attendere qualche anno in più rispetto alle consuetudini dell’epoca, ma quando lo fanno è perché ci credono sino in fondo (anche se, inizialmente, il tutto è stato combinato a tavolino).

    Il primo romanzo è dedicato al secondogenito Aidan, il figlio cadetto a cui è stata imposta la carriera militare e che è rimasto via da casa per ben dodici anni. Sul campo di battaglia il colonnello Bedwyn promette a un suo capitano in punto di morte di proteggere la sorella di lui “a qualunque costo”.

    Aidan è un personaggio maschile imponente e dall’aspetto severo, il classico soldato tutto d’un pezzo che cerca sempre di fare la cosa giusta, anche se gli risulta difficile esternare i propri veri sentimenti. Eve, a sua volta, è una giovane donna sola ma molto determinata, e parecchio generosa.
    Devo ammettere che in quest’unione, inizialmente di sola convenienza, ho apprezzato le schermaglie tra Eve e il colonello, nonché con il Duca di ghiaccio capofamiglia, mentre avrei preferito più spazio per le scene d’amore. Anche se forse era proprio questo l’intento della Balogh, dare l’idea della rigidità e del formalismo di un matrimonio tra estranei, che rimaneva tale anche nella camera da letto (salvo colpi di scena d’innamoramento che capitano – appunto - solo nei romanzi).

    said on 

  • 4

    I personaggi all'inizio sembravano divisi in buoni-genuini contro
    cattivi-impostati, o almeno questa è stata la mia impressione. Ho
    adorato Eve, con la sua semplicità, la sua bontà d'animo, la sua
    gen ...continue

    I personaggi all'inizio sembravano divisi in buoni-genuini contro
    cattivi-impostati, o almeno questa è stata la mia impressione. Ho
    adorato Eve, con la sua semplicità, la sua bontà d'animo, la sua
    gentilezza, il suo orgoglio così come ho adorato tutti i suoi "casi umani"(come vengono definiti nel libro): a partire dalla governante-generale fino ad arrivare ai due bambini.
    Ho invece odiato tutta, ma proprio tutta la famiglia Bedwyn: che arroganza, che antipatia! E mentre leggevo mi chiedevo: come farò a sorbirmi altri 5 romanzi con questi protagonisti?
    A mano a mano le cose cambiano, e la caratterizzazione del personaggio di Bewcastle e le sue interazioni con i due protagonisti rimangono tra le cose più piacevoli di questo
    libro.

    Eve e Aidan sembrano nati per stare insieme, anche se io non ho
    captato (non so se per colpa mia o semplicemente demerito
    della Balogh) un passaggio graduale dal rapporto di convenienza
    all'amore, ma questa può essere stata solo una mia impressione!

    La trama non è molto originale: il matrimonio di convenienza, i due protagonisti che si ritrovano a convivere loro malgrado e che
    scoprono l'amore...ma la Balogh è un'autrice più attenta alle
    emozioni che all'azione.

    Non è il libro più bello della Balogh, io ho apprezzato di più i
    primi due dei cavalieri dell'apocalisse, La melodia del cuore e
    Perfido intrigo, ma cmq è un'ottimo inizio per una delle saghe più
    apprezzate tra le lettrici di romance.

    VOTO:7.5

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    A qualunque costo...

    Non aveva mai sorriso,anzi,aveva sempre avuto un'aria poco meno che feroce.Eppure,Eve sentiva di aver avuto uno scorcio della natura più profonda di un uomo che non avrebbe mai neppure cominciato a ...continue

    Non aveva mai sorriso,anzi,aveva sempre avuto un'aria poco meno che feroce.Eppure,Eve sentiva di aver avuto uno scorcio della natura più profonda di un uomo che non avrebbe mai neppure cominciato a conoscere...

    Con l'aria burbera,feroce,il nasone,l'aria torva, il colonnello Aidan riesce a conquistare,eh sì perchè fa tenerezza,sotto la corazza c'è una sensibilità,una dolcezza che cerca in tutti i modi di nascondere...una storia d'amore dolce,romantica,l'inizio di una saga di cui iniziamo a conoscere i personaggi,la famiglia Bedwyn promette tante emozioni.Consigliato!

    said on 

  • 3

    diciamo tre stellime e mezzo! Libro ben scritto e godibile, per niente noioso, ma i personaggi mi sono sembrati un po' sbiaditi rispetto a quello che avrebbero dovuto e potuto essere. Non c'è passione ...continue

    diciamo tre stellime e mezzo! Libro ben scritto e godibile, per niente noioso, ma i personaggi mi sono sembrati un po' sbiaditi rispetto a quello che avrebbero dovuto e potuto essere. Non c'è passione nè sentimenti forti e definiti.

    said on 

  • 4

    Così prende il via la saga dei Bedwyn...

    ...con un uomo d'onore, coraggioso, ma serio e quasi glaciale e con una donna troppo generosa e sola, ma dall'animo forte e fiero nonostante le modeste origini. Lui ha fatto una promessa al fratello d ...continue

    ...con un uomo d'onore, coraggioso, ma serio e quasi glaciale e con una donna troppo generosa e sola, ma dall'animo forte e fiero nonostante le modeste origini. Lui ha fatto una promessa al fratello di lei; lei si vedrà costretta dagli eventi ad accettare la sua proposta: sposarlo.
    Si tratta di un matrimonio di convenienza, ma che a poco a poco porterà Eve a scoprire l'amore per un uomo tutt'altro che facile e Aidan a sciogliere il gelo e la solitudine del proprio cuore.
    Un romance ben scritto e che trascina, e anche se preferisco le storie un po' più "movimentate", l'ho letto con piacere e credo proprio che continuerò anche con le storie degli altri Bedwyn.

    said on 

  • 4

    Posso dire che mi piace come scrive la Balogh. L'accurata ricostruzione del periodo Regency (che adoro), le descrizioni di ambienti e paesaggi, ma anche dei sentimenti dei protagonisti (che ho trovato ...continue

    Posso dire che mi piace come scrive la Balogh. L'accurata ricostruzione del periodo Regency (che adoro), le descrizioni di ambienti e paesaggi, ma anche dei sentimenti dei protagonisti (che ho trovato "intense" in diversi passi: cosa che apprezzo molto in un romance). Mi ha fatto anche piacere "rivedere" i terribili fratelli Bedwyn, già incontrati in "Un'estate da ricordare". Se riuscirò a reperire gli altri romanzi della serie, li leggerò volentieri.
    Un paio di cose, invece, non ho apprezzato tantissimo, in questo come negli altri due romanzi che ho letto di questa autrice.
    La prima è che non riesco a "farmi piacere" fino in fondo i protagonisti, sia maschili che femminili: a volte non mi piacciono fisicamente, a volte li trovo noiosi (uomini troppo seriosi - ad eccezione di Kit Ravensberg, che però, accidenti, è bassino! - donne altrettanto seriose e tanto, troppo... angeliche dame di carità). Ma, ovviamente, è un mio problema, legato ad idiosincrasie personali.
    La seconda è che, quando ci si avvicina alla fine e la vicenda "si risolve", i dialoghi tra i due protagonisti diventano terribilmente melensi. Ma, anche in questo caso, il problema è mio che, nonostante ami il romance, sono piuttosto intollerante... agli zuccheri! E' così contraddittorio?

    said on